Come usare correttamente hay ed està nella lingua spagnola

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per tradurre le espressioni italiane c'è e ci sono in spagnolo, si possono usare i due verbi impersonali hay ed està. Per utilizzare in modo corretto questi due verbi ci sono, ovviamente, delle regole grammaticali da rispettare. Tali regole sono molto semplici da imparare e di conseguenza facili da utilizzare, soprattutto se si conosce la lingua italiana, in quanto le due lingue hanno parecchie attinenze tra loro. Ecco come usare correttamente hay ed està nella lingua spagnola, per formulare una frase di senso compiuto.

26

Quando usare hay

L'utilizzo della parola hay in una frase è indicato nei seguenti casi: con gli articoli indeterminativi (es. Hay un cliente allì - C'è un cliente lì); con i numeri (es. Hay tres boligrafos sobre la mesa - Ci sono tre penne sul tavolo); con l'aggettivo muchos (es. Hay muchos clientes - Ci sono molti clienti) oppure, quando non è stato determinato il numero dei soggetti (es. Hay boligrafos allì? - Ci sono penne lì?).

36

Quando usare està

Està si utilizza, invece, nei seguenti casi: con gli articoli determinativi (es. Està el cliente allì? - C'è il cliente lì?); con gli aggettivi possessivi (es. Està mi amigo - C'è il mio amico); con todo e todos (es. Estàn todos los documentos? - ci sono tutti i documenti?); con aggettivi e pronomi dimostrativi (es. Estàn estos clientes - ci sono questi clienti); con i nomi propri di persona (es. Està Jaime? - C'è Giacomo?).

Continua la lettura
46

Confondere hay con està

Confondere hay con està farebbe incorrere in errori grammaticali e modificare quindi il senso logico di una frase anche se, in un dialogo tra persone che non parlano correntemente la stessa lingua, tale imprecisione non precluderebbe la possibilità di far comprendere il senso di quello che si voleva dire. Tuttavia, per essere sicuri di esprimersi in modo corretto e comprensibile, è necessario esercitarsi e prestare attenzione alla grammatica e alla pronuncia.

56

Come utilizzare il verbo haber

Bisogna tenere presente che nella lingua spagnola, il verbo haber, che in italiano significa avere, non è utilizzato per indicare possesso ma come ausiliare, per coniugare i tempi composti. Viene utilizzato solo nella terza persona singolare (in tutti i tempi e stati d'animo, come un verbo impersonale. Haber è definito anche verbo esistenziale). La terza persona singolare del verbo haber è impiegata nei tempi congiuntivi, ad esempio: - Dudo que haya alguien en el restaurante un estas horas (Dubito che ci sia qualcuno nel ristorante a quell'ora) oppure: - No creia que hubiera nadie en el restaurante (Non credevo ci fosse qualcuno nel ristorante). Memorizzando questi pochi esempi, non si rischia di andare in confusione circa l'uso di questi verbi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per comunicare correttamente il proprio pensiero, dovendo rapportarsi con persone che non parlano la nostra lingua, è necessario studiare ed esercitarsi per approfondire la conoscenza delle regole grammaticali e della pronuncia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come scrivere una lettera commerciale in tedesco

Affinché una lettera raggiunga il suo scopo principale, è necessario sapere come scriverla in modo corretto. Per ogni lingua presente sul pianeta, esistono delle regole di struttura diverse le une dalle altre. Di seguito, con pochi e semplici passaggi,...
Aziende e Imprese

Come aprire una pizzeria a Malaga

Se siete amanti del sole, e del clima spagnolo e in più la pizza è la vostra passione e volete fare un investimento lavorativo per il vostro futuro, potete tenere presente e considerare come miglior scelta di aprire una pizzeria in Spagna. Il periodo...
Aziende e Imprese

Come organizzare un corso di inglese in azienda per dipendenti

In questo articolo vi daremo certi consigli su come organizzare un corso di inglese in azienda per dipendenti. La lingua inglese è diventata imprescindibile oggigiorno in qualsiasi situazione lavorativa. È bene quindi che la maggior parte dei dipendenti...
Aziende e Imprese

Come aprire un negozio di elettronica online

Ormai il mercato degli oggetti e soprattutto dei prodotti tecnologici ed elettronici si sta spostando sempre di più verso gli store online. Sono sempre di più, infatti, coloro che sono alla ricerca di offerte o affari sul web per provare a risparmiare...
Aziende e Imprese

Come aprire una scuola di lingue

Il mondo del lavoro oggi è sempre più esigente nelle competenze linguistiche che richiede. Non occorre solamente conoscere alla perfezione l'inglese, che è la lingua universale. Bisogna, infatti, saper parlare anche altre lingue. Specialmente quelle...
Aziende e Imprese

Come si apre un ristorante in Germania

Quando si parla della possibilità di aprire un'attività in qualche parte del mondo, la Germania può essere considerata indubbiamente uno dei paesi più attrattivi dell'Europa, considerato che vanta un certo tenore di vita e un alto grado di occupazione...
Aziende e Imprese

Come promuovere la cultura italiana all'estero

Noi italiani lo sappiamo: la cultura italiana per molti secoli è stata il centro di tutta la cultura europea. Soprattutto durante il periodo del Rinascimento, abbiamo esportato all'estero arte, pittura e letteratura. Anche nei secoli successivi, la cultura...
Aziende e Imprese

5 regole d'oro del telemarketing

Il telemarketing è da anni la pratica più diffusa con cui le aziende cercano nuovi clienti, pubblicizzano i propri beni o servizi e tentano di ampliarne la vendita. Tuttavia le attività di telemarketing non sempre portano ai risultati sperati. La percezione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.