Consigli per un Concordato Preventivo

Tramite: O2O 18/06/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Intraprendere un'attività lavorativa come imprenditore non è semplice. Talvolta lavorare in proprio potrebbe far guadagnare mensilmente abbastanza denaro, altre volte la situazione potrebbe risultare complessa da affrontare. Quando l'azienda si trova in difficoltà, generalmente bisogna fare tanta pubblicità. In questo modo, si ha l'opportunità di trovare magari quella clientela che permette di risolvere i problemi. Se nonostante ciò i guadagni non aumentano, occorre dichiarare la crisi economica dell'impresa. A tal proposito, è necessario ricorrere ad una delle cinque procedure concorsuali esistenti. Nel presente tutorial sul diritto commerciale vediamo 5 consigli per un Concordato Preventivo, regolato negli articoli 160-186 della legge fallimentare.

27

Caratteristiche generali

L'imprenditore che attraversa una situazione di complessità economica ed oltrepassa almeno uno dei limiti dimensionali stabiliti dall'articolo 1 della legge fallimentare può evitare il fallimento della società. Ciò avviene normalizzando le proprie relazioni con i creditori tramite un concordato preventivo. Il presupposto oggettivi di tale procedura concorsuale non è soltanto la situazione di crisi economica dell'imprenditore, ma anche lo stato di insolvenza. Quando la difficoltà risulta temporanea e reversibile, il concordato preventivo ha l'obiettivo di superarla con il risanamento economico e finanziario dell'impresa. La crisi risulta invece definitiva ed irreversibile? Lo scopo del concordato preventivo è quello di evitare il fallimento dell'azienda. Tale procedura concorsuale permette all'imprenditore di liberarsi per la parte eccedente la percentuale concordataria e le gravi conseguenze patrimoniali/penali del fallimento.

37

Presupposti e contenuto

Attraverso la presentazione della proposta di concordato preventivo, non bisogna obbligatoriamente soddisfare per intero i creditori privilegiati. Quest'ultimo devono comunque venire soddisfatti in misura almeno pari a quanto gli stessi potrebbero conseguire sul ricavato ottenibile dalla liquidazione, in ragione della loro collocazione preferenziale. Il valore di mercato del bene o diritto sul quale esiste la causa di prelazione va stimato da un esperto. Quest'ultimo viene proposto dal tribunale, fra gli iscritti nel registro dei revisori contabili appartenenti alle categorie professionali specificate dalla legge (come avvocati, commercialisti o ragionieri). Il concordato preventivo consente di perseguire la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei crediti tramite qualsiasi forma. Tale procedura concorsuale può consistere in una dilazione dei termini di pagamento, nel soddisfacimento parziale dei creditori o in entrambe le soluzioni. Il concordato preventivo può ordinare l'attribuzione delle attività imprenditoriali ad un assuntore o la divisione dei creditori in classi secondo posizione giuridica ed interessi economici omogenei.

Continua la lettura
47

Ammissione alla procedura concorsuale

La fase iniziale della procedura di concordato preventivo consiste nella richiesta di ammissione dei debitore, presentata ricorrendo al tribunale del luogo in cui egli ha la sede principale dell'impresa. Alla domanda vanno allegati tre documenti: relazione di situazione patrimoniale, economica e finanziaria; stato analitico e relativi valori delle attività; elenco dei creditori e titolari di diritti reali/personali su beni di proprietà o in possesso del debitore. Come accompagnamento alla proposta e agli allegati deve esserci la relazione di un professionista scelto dal debitore tra gli iscritti nel registro dei revisori contabili. Tale esperto ha il compito di attestare la veridicità delle informazioni aziendali e la fattibilità del piano. Dopodiché il tribunale dovrà accertare la ricorrenza dei presupposti richiesti dalla legge per l'ammissione ed in caso positivo dichiara l'apertura del concordato preventivo. Il debitore mantiene comunque l'amministrazione dei suoi beni e prosegue la gestione societaria con la vigilanza del commissario giudiziale. Per gli atti eccedenti l'ordinaria amministrazione, occorre l'autorizzazione del giudice delegato. In caso opposto, gli atti risultano inefficaci e viene dichiarato il fallimento dell'azienda con sentenza. Per i creditori anteriori al decreto di ammissione al concordato preventivo, vale il cosiddetto principio della par condicio creditorum.

57

Svolgimento della procedura concorsuale

Il concordato preventivo si articola in una duplice fase e la prima riguarda l'approvazione della proposta da parte dei creditori. L'adunanza di quest'ultimi deve venire presieduta dal giudice delegato ed i creditori privilegiati non hanno l'opportunità di votare. Esclusi dal voto sono anche i parenti del debitore ed i cessionari dei loro crediti. Per approvare il concordato preventivo, è necessaria la maggioranza dei crediti e delle eventuali classi previste. Quando la proposta viene respinta, il tribunale emette la sentenza di fallimento del debitore. In caso di approvazione, si passa invece al giudizio di omologazione della procedura concorsuale. Durante questa fase, il tribunale potrebbe anche compiere una verifica di merito sulla convenienza del concordato preventivo. Ciò avviene quando viene sollevata una contestazione da parte di almeno un creditore appartenente ad una delle classi dissenzienti. Se il credito dell'opponente può soddisfarsi in misura non inferiore rispetto alle soluzioni alternative praticabili, il tribunale può omologare comunque la proposta. Contro il decreto di omologazione o respingimento del concordato preventivo e l'eventuale sentenza di fallimento, si ha l'opportunità di proporre reclamo alla corte d'appello.

67

Esecuzione, risoluzione ed annullamento della procedura concorsuale

L'esecuzione del concordato preventivo va effettuata con la sorveglianza del commissario giudiziale, in funzione delle modalità previste nel decreto di omologazione. Il tribunale nomina i liquidatori ed un comitato di creditori per assistere alla liquidazione, se la procedura concorsuale riguarda la cessione dei beni ai creditori. Il concordato preventivo si può tranquillamente risolvere od annullare. La risoluzione si basa sull'inadempimento della procedura concorsuale e viene pronunciata dal tribunale su richiesta di ogni creditore in due casi. Quando il proponente non adempie regolarmente agli obblighi derivanti dalla procedura concorsuale o non vengono costituite le garanzie promesse. L'annullamento può venire disposto dal tribunale su richiesta del curatore o di qualsiasi creditore, qualora venga scoperto che il passivo venne dolosamente esagerato od una parte importante dell'attivo venne sottratta/dissimulata. Anche in caso di risoluzione o annullamento del concordato preventivo, il tribunale dovrà valutare l'esistenza dei presupposti per la dichiarazione di fallimento. Ciò deve avvenire su istanza dei creditori oppure del pubblico ministero.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come richiedere l'emissione di un preventivo

Oggi in questa guida cercheremo di capire esattamente come richiedere l'emissione di un preventivo, qualsiasi sia la nostra ditta in questione. Come ben sappiamo tutte le aziende, prima di acquistare della merce cercano di farsi un'idea approssimativa...
Aziende e Imprese

Come fare un preventivo di lavoro

Come vedremo nel corso di questa guida, realizzare un preventivo di lavoro perfetto, consente ad un nostro potenziale cliente di valutare adeguatamente le specifiche condizioni che gli offriamo, e dunque aumentare le possibilità che egli possa firmare...
Aziende e Imprese

Come fare un bilancio preventivo

La creazione di un bilancio preventivo può essere estremamente difficile e rischiosa se non fatta nella maniera corretta. Tant'è che soltanto il 40% circa delle famiglie decide di eseguirlo e di affidarsi ad esso. Ad ogni modo, è bene sapere sin da...
Aziende e Imprese

Come fare un preventivo edile

Costruire la casa è un processo che richiede sicuramente una grande quantità di pianificazione e di controllo del budget, in quanto ci sono molti punti di valutazione differenti, soprattutto per il calcolo delle spese che occorrono per la costruzione...
Aziende e Imprese

5 consigli per avviare una start up

Se siete giovani e con tanta voglia di mettervi in gioco, una bella idea è quella di avviare una start up. Un'impresa di questo tipo ha il grande vantaggio di crescere progressivamente e di poter fare il lavoro che davvero si desidera. Tuttavia, è bene...
Aziende e Imprese

Comprare un'attività già avviata: 5 consigli

Se avete da sempre un sogno imprenditoriale, forse è davvero arrivato il momento di realizzarlo. Aprire un'attività è una cosa piuttosto complicata, ma non per questo impossibile: ricordate sempre che se potete sognarlo, potete anche farlo. Quindi...
Aziende e Imprese

10 consigli per scegliere il nome di un ristorante

La scelta del nome del ristorante è molto importante, quanto la scelta dello stile. È la prima cosa che notano i clienti prima di entrare nel ristorante e non bisogna assolutamente sottovalutare l'aspetto psicologico della questione. Il nome di un ristorante...
Aziende e Imprese

Consigli per diventare affittacamere

Nei tempi d'oggi, cercare un lavoro o meglio, cercare d'inventarselo, non è di certo facile.Ecco perché anche noi vogliamo dare una mano, a tutti coloro che sono alla ricerca di un lavoro, questo articolo per capire quali possono essere i migliori consigli,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.