Come usufruire del banco dei pegni

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Parliamo spesso di denaro, oro, soldi, patrimoni, ricchezze che vengono gestite e valutate da "Banche" ma la responsabilità totale ricade sempre su di noi: con una adeguata informazione e buon senso possiamo agire con sicurezza e orientarci verso il sistema più consono. Usufruire del banco dei pegni non è difficile basta conoscere l'iter bancario da eseguire. Il banco dei pegni è una sorta di "banca" in piccolo, che ha il compito specifico di erogare prestiti in tempi brevi per coloro che hanno un immediato bisogno di liquidità e, soprattutto, per evitare, il più possibile, ulteriori pratiche burocratiche (propinate dalla banca). Di seguito, in questa semplice guida, vi sarà spiegato, in maniera chiara, come usufruire del banco dei pegni.

26

Occorrente

  • Conoscenza
36

Impegnare un bene per ricevere la cifra corrispondente al suo valore

Sappiamo bene che il circolo bancario ci offre diversi sistemi d'investimento, con attese di breve o lungo termine; andiamo a conoscere le procedure di tale banca: il cliente impegna un bene di un certo valore (adeguato o leggermente superiore all'importo che necessita) e lo propone al responsabile del banco il quale avrà il compito e la capacità di valutare, (sarà necessario un piccolo momento per contrattare e definire); dopo questa breve operazione, cederà l'importo valutato direttamente in contanti.

46

Compilare un modulo

Tutto questo viene eseguito dietro la compilazione di un modulo che riporta alcuni dati importanti: nome, cognome, indirizzo della persona che impegna il bene, la descrizione assolutamente dettagliata dell'oggetto (peso, anno di realizzazione), la somma di denaro avuta in cambio e, infine, la data di scadenza entro la quale il debito dovrà essere saldato e il bene restituito. Sono sistemi antichi che hanno aiutato in vari periodi (dalla guerra ai nostri giorni): diciamo pure che, visti i tempi di crisi in cui ci troviamo, c'è un ritorno ai vecchi sistemi impegnando tutto quello che si ha di più caro per pagare magari delle bollette.

Continua la lettura
56

Saldare il debito alla scadenza

Tale sistema consiste nell'impegnare, momentaneamente, tale oggetto per periodi lunghi o brevi in cambio di denaro. Attenzione a non dimenticare di saldare il debito alla scadenza altrimenti si andrebbe a rinnovare il tutto creando difficoltà gestionali all'addetto bancario. Viceversa se portiamo la somma al banco dei pegni, il nostro caro oggetto ritornerà nelle nostre mani con grande gioia. Ricordiamo che la cultura è la madre del "sapere": conoscere è un incentivo in più per rispettare il denaro e, soprattutto, gestirlo in modo oculato senza andare incontro a spiacevoli sorprese.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercare di restituire la somma entro la scadenza
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come impegnare le proprio cose al monte dei pegni

In Italia, a causa della crisi economica degli ultimi anni e del costo elevato della vita, acquistare cose non strettamente necessarie e togliersi così qualche sfizio è diventato un lusso che in pochi ormai possono permettersi. Per arrivare a fine mese...
Banche e Conti Correnti

Oggetti che si possono impegnare al Monte dei Pegni

Ancora oggi, come negli anni passati e soprattutto nel periodo del dopoguerra, esistono agenzie di pegno che consentono di ottenere dei contanti, in cambio della custodia a tempo dei beni. Se tuttavia non si provvede a riscattarlo, automaticamente le...
Finanza Personale

Come e dove vendere i propri gioielli

Ecco una bella ed interessante guida, attraverso il cui pratico aiuto, poter imparare come e dove vendere i propri gioielli, che non si utilizzano più, in modo da avere anche un introito non indifferente, da poter impiegare in altro modo. Caèita a tutti...
Aziende e Imprese

Come si stipula un contratto di locazione finanziaria

Il contratto di locazione finanziaria, anche chiamato leasing, rappresenta un'ottima forma di finanziamento per l'acquisto di un bene (come un'automobile, un'immobile, etc) pagando un canone periodico. A differenza di un normale prestito di denaro, questo...
Case e Mutui

5 consigli per condurre una trattativa immobiliare

Un contratto immobiliare rappresenta un contratto speciale che viene frequentemente utilizzato per acquistare degli immobili. Generalmente viene gestito come se si trattasse di un prestito del proprietario verso il finanziato. Tuttavia a differenza dei...
Richieste e Moduli

Come redigere un contratto di leasing

Il contratto di leasing, chiamato anche "Contratto di locazione finanziaria", è una forma di finanziamento diventata popolare nel 1980, quando le persone hanno cercato di trovare dei modi più accessibili per possedere delle automobili senza però acquistarle....
Finanza Personale

Come ricaricare la PostePay con BancoPosta online

Dopo l'avvento di Internet, gli acquisti e le vendite online sono decollati al punto tale da costituire una fetta importante del mercato in tutti i settori. I metodi di pagamento sono molto diversi tra loro. Si va dal Paypal al Western Union, dall'accredito...
Finanza Personale

Come fare trading online con BancoPosta

Il servizio di Trading Online offerto da BancoPosta di Poste Italiane, noto anche come TOL, rappresenta un innovativo punto di partenza per negoziazioni con oltre dieci migliaia di strumenti finanziari nazionali e internazionali, tra i quali azioni, obbligazioni,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.