Come Stimare Il Valore Dell'Avviamento Utilizzando I Sovraredditi

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

L'avviamento rappresenta un elemento davvero importante, il quale distingue in modo sostanziale le società già avviate che lo hanno dalle imprese di nuova costituzione che ne sono sprovviste. Precisamente, si tratta di un'immobilizzazione immateriale e ricomprende ogni elemento che ha portato un'azienda ad avere un certo posizionamento nel mercato del lavoro.
A livello accademico l'avviamento si può considerare come il maggior valore assunto da una società esistente da anni sul mercato e avente già una sua catena di clienti e fornitori fidelizzati, rispetto ad un'impresa di nuova costituzione.
Per questo motivo, l'avviamento si potrà determinare dai sovraredditi realizzati da un'azienda rispetto ai normali rendimenti di mercato. Nella guida esposta qui di seguito, vi fornirò qualche suggerimento riguardante la procedura per stimare il valore dell'avviamento utilizzando i sovraredditi.

27

Occorrente

  • Azienda
  • Patrimonio netto
  • Redditi degli ultimi 3 anni
  • Risk free rate
  • Rischi non diversificabili
  • Rischi specifici
37

La prima azione da compiere per stimare il valore dell'avviamento utilizzando i sovraredditi consiste ovviamente nel calcolare quest'ultimi.
Dovete sapere che i sovraredditi vengono determinati partendo dai redditi conseguiti dall'impresa data in un periodo definito e diminuendo i redditi "standard" di un'azienda del settore simile a quella considerata.
In seguito, si utilizza il patrimonio netto dell'impresa ed il costo del capitale proprio. Attraverso la presente metodologia, l'avviamento si trova sommando i sovraredditi del periodo temporale preso come riferimento.

47

In questi casi, il problema è rappresentata dal calcolo dei redditi "standard" da impiegare. Generalmente, si moltiplica il patrimonio netto della società in esame per il normale cost of equity (tasso del rendimento atteso da un investitore del settore).
Quest'ultimo elemento si potrà determinare sommando le componenti di rischio non diversificabili, il risk free rate e le componenti di rischio specifiche dovute a vari aspetti (come il settore o le dimensioni aziendali).

Continua la lettura
57

La spiegazione appena fornita potrete capirla meglio facendo un esempio pratico. Supponiamo che i redditi di un'impresa tessile negli ultimi 3 anni siano rispettivamente "1.500.000?", "2.000.000?" e "1.600.000?). Il patrimonio netto è uguale al 20% di "15.000.000?". Il risk free rate è del 3%, i rischi non diversificabili sono del 2% e i rischi specifici sono del 5%.
Innanzitutto, possiamo trovare il valore del cost of equity: "Ce = 3% + 2% + 5% = 10%. Negli ultimi 36 mesi presi in esame, quindi, i rendimenti medi dell'impresa tessile sono pari a "Rm = 15.000.000? * 10% = 1.500.000?".
Da questo potete dedurre facilmente che soltanto gli ultimi 2 anni hanno originato dei sovraredditi. Per questo motivo, l'avviamento è dato sommando quest'ultimi: "(2.000.000? - 1.500.000?) + (1.600.000? - 1.500.000?) = 500.000? + 100.000? = 60.000?".

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dovrete possedere delle buone nozioni di economia aziendale: consultate qualche libro o informatevi direttamente su Internet.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come stimare un terreno agricolo

Far stimare un terreno agricolo, oggi ancora più che in passato, è un operazione utile e necessaria, anche in virtù della profonda crisi che ha scosso il settore negli ultimi anni. Sapere quanto vale un appezzamento di terreno è fondamentale per formulare...
Aziende e Imprese

Come calcolare il valore economico di un'azienda

Se siete interessati ad effettuare un'analisi sulla salute finanziaria di un'azienda, oppure nel caso in cui voleste acquistarla, sarà necessario fare un calcolo in merito al valore economico della stessa. Ci sono vari metodi per farlo, ed in particolare,...
Aziende e Imprese

Cosa determina il valore di un'azienda

Esistono aziende di infiniti generi, e di infiniti valori. Comprendere il reale valore di un'azienda non è cosa facile, bisogna tenere presente più fattori. Per introdurre il discorso, possiamo dire che una serie di elementi interni ed esterni determina...
Aziende e Imprese

Come quantificare il valore di un terreno agricolo

Quantificare il prezzo di vendita di un terreno, può sembrare un impresa ardua ma con dei validi accorgimenti e tenendo in considerazione alcuni fattori, è possibile riuscire ad ottenere il suo preciso valore. Per prima cosa è fondamentale tenere in...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Valore Aggiunto Del Conto Economico

Una voce fondamentale di calcolo presente nel bilancio di ogni attività è sicuramente il valore aggiunto. Il valore aggiunto rappresenta il primo margine del conto economico, praticamente quello che indica quanto reddito produce la gestione caratteristica...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Valore Attuale Di Un Investimento Annuale

Relativamente ai mercati mobiliari, ci troviamo di fronte ad una somma di denaro che si dovrebbe impiegare come investimento per il periodo in corso. Si tratta del cosiddetto "valore attuale", il quale serve per bilanciare la quantità di denaro che...
Aziende e Imprese

Come calcolare il valore di un'azienda in base al fatturato

La maggior parte delle aziende che intendono valutare la propria attività per ottenere prestiti fiduciari oppure sono in cerca di nuovi investitori, devono attenersi a determinati calcoli prendendo come punto di riferimento il fatturato. Le valutazioni...
Aziende e Imprese

Come viene calcolata l'‪Imposta sul valore aggiunto‬

Nell'anno 1972 in Italia fu introdotta con un decreto legge l'‪Imposta sul valore aggiunto‬, che va applicata ad un prezzo che da netto (Iva esclusa), diventa lordo (Iva inclusa). In pratica, quando si compra un determinato prodotto, oppure si usufruisce...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.