Come si calcola la rivalutazione delle polizze vita

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Le polizze vita sono dei contratti stipulati tra privati e compagnie assicurative.
Nel momento in cui dovesse accadere qualcosa al contraente, la compagnia dovrà liquidare il beneficiario con una somma di denaro oppure sotto forma di una rendita.
Il mercato delle assicurazioni offre uno scenario piuttosto vasto, atto a soddisfare tutte le necessità.
In termini previdenziali, questi strumenti sono da considerarsi importanti, in quanto costituiscono una potenziale forma di previdenza ed assicurazione integrativa per la propria famiglia, oltre che per sé stessi.
Una delle tipologie di polizza più conosciuta è quella con finalità di "risparmio" ossia di investimento; queste presentano un meccanismo di rivalutazione annuo.
La compagnia riconosce agli assicurati una parte degli utili e solitamente ha scadenza in concomitanza dell'anno solare. Vediamo in questa guida come si calcola la rivalutazione delle polizze vita.

25

Occorrente

  • polizza di assicurazione
35

Nelle polizze assicurative esiste una "clausola di rivalutazione", in questa è specificata la regola di attribuzione degli utili; alcuni contratti prevedono "aliquote di retrocessione", ovvero delle percentuali degli utili, comprese tra l'80% e il 90%.
In pratica, se la gestione finanziaria della Compagnia ottiene il 4% di utile ed il nostro contratto prevede un'aliquota di retrocessione dell'80%, avremo una rivalutazione del nostro capitale pari all'80% moltiplicato per 4%, ossia 3,20%.

45

Alcuni contratti, invece prevedono una percentuale di rendimento "trattenuta", ciò significa che resta nelle "casse" della Compagnia e non viene ceduta al contraente della polizza.
Spesso tale percentuale è compresa tra l'1% e l'1,5% e viene sottratta direttamente al tasso di rendimento della gestione finanziaria della Compagnia. Se il rendimento della Compagnia assicurativa è del 4% e la percentuale trattenuta prevista è dell'1,5%, la rivalutazione che otterremo sarà pari alla differenza, nel caso corrente il 2,5%.

Continua la lettura
55

Una garanzia di rendimento tipico è prevista nella maggior parte dei contratti assicurativi; tipicamente per i primi anni è contemplata la garanzia pari a 5 o 10.
Se per il contratto fosse previsto un rendimento minimo garantito del 3%, il tasso di rivalutazione non sarebbe stato il 2,5% ma appunto il 3%.
Un'assicurazione sulla vita comporta sempre un ottimo investimento, in quanto in nessun caso il rendimento attribuito può essere negativo.
Il capitale assicurato non può mai diminuire, ma solo aumentare in base alla polizza scelte e le relative clausue che essa comporta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come calcolare le imposte sui rendimenti delle polizze vita stipulate entro il 2000

In questa guida, come da titolo, cercheremo di spiegare come, nella maniera più esaustiva, calcolare le imposte sui rendimenti delle polizze vita.Il calcolo di tale imposta è sottoposto a diverse normative, infatti, esso varia in base al momento in...
Previdenza e Pensioni

Come si calcolano le provvigioni delle polizze sulla vita

Chi vuole intraprendere l'attività di agente assicurativo deve sapere che in genere questa figura professionale non percepisce un reddito fisso mensile come un impiegato, il reddito percepito dell'agente assicurativo è costituito dai compensi, che percepirà...
Previdenza e Pensioni

Come si calcolano le imposte sui rendimenti delle polizze vita stipulati dopo il 2000

Il rendimento delle polizze assicurative sulla vita è soggetto ad imposizione fiscale. Per le polizze stipulate a partire dal duemilauno si applica l'imposta sostitutiva del 12,5% mentre per i rendimenti fino al duemilaundici e per quelli successivi...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare l'imposta di bollo nelle polizze di capitalizzazione

Per chi non lo sapesse, sulle polizze di capitalizzazione, anno 2012 e 2013, ma anche in altri anni ove richiesta, va applicata l'imposta di bollo, così come già previsto da tempo per i conti correnti bancari. Ma in questo caso, è il meccanismo di...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare il valore di riscatto di una polizza vita a premi periodici

Le polizze vita sono polizze stipulate dal cliente con l'agenzia assicuratrice e garantiscono ingenti somme di denaro in caso di morte o invalidità, permanente o non. Queste polizze presentano una scadenza, e solo le persone minori di una certa età...
Previdenza e Pensioni

Polizze per anziani: 5 consigli per sceglierle

Al giorno d'oggi diventa sempre più vantaggioso stipulare una polizza per anziani che possa garantire maggiore sicurezza e stabilità per il futuro proprio e della famiglia. Le polizze per anziani sono di solito rappresentate da assicurazioni sulla vita...
Previdenza e Pensioni

Come scegliere una polizza vita

Sarà per la diffusione capillare di internet o forse per la sensazione imperante d'incertezza, quel è che certo è che l'universo delle assicurazioni, da sempre un po' nebuloso, è ormai diventato una vera e propria giungla. Polizze su polizze con clausole...
Previdenza e Pensioni

Tutto su polizze e assicurazioni auto

Che cos'è una polizza assicurativa? Si tratta semplicemente di un'assicurazione, resa obbligatoria dal 1969 per tutti. Riguarda principalmente l'auto (ma anche il conducente e i passeggeri trasportati). In caso di incidente, sarà una compagnia assicurativa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.