Come trattare in contabilità l'affitto d'azienda

Tramite: O2O 23/06/2017
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'aumento della competitività e la metamorfosi del mercato verso una forma che ha al proprio centro sempre più la specializzazione in determinate mansioni porta le imprese a doversi di continuo rivisitare, rimanendo in costante trasformazione e necessitando di profili dirigenziali che conoscano i dettagli di tutto gli ambienti che attecchiscono alla propria azienda. Per tale motivo, spesso e volentieri, con una molto più alta frequenza negli ultimi anni, stiamo assistendo alla pratica della cessione in affitto di alcuni rami dell'azienda, se non di questa nella sua totalità. Passiamo infatti dalle situazioni in cui ci cede, per esempio, la gestione dei contratti assicurativi ad un'impresa che si occupa solamente di quello, alle situazioni in cui l'intera azienda viene ceduta in affitto, con il proprietario che si accontenta allora solamente di ricevere i canoni di locazione scontati dei costi ad esso competenti. Proprio questo è il tema su cui oggi concentriamo la nostra guida su come trattare in contabilità l'affitto d'azienda. Buona lettura!

25

Riferimenti normativi

La possibilità di stipulare un contratto di affitto che ha per oggetto l?azienda è prevista dall?articolo numero 2562 del nostro Codice Civile. In questo articolo viene precisato che sono applicate le stesse regole che sono inserite nell'articolo numero 2561; esse infatti sono riferite all'usufrutto dell'azienda. Tenendo presente dunque tali disposizioni, l?affittuario dell?azienda può gestire tranquillamente questa situazione, ma non può eseguire modifiche sulla destinazione; deve quindi conservare l?efficacia dell?organizzazione, degli impianti e delle normali dotazioni di scorte.

35

Aspetto contabile della pratica

Abbiamo nei confronti di questa forma contrattuale molti aspetti a cui dobbiamo prestare attenzione; essi riguardano il campo fiscale, civilistico e contabile. Per ciò che concerne l'aspetto contabile il contratto di affitto d?azienda non dà nessuna possibilità di un trasferimento di beni; l?affittuario non deve iscrivere nel suo stato patrimoniale quello che riceve e l?affittante non può eliminare i beni oggetto del contratto dalla contabilità. Questo contratto deve essere, però, rilevato all'interno del sistema dei conti d?ordine.

Continua la lettura
45

Registrazione contabile

Per le valutazioni bisogna calcolare non solo le variazioni contabili, ma anche i plusvalori latenti. Infatti, un comma dell'art. 2562 stabilisce che la differenza esistente tra le consistenze d?inventario tra l'inizio e la conclusione dell?usufrutto venga regolata in danaro. Questa pratica deve tener conto dei valori correnti al termine dell?usufrutto. Possiamo affermare che in base al confronto che si esegue tra il ?saldo? e il differenziale tra i valori contabili si determina contabilmente una sopravvenienza attiva oppure passiva che è a carico dell'affittante e una sopravvenienza passiva a carico dell?affittuario.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come trattare gli imballaggi in contabilità generale

Gli imballaggi danno luogo, contabilmente, a delle problematiche differenti nella contabilità generale, a seconda della loro tipologia e della destinazione. In questa semplice ed esauriente guida vi proponiamo di fare chiarezza su come trattare gli imballaggi...
Aziende e Imprese

Come trattare in contabilità l'indennità di preavviso

Oggi parleremo di contabilità e di indennità di preavviso, in questa guida. Come voi lettori e lettrici -probabilmente- ben saprete, l’istituto del preavviso tutela il soggetto che, all'interno dell’ambito del recesso di un contratto di lavoro a...
Aziende e Imprese

Come trattare in contabilità gli oneri per ferie maturate

In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni su come trattare al meglio in contabilità gli oneri per ferie maturate. Proprio tra i vari oneri positivi per il lavoratore dipendente, il trattamento più vantaggioso è senza ombra di dubbio...
Aziende e Imprese

Come registrare i dati nella contabilità del personale

Tra le contabilità sezionati dell’azienda, rientra la contabilità del personale: essa fa parte precisamente del sistema informativo dell’azienda, comprensiva delle rilevazioni attinenti alle varie retribuzioni del personale dipendente e i legami...
Aziende e Imprese

Come gestire la contabilità con le banche

Per tutte le imprese è molto importante gestire al meglio la contabilità, osservando tutte le regole previste dalla legge per gli obblighi di scritture e di tenuta dei libri contabili. Tra la contabilità spiccano le registrazioni e la contabilità...
Aziende e Imprese

Come creare liquidità in azienda

Ogni azienda ha la necessità di conservare una determinata quantità di denaro in contanti. Questo avviene in funzione del fatto che essa deve poter finanziare le operazioni in corso e pagare tutte le obbligazioni imminenti in un breve arco di tempo....
Aziende e Imprese

Come Rappresentare In Contabilità Le Dimissioni

In questa guida vengono fornite le indicazioni che permetteranno di rappresentare correttamente, in contabilità generale, le movimentazioni collegate alla cessazione delle prestazioni lavorative fornite del personale dipendente. Il rapporto di lavoro...
Aziende e Imprese

Contabilità semplificata: i libri obbligatori

Quando si parla di regime di contabilità semplificata, si intende quell'opportunità che viene concessa ad una determinata fascia di lavoratori autonomi che sono titolari di partita IVA. Questa tipologia di contabilità sostituisce quella a regime ordinario...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.