Come si quietanza una fattura

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Quando un soggetto riceve una prestazione da un altro soggetto è obbligatorio per legge emettere una fattura, per provarne l'effettivo adempimento. In questo caso si parla di quietanza. Tale documento contabile deve essere emesso in modo contestuale al pagamento. Questa dovrà riguardare l'importo della prestazione che è stata richiesta da parte di colui che l'ha compiuta. Il creditore, in questo modo, è posto al riparo da ogni ulteriore richiesta. L'importanza della fattura è fondamentale ai fini giuridici. In questa guida vi daremo alcuni suggerimenti su come si quietanza una fattura. La dicitura "per quietanza", apposta con timbro o con penna, deve essere obbligatoria. La semplice diciturura "pagato", infatti, non basta: ciò potrebbe anche riferirsi solo ad importi parziali.

24

Possibili errori nella quietanza di fattura

In primo luogo, dobbiamo cercare di capire come poter evitare di incappare in errori riferiti alla quietanza. Innanzitutto, dobbiamo considerare che la data della fattura dev'essere quella riferita al momento in cui viene effettuata la prestazione, per poter fare in modo che il debitore paghi al creditore ciò che gli spetta. Il principio contabile cui ci riferiamo indica la competenza come forma principale per la fatturazione. In questo caso, quindi, vale il principio secondo il quale i costi sono da considerarsi di competenza dell'esercizio economico, anche se le entrate e le uscite avvengono in un momento differente.

34

Come avviene la quietanza di fattura?

Quando la fattura sarà emessa, il soggetto debitore avrà la possibilità di pagare il proprio debito. Attraverso il pagamento, il rapporto commerciale con l'altro soggetto della transazione, il creditore, sarà chiuso definitivamente. Quando il debito sarà estinto, avremo la possibilità di definire la fattura come quietanzata in modo corretto. Prima, ciò non è possibile. Per poter dire che una fattura è quietanzata in modo corretto dobbiamo, inoltre, riportare la somma che il debitore ha versato al creditore. La quietanza rimarrà aperta fino a che l'ultima parte di pagamento o della rata di pagamento non sarà avvenuta. Questo avviene quando siamo di fronte ad un pagamento parziale o dilazionato. È necessario, inoltre, che vi sia apposta la firma del creditore per avere una corretta quietanza, come stabilisce la legge.

Continua la lettura
44

Quando si riceve la quietanza

Quando il pagamento della merce in questione sarà avvenuto correttamente e per intero si avrà diritto a ricevere la quietanza. La quietanza attesta la fine del rapporto commerciare tra il soggetto creditore e quello debitore. Dovrà essere conservata per alcuni anni come prova dell'avvenuto e concluso rapporto commerciale. Il non conservare le quietanze, allo stesso modo del non conservare le scritture contabili obbligatorie per legge, può essere considerato un illecito amministrativo o, in alcuni casi, anche penale. Nel caso in cui la merce acquistata sia difettosa, la quietanza vale anche come garanzia e deve essere presentata al fornitore per poter richiedere la sostituzione o la riparazione della merce. Quietanzare in modo corretto la fattura è qualcosa di molto più che obbligatorio per legge, in quanto permette di avere un documento dalla propria parte che può essere esibito su richiesta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Banche e Conti Correnti

Come verificare il CRO di un bonifico

Se intendete effettuare un bonifico bancario e volete monitorarlo fino al momento in cui il destinatario lo riceve, avete la necessità di disporre del cosiddetto CRO che si può ottenere con un’apposita registrazione presso la propria banca. Il CRO...
Aziende e Imprese

Come Recuperare Un Credito Su Fattura

Per chi ha un'attività in proprio è necessario tutelarsi e riscuotere i propri crediti. A volte infatti capita che, dopo aver emesso una fattura di vendita ad un cliente, e purtroppo quest'ultimo sia diventato un cattivo pagatore, ed il credito rimanga...
Aziende e Imprese

Come contabilizzare le fatture da ricevere

Nel corso dell'esercizio le rilevazioni contabili afferenti gli acquisti dei beni o dei servizi vengono registrate all'atto del ricevimento della relativa fattura. Alla fine dell'esercizio, nel momento della chiusura dei conti, si possono presentare delle...
Aziende e Imprese

Come Procedere alla messa in mora di un debitore

Quando un'azienda emette una fattura nei confronti di un cliente, essa si aspetta che quest'ultima proceda al più presto al pagamento di quanto dovuto. Quando questo non succede allora il creditore deve agire affinché egli riesca a recuperare il proprio...
Richieste e Moduli

Come cancellare il protesto di una cambiale

I protesti cambiari sono gestiti dalle Camere del Commercio, che tra le sue funzioni principali ha la promozione e pubblicizzazione dei pagamenti non eseguiti. Le Camere del Commercio aggiornano costantemente il Registro informatico dei protesti. Il registro...
Richieste e Moduli

5 cose da sapere se ricevi un decreto ingiuntivo

È meglio che nessuno nella vita riceva un decreto ingiuntivo. Per chi non lo sapesse infatti è un ordine dato da un giudice su base di un creditore. Questo consiste nell'obbligare il debitore ad adempiere all'obbligazione assunta entro 40 giorni solitamente....
Finanza Personale

Come recuperare una fattura non pagata

Oggigiorno, a causa anche e soprattutto della crisi economica che attanaglia il nostro Paese, i commercianti e i venditori in genere non hanno di certo vita facile. Purtroppo, molto spesso capita, un po' a causa della già menzionata crisi, un po' per...
Richieste e Moduli

Come e perché fare una lettera di costituzione in mora

La lettera di costituzione in mora è una richiesta che il creditore effettua per iscritto al debitore. Sostanzialmente si chiede di adempiere all'obbligazione che il debitore ha assunto in precedenza. Può trattarsi solitamente del pagamento di una determinata...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.