Compatibilità tra esercizio della professione forense e impiego pubblico

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Con il termine "forense" si intende un qualcosa "relativo al foro", e per foro ci si riferisce all'attività giuridica. In parole più semplici, la professione forense riguarda l'esercizio dell'attività di avvocato. Per essere avvocati si deve innanzitutto possedere un adeguato titolo di studio, nonché essere iscritti ad un albo professionale. Vediamo più nello specifico se vi è compatibilità tra esercizio della professione forense e pubblico impiego.

27

Occorrente

  • Manuali di diritto
37

La sentenza della Corte di Cassazione

Il discorso riguardante la compatibilità della professione forense con il pubblico oggetto è stato affrontato nel 2013 dalla Corte di Cassazione. In particolare, nella sentenza numero 11833, datata 16 maggio 2013, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno confermato definitivamente il divieto per il dipendente pubblico in part time di prestare servizio come avvocato durante il proprio tempo libero. Questa decisione ha come obiettivo quello di evitare il possibile conflitto tra l'interesse privato del dipendente pubblico e quello della Pubblica Amministrazione.

47

Il divieto di iscrizione all'albo

Il divieto di iscrizione all'albo degli avvocati, o la cancellazione da quest'ultimo per praticare esclusivamente l'una o l'altra professione, è una condizione che deve essere garantita per due validi motivi. Innanzitutto, ciò deve favorire l'interesse pubblico in qualità di difesa dell'indipendenza legale. Inoltre, ciò deve garantire il buon funzionamento della Pubblica Amministrazione.

Continua la lettura
57

Altre sentenze riguardanti la professione forense

La sentenza numero 11833 del 16 maggio 2013, non è stata l'unica normativa che ha disciplinato la professione di avvocato. La Corte Suprema, con la legge numero 339/2003, ha infatti deciso di instaurare l'assoluto divieto ai dipendenti della Pubblica Amministrazione (con contratto part time) lo svolgimento della professione forense e di quelle simili ad essa durante il proprio tempo libero. In seguito sono state emanate nuove normative mirate alla liberalizzazione della professione di avvocato. Una di queste è il DL n.138/2011 (conversione in Legge N. 148/2011), la quale ha reso possibile praticare la professione forense esclusivamente agli avvocati in possesso di titoli abilitativi, per i quali la libera professione può essere praticata in maniera abituale ma anche prevalente. Nel caso in cui desideraste altre informazioni sulla compatibilità tra esercizio della professione forense e impiego pubblico consultate il link: http://www.leggichefare.it/pubblico-impiego-professione-forense-e-ricerca-della-ratio/.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per un ulteriore approfondimento dell'argomento consultate le guide fornite nella guida o, in alternativa, chiedete ulteriori delucidazioni direttamente ad un avvocato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Assicurazione obbligatoria per avvocati: tutte le informazioni

In data 15 agosto 2013, un emendamento al Decreto del Fare, ha sancito l'obbligo per gli avvocati di stipulare un'assicurazione obbligatoria per la responsabilità civile. In realtà anche altre categorie di liberi professioni devono munirsi di un'assicurazione...
Lavoro e Carriera

Come diventare scienziato forense

Nell'epoca moderna, avanzando l'uso della tecnologia in applicazione alla legge, e crescendo l'interessamento dei media per il segmento della medicina legale, c'è stato un aumento di coloro che hanno volontà di intraprendere un percorso per diventare...
Lavoro e Carriera

Come diventare avvocato dello Stato

Riuscire a diventare ciò che si è sempre sognato da piccolo è uno degli obiettivi più ambiti dalle persone. Dopo una serie di anni di studio, finalmente, dovrebbe essere giusto trovare il lavoro che si voleva fare. Purtroppo, questo non è sempre...
Lavoro e Carriera

Come diventare avvocato matrimonialista

Nella Penisola Italiana, aumentano sempre di più le separazioni e i divorzi. Le durate medie dei matrimoni al momento della separazione e del divorzio, infatti, sono rispettivamente di circa 15 e 18 anni. Per mettere fine al matrimonio, quindi, dovrete...
Lavoro e Carriera

Come diventare avvocato

L'avvocato è uno delle attività lavorative più gettonate al mondo non solo per una questione economica ma anche per lo status sociale che conferisce. Per poter svolgere questa professione, una delle abilità principali, è quella di essere dei buoni...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare la pensione di un avvocato

La professione dell'avvocato è sempre stata prestigiosa e remunerativa anche se negli ultimi tempi è diventato un ambiente ostico a cui accedere. Spesso chi intraprende questa carriera affronta un lungo percorso di studio e un periodo di praticantato...
Richieste e Moduli

Come Farsi Assistere Da Un Avvocato A Spese Dello Stato

L'avvocato (dal latino advocatus sostantivo derivante dal participio passato del verbo advoco = ad-vocatum = chiamato a me, vale a dire "chiamato per difendermi", cioè "difensore") è un libero professionista che svolge attività di assistenza, consulenza...
Aziende e Imprese

Come avviare uno studio legale

La professione dell’avvocato è innegabilmente ad oggi tra le più ambite, sia per i potenziali guadagni che per il prestigio che indubbiamente garantisce. Molti avvocati scelgono, al termine del loro percorso di studi, di aprirsi alla libera professione....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.