Come superare il mobbing

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Nel mondo lavorativo possono esserci talvolta dei disagi che portano a dei problemi seri e complessi. L'ambito lavorativo è da sempre stato ricco di invidie e rivalità, per questo motivo può capitare prima o poi di subire un torto da qualche collega oppure da un superiore. Quando le azioni denigratorie poi vanno a ledere quella che è la sensibilità e la psicologia dell'individuo finiscono per dare vita al mobbing, di fronte al quale non è possibile restare impassibili. Lavorare in un ambiente così diventa piuttosto difficile e non sempre è possibile risolvere la situazione da soli. A questo punto la cosa migliore da fare sarebbe chiedere supporto a chi è dalla vostra parte. Se ciò non bastasse però, nella guida che sotto vi troverete a leggere, ci saranno dei suggerimenti validi affinché possiate capire come superare tale il mobbing e tutto ciò che esso scaturisce.

25

Innanzitutto la prima cosa da fare per superare i mobbing è cercare di mantenere la propria autostima, senza dar credito a tutte le molestie verbali e gli atti vessatori avvenuti sul proprio conto. Non serve a niente chiudersi in se stessi. Anzi una simile reazione non fa altro che aggravare la vostra posizione, incidendo anche sulla vostra salute e sulla vostra condizione familiare. Quindi una volta individuato il problema, il passo successivo sarà metterlo in evidenza. Tacere infatti è assolutamente sbagliato e non farà cessare la violenza in atto.

35

Tutto ciò che costituisce tale fenomeno sono comportamenti aggressivi e molestie che se pur verbali vanno a ledere la psicologia dell'individuo preso di mira. Perciò, essendo in una situazione fortemente critica, non è possibile affrontare tutto da soli. Il modo migliore per superare il mobbing è farsi aiutare dagli altri oppure da uno psicologo professionista che vi indichi i comportamenti corretti da assumere quando di è in presenza di atteggiamenti da mobbing. Ovviamente prima di intraprendere qualsiasi azione, l'importante è parlarne e cercare di instaurare un dialogo per far capire al "boss" della situazione che non è certamente quello il giusto modo di lavorare per il benessere del team, ma soprattutto che non si è disposti a lavorare in questa maniera.

Continua la lettura
45

Dopo tutti questi tentativi da parte vostra di porre fine a tale tipo di problema secondo le buone maniera, resta poco altro da fare. Infatti la cerchia delle soluzioni si restringe e non vi resta che raccogliere tutte le informazioni necessarie che serviranno per dimostrare il fenomeno in atto. A questo punto, se è possibile, potete richiedere un trasferimento per motivi di salute. Oppure l'ultimo modo per superare il mobbing è dunque quello di intraprendere le vie legali, anche se comunque è sconsigliato farlo per i lunghi tempi burocratici e per le spese da sostenere.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Sfogatevi con qualcuno

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

5 consigli per affrontare il mobbing

Sono sempre di più le persone vittime di mobbing sul luogo di lavoro. Per chi non lo sapesse, con il temine mobbing si intende ogni tipo di violenza psicologica ai danni di un dipendente. Lo scopo di queste persecuzioni è quella di far dare le dimissioni...
Lavoro e Carriera

5 modi di affrontare il mobbing sul posto di lavoro

Oggi per vivere è indispensabile lavorare e avere un impiego rappresenta un privilegio che non tutti hanno. Purtroppo, però, può accadere che il solo pensiero di recarsi sul posto di lavoro rappresenti un incubo da cui vorremmo svegliarci, perché...
Lavoro e Carriera

Come capire se si è vittime di mobbing

Quando si parla di mobbing si fa riferimento ad una serie di azioni compiute per un lungo periodo e volte a danneggiare intenzionalmente una persona per ottenere un determinato scopo; nel mondo del lavoro il mobbing viene attuato per indurre la vittima...
Lavoro e Carriera

Mobbing sul lavoro: come tutelarsi

Quando si vuole licenziare qualcuno o gli si vuole rendere difficile la vita, molto spesso sul posto di lavoro si ricorre al famoso mobbing. Un metodo subdolo e spietato per mettere in difficoltà il dipendente e costringerlo così a chiedere spontaneamente...
Lavoro e Carriera

Lavoro: come difendersi dal mobbing

Il termine "mobbing" deriva dal verbo inglese "to mob" che significa assediare, attaccare. Con mobbing, infatti si intendono tutti quegli atteggiamenti, sia pratici che psicologici, che tendono ad isolare, mettere in difficoltà ed a disagio una persona...
Lavoro e Carriera

Come difendersi in caso di mobbing

Al giorno d'oggi si sente parlare sempre più spesso di mobbing. Con questo termine si indica un atteggiamento molesto nei confronti di una persona sul luogo di lavoro. Questo atteggiamento si può verificare sia da parti dei colleghi che da parte del...
Aziende e Imprese

Come aprire un'attività di investigazione e sicurezza

In questo tutorial facile e veloce, vi vogliamo aiutare a capire come e che cosa si potrà fare per aprire un'attività di investigazione e sicurezza. Ecco il motivo che abbiamo pensato per proporvi questa cosa. Vi daremo spiegazioni semplici per avviare...
Lavoro e Carriera

Come evitare o risolvere i conflitti sul posto di lavoro

In questa bella ed utile guida, che abbiamo pensato di proporre a tutti coloro che hanno la fortuna di lavorare, vogliamo parlare di come poter cercare di evitare o di risolvere, i classici e diffusi, conflitti sul posto di lavoro, in maniera tale da...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.