Come verificare la validità della Partita Iva

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Al giorno d'oggi, aprire una Partita IVA è sempre un rischio. Eppure molte persone ne hanno bisogno per svolgere regolarmente il proprio lavoro. Spesso si sottovaluta un elemento molto importante che riguarda la Partita IVA. Difatti alcuni dimenticano di verificarne la validità. Un controllo di questo tipo si deve sempre fare, pertanto qui di seguito vedremo come verificare la validità della Partita IVA in modo semplice e veloce. Alla fine si tratta di seguire poche semplici regole, quindi è meglio non dimenticarsene. Vediamo allora cosa bisogna fare di preciso quando si ha una Partita IVA.

27

Occorrente

  • PC
  • Connessione a Internet
  • Codice Partita IVA da verificare
37

Ricorrere al servizio delle "Partite IVA comunitarie"

Per verificare la validità della Partita IVA, esiste un servizio che prende il nome di "Partite IVA comunitarie". Esso viene solitamente impiegato dagli operatori commerciali nel caso in cui volessero fare un controllo sul numero di identificazione della Partita IVA per un determinato cliente. Tutti gli operatori commerciali devono necessariamente essere in possesso di un codice IVA. Essi devono altresì indicare sulle fatture il codice IVA della controparte, il quale dovrà essere ovviamente esistente e in attività.

47

Consultare il sito dell'Agenzia delle Entrate

Recandoci sul sito web http://www1.agenziaentrate.gov.it/servizi/vies/vies.htm, ci basterà selezionare lo stato membro cui appartiene il cliente che vogliamo esaminare. Troveremo un apposito menù e qui visualizzeremo una serie di informazioni relative all'anno dell'adesione del Paese alla comunità, alla moneta attualmente in circolazione e alla struttura del codice IVA per questo determinato Paese. Inoltre potremo saperne di più sulle condizioni del collegamento con il sistema fiscale dello stato che abbiamo selezionato. Andiamo ad inserire il codice della Partita IVA che vogliamo esaminare, dopodché facciamo click sul pulsante "Invia". Facciamo attenzione a non aggiungere spazi né punteggiatura di alcun tipo.

Continua la lettura
57

Controllare l'esito della verifica

Dopo che avremo cliccato su "Invia", il sistema ci fornirà alcune informazioni importantissime, come il nome dello stato membro di appartenenza e l'esito della nostra verifica con tanto di descrizione testuale. Potremo anche visualizzare il codice IVA che abbiamo sottoposto a verifica, gli estremi dell'operatore commerciale cui il codice corrisponde e la data e l'ora correnti. Il responso della verifica sarà di 3 tipi. Il messaggio di conferma sarà "codice IVA valido", oppure avremo la notifica con la dicitura "codice IVA non valido". Nel terzo caso, leggeremo il messaggio "codice IVA non corretto". Se il codice è corretto, allora ciò vuol dire che esso corrisponde a un operatore che esercita legalmente la propria professione. In caso di non validità, il codice potrebbe risultare errato perché inserito in maniera non corretta.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Inseriamo correttamente il codice da verificare per evitare di ricevere messaggi di errore.
  • Annotiamo il codice su un foglio per evitare di dimenticarlo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come e quando usufruire dell'Iva agevolata

In questa guida vi verrà illustrato come e quando poter usufruire dell'Iva agevolata e come trarne molteplici vantaggi. La partita Iva agevolata permette di poter beneficiare di un determinato regime fiscale mediante il quale vengono esonerati parzialmente...
Richieste e Moduli

Come Verificare La Posizione Fiscale

La guida, come avrete giò notato dal suo titolo, tratterà di fisco e, nello specifico, ci occuperemo di spiegarvi Come verificare la posizione fiscale. Lo strettissimo controllo riguardante l'evasione fiscale messa in piedi dalle istituzione ha alzato...
Richieste e Moduli

Come verificare il corretto invio telematico del modello Unico

Tutti i contribuenti, sono tenuti a presentare il modello unico in modalità telematica o per il tramite di un intermediario competente. Questo, può essere inviato anche da chi possiede redditi da dichiarare nel 730 e su dati personali con l'aiuto dei...
Richieste e Moduli

Come verificare il corretto invio telematico del modello 730

La dichiarazione dei redditi è molto importante al fine di calcolare le tasse da pagare, per cui è un obbligo al quale tutti i cittadini devono sottostare. Per presentare questa dichiarazione, esistono diversi moduli riservati a determinate categorie...
Richieste e Moduli

Come richiedere la fatturazione dei pedaggi autostradali

Purtroppo le ricevute di pedaggio rilasciate, non costituiscono un documento valido ai fini fiscali. La cosa cambia soltanto se si è titolari di partita IVA. Quindi se si vuole detrarre l'imposta e dedurre dal reddito il costo del pedaggio è possibile....
Richieste e Moduli

10 consigli compilare il modello F24

Il modello F24 va utilizzato da tutti i contribuenti a prescindere dal fatto che possiedano partita IVA. Tale modello permette di versare i tributi, contributi e i premi in un'unica operazione, deducendo dal versamento eventuali crediti. Per coloro che...
Richieste e Moduli

Come fare una ricevuta fiscale per prestazione di lavoro autonomo

Come vedremo nel corso di questa guida, lo svolgimento di un lavoro autonomo, se occasionale, comporta l'obbligo per il lavoratore di emettere una ricevuta fiscale (nel momento in cui percepisce il suo compenso), senza la necessità di adempiere ad altri...
Richieste e Moduli

Come richiedere l'ecobonus per gli impianti domotici

Dal 1° gennaio 2016, per i contribuenti, è stato è stata estesa la detrazione al 65% IRPEF anche alle spese domotica. Il tutto è stato chiamato "Ecobonus spese domotica 2016".In pratica comprende tutte le spese per gli impianti domotici e i dispositivi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.