Come usufruire degli incentivi statali per l'acquisto di elettrodomestici

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nel 2013, il Ministero dello sviluppo economico ha emanato un decreto legge nella quale è previsto un fondo per usufruire degli incentivi sull'acquisto degli elettrodomestici. La notizia nasce in seguito all'incontro avvenuto tra le associazioni appartenenti alla categoria e Andrea Bianchi, che presso il Ministero di Sviluppo Economico, svolge la mansione di direttore generale. In questa guida, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò come usufruire degli incentivi statali per l'acquisto di elettrodomestici, fornendovi inoltre, tutte le informazioni necessarie riguardo questo utile incentivo. Vediamo quindi per quali elettrodomestici è valido questo bonus e le inerenti detrazioni.

26

Incentivi

Per prima cosa, l?ipotesi di concedere incentivi al settore, ha iniziato a prendere forma nel corso l?incontro tra lo stesso Bianchi e una delegazione appartenente all'associazione italiana dei produttori di elettrodomestici. Una risvolto positivo in merito a questa previsione, potrebbe soddisfare molte speranze e aspettative di un?industria che sta attraversando una profonda crisi per quanto riguarda la domanda. L?industria italiana in questo campo, viene purtroppo messa a dura prova dalla concorrenza di fabbriche di nazionalità coreana e turca.

36

Validità

L'incentivo per l'acquisto di elettrodomestici è valido per tutti gli apparecchi di uso domestico, tra cui: lavastoviglie, frigoriferi, lavatrici, forni, congelatori, asciugatrici, apparecchi di cottura, stufe, forni a microonde, condizionatori, ecc... Un'altro requisito fondamentale è che gli elettrodomestici devono essere classificati con una classe non inferiore ad A+. Per ciò che concerne la documentazione necessaria per poter usufruire della detrazione (quando la legge la prevede), il contribuente deve conservare la fattura oppure lo scontrino fiscale (utili anche per usufruire della garanzia sul prodotto) con i dati dell?acquirente.

Continua la lettura
46

Costi di trasporto

La spesa effettuata, potrà essere riconosciuta anche quando essa comprende i costi di trasporto del nuovo elemento e di smaltimento del vecchio, operazione che deve essere però documentata tramite un auto dichiarazione. Solitamente, se durante il medesimo anno dovranno essere sostituiti altri elettrodomestici, si potrà nuovamente usufruire della detrazione prevista provvedendo a compilare un nuovo modulo. Esso deve essere conservato per permettere che eventuali controlli eseguiti dall'Agenzia delle Entrate in merito alla dichiarazione dei redditi, possano verificare la validità di quanto richiesto.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate molta attenzione al prezzo degli elettrodomestici, perché il limite massimo di spesa è di 10.000 euro.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come calcolare le imposte sull'acquisto della casa

Quando decidiamo di acquistare una nuova abitazione, dobbiamo prendere in considerazione una serie di spese oltre al costo dell'immobile, relative a varie imposte e alle procedure necessarie per eseguire il passaggio della proprietà da un soggetto ad...
Case e Mutui

Come usufruire di agevolazioni fiscali per il cambio infissi

Per le persone che decidono di modificare gli infissi della propria abitazione sono previste delle particolari agevolazioni fiscali. In modo dettagliato queste consistevano nella detrazione dall'IRPEF del 65%, per le corresponsioni effettuate tra il periodo...
Case e Mutui

Come fare un'offerta per l'acquisto di una casa

L'acquisto di una casa è un passo importante perché, il più delle volte, è un modo per rivoluzionare completamente la propria vita. Tuttavia, non è sempre semplice concludere un affare in questo senso: l'offerta di acquisto costituisce uno degli...
Case e Mutui

Come fare la proposta di acquisto di una casa

Trovare casa non è sempre facile; infatti, una volta individuata quella che corrisponde alle nostre esigenze e che ha una quadratura soddisfacente, è importante fare la proposta di acquisto al proprietario o all'agenzia da quest'ultimo incaricata. In...
Case e Mutui

Come firmare una proposta d'acquisto

La proposta d'acquisto è il primo passaggio contrattuale nell'iter di compravendita di un immobile. Spesso, però, viene usata impropriamente come uno strumento per concludere la trattativa commerciale: quante volte capita che un mediatore consigli di...
Case e Mutui

Come tutelarsi per l'acquisto della casa

Con l'avanzare della crisi economica, l'acquisto di una casa rappresenta l'ambizione maggiore per molti. Oggi, per potere accedere a questo vantaggio di pochi, le banche e diversi istituti che operano in campo finanziario, riescono a fornirci numerose...
Case e Mutui

Le norme che regolano l'acquisto di una proprietà

Secondo l'articolo 832 del codice civile, la proprietà è il diritto di godere e disporre di un bene in modo pieno ed esclusivo, nel rispetto dei limiti posti dalla legge. Il diritto reale di proprietà può essere acquistato in diversi modi, classificabili...
Case e Mutui

Come redigere il compromesso per l'acquisto di una casa

L'acquisto di una casa è uno dei passi più importanti che le persone affrontano nel corso della propria vita. Si tratta di un impegno economico sostanzioso per il quale vale la pena di evitare degli errori e ridurre i margini di "distrazioni contrattuali".Le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.