Come usufruire di agevolazioni fiscali per il cambio infissi

Tramite: O2O 18/02/2017
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Per le persone che decidono di modificare gli infissi della propria abitazione sono previste delle particolari agevolazioni fiscali. In modo dettagliato queste consistevano nella detrazione dall'IRPEF del 65%, per le corresponsioni effettuate tra il periodo compreso tra il 6 giugno 2013 ed il 31 dicembre 2014. Oppure erano previste delle riduzioni del 50%, per quanto riguarda i pagamenti effettuati nel periodo compreso tra il 1°gennaio 2015 ed il 31 dicembre 2015, oppure del 36% per gli esborsi che sono stati effettuati a partire per tutto il corso del 2016, della spesa sostenuta e nella riduzione dell'IVA fino al 10%. Nel triennio 2017-2019, invece, è previsto un ecobonus del 65%. In questa semplice ed esauriente guida vi andremo a spiegare, immediatamente, attraverso vari passaggi come occorre fare per riuscire ad usufruire delle agevolazioni fiscali previste dalla normativa per effettuare il cambio infissi.

26

Occorrente

  • Infissi nuovi
  • Attestato di qualificazione energetica dei nuovi infissi
  • Iscrizione al sito web "www.enea.it/it" (entro 90 giorni dalla fine dei lavori)
  • Bonifico bancario
  • Ricevuta informatica
  • Dati personali (nome, cognome, email e password)
36

Per prima cosa è assolutamente necessario sapere che, per riuscire ad ottenere effettivamente queste utili agevolazioni fiscali, il requisito fondamentale è che i nuovi infissi presentino delle determinate caratteristiche di efficienza energetica. Precisamente, diciamo subito che queste caratteristiche devono essere certificate da un qualsiasi tecnico abilitato, oppure dallo stesso produttore dei seguenti telai, direttamente selezionato personalmente dall'utente. In quest'ultimo caso, il produttore dei nuovi infissi è obbligato a rilasciare al suo cliente un apposito attestato, riportante la qualificazione energetica di ciò che ha appena installato.

46

Un ulteriore passaggio fondamentale che si deve assolutamente rispettare consiste nell'effettuare il pagamento degli infissi esclusivamente attraverso un bonifico bancario. Specificatamente, sarà possibile effettuare un unico pagamento, oppure due esborsi (ovvero uno in acconto e l'altro a saldo). Infatti, se viene effettuato il pagamento mediante un assegno oppure in contanti, la procedura per ottenere le agevolazioni fiscali non verrà considerata valida. Successivamente, sarà necessario recarsi all'indirizzo internet "http://www.enea.it/it", per poi procedere con l'iscrizione gratuita al seguente sito web, da fare perentoriamente entro 90 giorni dalla conclusione dei lavori.

Continua la lettura
56

Durante la fase di iscrizione, quello che si deve obbligatoriamente inserire è il nome, il cognome, l'indirizzo di posta elettronica personale e la password. Dopodiché, il prossimo procedimento da effettuare consiste nell'attendere una email di risposta nella propria casella postale, per poi andare a cliccare sul link di conferma, in modo da approvare la registrazione al sito web dell'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ossia l'ENEA).

66

Successivamente, in quest'ultima fase si possono trovare degli appositi moduli da riempire, nei quali dovranno essere riportati tutti quanti i dati personali, dell'attestato di qualificazione energetica e della propria abitazione. Cosi facendo si riceverà un'apposita ricevuta informatica, che occorrerà necessariamente conservare con estrema cura, tra cui è prevista anche la copia del bonifico bancario effettuato e l'attestato di qualificazione energetica, dal momento che sono documenti indispensabili in caso di un controllo fiscale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come usufruire degli incentivi statali per l'acquisto di elettrodomestici

Nel 2013, il Ministero dello sviluppo economico ha emanato un decreto legge nella quale è previsto un fondo per usufruire degli incentivi sull'acquisto degli elettrodomestici. La notizia nasce in seguito all'incontro avvenuto tra le associazioni appartenenti...
Case e Mutui

Come risparmiare sul mutuo in 5 mosse

L'acquisto di una casa, soprattutto se per la prima volta, è sicuramente uno dei passi più importanti della propria vita. Comprare una casa è ormai il desiderio di molti, e quando si sceglie di compiere un'operazione così importante, si devono anche...
Case e Mutui

Come regolarizzare un cambio residenza

Capita nella propria vita di cambiare città o più semplicemente di cambiare abitazione, pur rimanendo nello stesso comune. Nel caso di un trasferimento duraturo si può avere la necessità di cambiare anche l'indirizzo della propria residenza. In questo...
Case e Mutui

Come Calcolare Il Credito Di Imposta Nelle Compravendite

Durante l'acquisto della prima casa sono concesse alcune agevolazioni fiscali, le quali devono rispondere a specifici requisiti previsti dalla legge. Qui potete trovare un approfondimento in merito. In questa guida ci concentreremo tuttavia su come calcolare...
Case e Mutui

Come acquistare casa in comproprietà

La casa è da sempre uno dei sogni di ogni cittadino, in passato il suo acquisto era agevolato dall'ampia scelta di lavoro e dalle tasse che non opprimevano le tasche delle persone. Oggi per comprarsi una casa, dobbiamo ricorrere a mutui a lungo termine,...
Case e Mutui

Come detrarre il canone d'affitto dal 730

Chi vive in affitto ha diritto ad alcune detrazioni fiscali Irpef. Per molti è la voce più rilevante della dichiarazione dei redditi, proprio perché la spesa incide molto sul bilancio familiare. I vantaggi offerti dalle normative sono una buona occasione,...
Case e Mutui

Come unire due case

Unire due case permette di ottenere i vantaggi di uno spazio abitativo aumentato e di un maggiore numero di stanze a disposizione, ma prima di lanciarsi in un progetto del genere è necessario conoscere le procedure da seguire. Gli obblighi infatti sono...
Case e Mutui

Come funziona il contratto di comodato d'uso di un immobile

Secondo il codice civile (art. 1803) si può mettere a disposizione, a titolo puramente gratuito, un bene immobile per uno scopo ben preciso oppure per un certo intervallo di tempo, con il solo obbligo della restituzione del bene al tempo fissato. Importante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.