Conseguenze sanzionatorie del licenziamento individuale illegittimo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il licenziamento singolo, può far incorrere il datore di lavoro in alcune particolari sanzioni, se ciò avviene in modo illegittimo e senza una giusta causa. In questa guida, vediamo nel dettaglio quali sono le conseguenze sanzionatorie del licenziamento individuale illegittimo, di un singolo lavoratore.

24

Le conseguenze legate al licenziamento non sono sempre uguali, ma variano in base a delle leggi specifiche ben precise; infatti, ad esempio il nuovo statuto dei lavoratori (art.18), prevede in certi casi, la possibilità da parte del giudice di annullare il licenziamento in assenza di giusta causa o di giustificato motivo. Invece se si applica la Legge 604/1966 il licenziamento privo di giusta causa quindi illegittimo, non viene dichiarato annullabile, ma espone il datore di lavoro a delle conseguenze sanatorie, per cui quest'ultimo per evitarle, potrebbe ripensarci e ritornare sulla sua decisione.

34

La tutela del lavoratore prevista dall’art. 18 della Legge 300/1970 va applicata nei confronti dei datori di lavoro, siano essi imprenditori o non, che occupano più di quindici dipendenti nella loro azienda, o che abbiano alle dipendenze più di sessanta lavoratori, indipendentemente dalle sezioni produttive (esempio 4 stabilimenti produttivi da 15 dipendenti). Questa tutela del lavoratore licenziato, è stata rivisitata con la legge 92/2012 che riguardava la riforma del mercato del lavoro, ed è unica per tutti i licenziamenti illegittimi. Prima di questa nuova normativa, il giudice con una sentenza poteva annullare il licenziamento senza giusta causa, ordinando al datore di lavoro di reintegrarlo, immediatamente sul posto di lavoro. Inoltre, lo stesso giudice condannava il datore ad un risarcimento del danno subito dal lavoratore, con un indennizzo calcolabile dal giorno del licenziamento fino a quello del reintegro e comunque non inferiore a cinque mensilità, pur nel caso si trattasse ad esempio di tre mesi.

Continua la lettura
44

Con la riforma del 2012 il regime sanzionatorio nei confronti del datore di lavoro è stato modificato. La nuova normativa infatti prevede, una sanzione applicabile in base alla gravità o ai vizi di forma del licenziamento. Attualmente il regime sanzionatorio, si contraddistingue in base ad elementi ben precisi, come ad esempio il reintegro immediato se il licenziamento è stato causato da un'assenza per paternità o maternità, oppure se non è avvenuto a mezzo di comunicazione scritta, che viene quindi dichiarato nullo dal giudice del tribunale del lavoro, oppure se illegittimo per disguidi personali. In quest'ultimo caso il lavoratore può chiedere al datore di lavoro, in alternativa al reintegro nell'azienda, un'indennità corrispondente a 15 mensilità, a partire dall’ultima ricevuta prima del licenziamento. Ovviamente tale atteggiamento, prevede l'interruzione definitiva del rapporto di lavoro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Le regole sul licenziamento introdotte con il Jobs Act

Con il Jobs Act, il governo Renzi ha messo a punto una profonda riforma dei contratti di lavoro per favorire un rilancio dell’occupazione. Il Jobs Act non modifica i diritti acquisiti, cioè quelli dei lavoratori già assunti a tempo indeterminato,...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare l'Indennità per licenziamento illegittimo

Il licenziamento di un dipendente è da sempre alla base nel mercato del lavoro. Che sia giusto o sbagliato, a volte può essere necessario, altre volte ingiustificato. Una branca particolare della materia è quella che riguarda quello "illegittimo" ovvero...
Lavoro e Carriera

Motivi per impugnare un licenziamento

I motivi per i quali è possibile impugnare un licenziamento sono diversi. Ogni caso va valutato nei dettagli, esaminando l'esatta responsabilità del datore. Tuttavia ci sono alcuni motivi validi per legge che permettono di impugnare un licenziamento....
Lavoro e Carriera

Contratto a tempo indeterminato: cause di licenziamento

Avere un contratto a tempo indeterminato significa avere un termine, un limite per poi cessare e chiudere il contratto. Nel contratto però non sarà presente un limite determinato o al termine di un attività o alla conclusione di un lavoro. Tuttavia,...
Lavoro e Carriera

Licenziamento e dimissioni

Per estinguere un rapporto di lavoro, è necessario che entrambe le parti cioè sia il datore di lavoro che il dipendente, recedano da un rapporto lavorativo con un licenziamento o con delle dimissioni. Tutte e due le cose, sono disciplinate con le leggi...
Lavoro e Carriera

Come essere tutelati da un licenziamento

La fonte fondamentale per il mantenimento di una famiglia è il lavoro. Coloro che sono supervisionati da un datore di lavoro sono soggetti ad un possibile licenziamento. Infatti, in Italia la percentuale di disoccupati è in aumento, ma non preoccupatevi....
Lavoro e Carriera

Licenziamento senza preavviso

Gli articoli 337 e 337d della Costituzione, regolano il licenziamento senza preavviso, possibile solo nel caso di provvedimenti disciplinari per giusta motivazione. Assolutamente non può esistere il licenziamento senza preavviso per il dipendente in...
Lavoro e Carriera

Dimissioni del lavoratore: il principio di libera recedibilità

Il lavoro è una delle attività più importanti per la vita di ogni persona ma, sebbene ci si trovi in un periodo di profonda crisi economica, può capitare di voler smettere di lavorare, o di cambiare lavoro. In ambedue i casi, la legge prevede il diritto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.