Come trovare lavoro in Tailandia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La Thailandia è denominata la terra del sorriso; tradizionalmente attivi sono i settori di lavorazione e trasformazione dei prodotti agricoli e forestali. Infatti, con l'aiuto finanziario statunitense, l'assistenza tecnica fornita dagli altri stati e gli investimenti di capitali stranieri, il paese si è evoluto diventando la sede di moltissime multinazionali. Per tale motivo, le possibilità di ottenere un lavoro sono aumentate sensibilmente. A tal proposito, nella seguente guida, vi illustrerò come trovare lavoro in Tailandia. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • permesso di lavoro
  • documentazione necessaria
  • conoscenza della lingua
  • curriculum vitae
36

Come prima cosa, sono molte le persone che pensano di andare a lavorare in Thailandia, per il semplice motivo che i settori dell'edilizia, quello energetico e quello delle telecomunicazioni sono in continua evoluzione. Anche gli italiani hanno una massiccia presenza in questo stato, e si occupano soprattutto della fornitura di macchinari e materiale per l'edilizia. Prima di cercare lavoro in questo stato, è opportuno sapere che i thailandesi preferiscono far lavorare gli abitanti del posto rispetto agli stranieri, perché per questi ultimi, le imprese devono pagare le tasse.

46

Per lavorare in Thailandia, occorre un permesso di lavoro che deve essere rilasciato dall'ambasciata o dal consolato, dietro richiesta del datore di lavoro. Il visto più richiesto è quello di "non immigrant B": esso dà la possibilità di lavorare per un periodo di 90 giorni e può essere prorogato fino a 1 anno. Inoltre, occorrono il passaporto, un certificato medico, 3 fotografie e bisogna specificare l'ubicazione dell'azienda. Alcuni lavori sono vietati agli stranieri, tra questi il muratore, il falegname, l'avvocato e il pescatore. I campi con maggiori opportunità di lavoro sono quelli della ristorazione, degli animatori nelle località turistiche e del settore alberghiero.

Continua la lettura
56

Nonostante ciò, prima di trasferirsi in Thailandia, è consigliabile effettuare un periodo di prova di 3 mesi, per evitare possibili problemi che potrebbero compromettere la propria permanenza nel territorio asiatico, come ad esempio problemi di lingua e di ambientamento. In questo periodo, oltre ad incrementare il proprio curriculum vitae, è opportuno studiare il thailandese per avere una via preferenziale nell'assunzione. Per gli italiani, lavorare in Thailandia, è facile solo se la scelta cade sulla creazione di un'impresa propria, nel campo della ristorazione o in quella del turismo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Siate sicuri della vostra scelta prima di trasferirvi in Thailandia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come trovare lavoro a Napoli

In periodi di crisi economica come quella che si vive adesso, trovare un lavoro può essere difficile. Infatti cercare un’occupazione è una vera impresa e molti ragazzi vi rinunciano. Preferiscono così non fare nulla in attesa che qualcosa o qualcuno...
Lavoro e Carriera

Consigli per trovare facilmente lavoro

Il periodo non è dei migliori, e la crisi si sente soprattutto nel mondo del lavoro, dove è più facile sentir parlare di licenziamenti e cassa integrazione, più che di assunzioni e bandi di concorso. Questo non vuol dire che sia comunque impossibile...
Lavoro e Carriera

Le 10 regole d'oro per trovare lavoro

Cercare un buon lavoro al giorno d'oggi è un'attività da non sottovalutare; infatti ha un'elevata importanza. Quindi è bene attivarsi in tal senso al fine di ottenere un ottimo risultato che nel nostro caso è trovare un lavoro soddisfacente. Per iniziare,...
Lavoro e Carriera

10 consigli per trovare lavoro a Londra

Londra è una delle città più ambite dai giovani di oggi. Data la crisi del mercato del lavoro, sono sempre di più i ragazzi che vanno all'estero a cercare fortuna. Molti di essi si recano proprio a Londra per migliorare la propria conoscenza dell'inglese....
Lavoro e Carriera

Madrid: come trovare lavoro

Trovare lavoro in Spagna non è un'impresa per niente facile, si pensi solo che le ultime statistiche danno un tasso di disoccupazione al di sopra del 25%. Una delle città che da qualche speranza in più è la capitale Madrid. La buona padronanza della...
Lavoro e Carriera

Roma: come trovare lavoro

Se il vostro sogno è quello di trovare lavoro a Roma o più semplicemente di trovare lavoro, allora in questa guida vi mostreremo come fare. Lavorare a Roma non è impossibile se avete le giuste nozioni di base. Trovar lavoro infatti non è una questione...
Lavoro e Carriera

Come trovare lavoro alle Maldive

Trovare lavoro alle Maldive è il vostro sogno ma non avete idea di come fare? Niente paura! Nei paragrafi che seguono, vi offriremo preziosi suggerimenti in merito. Se amate il mare e i climi caldi, l’arcipelago delle Maldive è il posto ideale per...
Lavoro e Carriera

10 consigli per trovare lavoro

Quello del lavoro, soprattutto a causa della diffusa crisi economica, è sempre un argomento spinoso. Il tasso di disoccupazione nel nostro paese è molto alto e le persone in cerca di un lavoro sono moltissime. Purtroppo, però, l'offerta non è vasta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.