Come usare correttamente hay ed està nella lingua spagnola

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per tradurre le espressioni italiane c'è e ci sono in spagnolo, si possono usare i due verbi impersonali hay ed està. Per utilizzare in modo corretto questi due verbi ci sono, ovviamente, delle regole grammaticali da rispettare. Tali regole sono molto semplici da imparare e di conseguenza facili da utilizzare, soprattutto se si conosce la lingua italiana, in quanto le due lingue hanno parecchie attinenze tra loro. Ecco come usare correttamente hay ed està nella lingua spagnola, per formulare una frase di senso compiuto.

26

Quando usare hay

L'utilizzo della parola hay in una frase è indicato nei seguenti casi: con gli articoli indeterminativi (es. Hay un cliente allì - C'è un cliente lì); con i numeri (es. Hay tres boligrafos sobre la mesa - Ci sono tre penne sul tavolo); con l'aggettivo muchos (es. Hay muchos clientes - Ci sono molti clienti) oppure, quando non è stato determinato il numero dei soggetti (es. Hay boligrafos allì? - Ci sono penne lì?).

36

Quando usare està

Està si utilizza, invece, nei seguenti casi: con gli articoli determinativi (es. Està el cliente allì? - C'è il cliente lì?); con gli aggettivi possessivi (es. Està mi amigo - C'è il mio amico); con todo e todos (es. Estàn todos los documentos? - ci sono tutti i documenti?); con aggettivi e pronomi dimostrativi (es. Estàn estos clientes - ci sono questi clienti); con i nomi propri di persona (es. Està Jaime? - C'è Giacomo?).

Continua la lettura
46

Confondere hay con està

Confondere hay con està farebbe incorrere in errori grammaticali e modificare quindi il senso logico di una frase anche se, in un dialogo tra persone che non parlano correntemente la stessa lingua, tale imprecisione non precluderebbe la possibilità di far comprendere il senso di quello che si voleva dire. Tuttavia, per essere sicuri di esprimersi in modo corretto e comprensibile, è necessario esercitarsi e prestare attenzione alla grammatica e alla pronuncia.

56

Come utilizzare il verbo haber

Bisogna tenere presente che nella lingua spagnola, il verbo haber, che in italiano significa avere, non è utilizzato per indicare possesso ma come ausiliare, per coniugare i tempi composti. Viene utilizzato solo nella terza persona singolare (in tutti i tempi e stati d'animo, come un verbo impersonale. Haber è definito anche verbo esistenziale). La terza persona singolare del verbo haber è impiegata nei tempi congiuntivi, ad esempio: - Dudo que haya alguien en el restaurante un estas horas (Dubito che ci sia qualcuno nel ristorante a quell'ora) oppure: - No creia que hubiera nadie en el restaurante (Non credevo ci fosse qualcuno nel ristorante). Memorizzando questi pochi esempi, non si rischia di andare in confusione circa l'uso di questi verbi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per comunicare correttamente il proprio pensiero, dovendo rapportarsi con persone che non parlano la nostra lingua, è necessario studiare ed esercitarsi per approfondire la conoscenza delle regole grammaticali e della pronuncia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Madrid: come trovare lavoro

Trovare lavoro in Spagna non è un'impresa per niente facile, si pensi solo che le ultime statistiche danno un tasso di disoccupazione al di sopra del 25%. Una delle città che da qualche speranza in più è la capitale Madrid. La buona padronanza della...
Lavoro e Carriera

Come trovare lavoro in Spagna

La crisi economica ed il continuo aumento del tasso di disoccupazione, spinge inevitabilmente gli italiani a cercare il lavoro all'estero. Tra i territori più ambiti e gettonati per la ricerca di una vita migliore, sicuramente la Spagna occupa una posizione...
Lavoro e Carriera

Come aprire un bar-ristorante in Andalucia

L'Andalusia è la regione più a sud della Spagna. Da molte persone è considerata come una regione povera, ma in realtà si tratta di una zona fiorente e con una spiccata attenzione al mondo del turismo e alle culture differenti, questo anche per la...
Lavoro e Carriera

Come si diventa avvocato in Spagna

Per poter diventare a tutti gli effetti degli avvocati, oltre alla laurea in giurisprudenza, bisognerà necessariamente effettuare un periodo di tirocinio e poi affrontare l'esame di Stato. Questo esame in Italia è molto complicato infatti è molto facile...
Lavoro e Carriera

Come vivere e lavorare a Valencia

Valencia è la terza città più popolosa della Spagna e, prende il nome dall'antica città fondata dai Romani nel II secolo a. C. Sotto il dominio dei Mori, Valencia si conosceva con il nome di "Balansiya". Secondo lo slang valenciano, la città si chiama...
Aziende e Imprese

Come trovare lavoro a Barcellona

La crisi economica e lavorativa ha colpito, come ben avete visto in televisione e dai vari mass-media, tantissimi luoghi italiani ed europei. Ma c'è una località spagnola dove è più facile trovare lavoro. In questa guida vi daremo suggerimenti su...
Lavoro e Carriera

Come aprire un ristorante a Barcellona

La città della Spagna denominata Barcellona (artisticamente e storicamente molto importante) non ha bisogno di nessuna presentazione. Questo territorio spagnolo è famoso anche grazie alla movida che anima e colora in maniera interrotta la vitalità...
Lavoro e Carriera

Come diventare avvocato senza esame d'abilitazione

Se si è scelto di intraprendere la carriera di avvocato, iscrivendosi alla facoltà di giurisprudenza, bisogna sapere che dopo la pratica in uno studio legale, dovrà essere sostenuta una prova chiamata esame di abilitazione. Si tratta di una selezione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.