Come si calcola il capitale dell'interesse semplice

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Con il termine "capitale dell'interesse semplice" si intende la percentuale ricavata dai vostri risparmi, espressa in modo annuo. Determinare il valore esatto non è difficile. Se siete interessati a questo argomento, qui di seguito vi sarà spiegato, nella maniera più chiara e comprensibile possibile, come si calcola correttamente il capitale dell'interesse semplice.

26

Occorrente

  • Calcolatrice
36

Il funzionamento dell'interesse

Capire il funzionamento dell'interesse di capitale composto è pressoché simile. Il suo guadagno solitamente è calcolato e aggiunto al saldo a scadenza mensile, settimanale o addirittura giornaliera. Per avere una stima piuttosto precisa, osservate il bilancio di apertura, calcolate come solito l'interesse semplice per il periodo in questione e poi aggiungete ad esso la somma presente nel bilancio di apertura. Utilizzate quindi il risultato che avete ottenuto per fare una previsione valida riguardo il periodo successivo e ripetete il processo per qualsiasi lasso temporale vi serva determinare. Per avere una traccia degli incrementi e delle perdite, è bene tenere un registro da aggiornare periodicamente, apportando tempestivamente eventuali modifiche funzionali per ottenere un maggiore guadagno economico.

46

Il calcolo

Moltiplicate quindi il tasso di interesse semplice per il numero di giorni in un determinato intervallo di tempo. Ad esempio, utilizzando l'esempio precedente, con una tariffa quotidiana dello 0,014%, il tasso sarà sette volte 0.014, ovvero lo 0.98% settimanale. Questa procedura è pertanto praticamente identica, tranne per il fatto che si moltiplica il tasso in questione per il periodo di tempo stabilito, invece che per il numero di giorni annuali. Se il saldo ammonta a €1500, moltiplicate tale cifra per la tariffa settimanale (0,098%). Ne ricaverete un guadagno di €1,47 ogni sette giorni circa.

Continua la lettura
56

L'interesse

Se l'interesse è stato calcolato e aggiunto al vostro conto solamente una volta all'anno, l'importo è pari alla percentuale media del tasso che avete sottoscritto. Per esempio, se possedete un saldo medio di €1000 e il 3% del tasso di interesse semplice, avrete guadagnato il 3% dei €1000.
Se desiderate determinare il valore in un arco di tempo più breve, il primo passo è quello di trovare il tasso di interesse semplice per un solo giorno, dividendo il numero di giorni in un anno per questo coefficiente; se un fondo del mercato monetario sta pagando il 5% su una determinata settimana, la tariffa giornaliera viene così calcolata: 5/365.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per avere una traccia degli incrementi e delle perdite, è bene tenere un registro da aggiornare periodicamente, apportando tempestivamente eventuali modifiche funzionali per ottenere un maggiore guadagno economico.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come ridurre il capitale in una società di capitali

Il termine capitale viene generalmente utilizzato con varie accezioni nel campo dell'economia e della finanza. In finanza e in ragioneria, il capitale si riferisce generalmente alla ricchezza finanziaria, con particolare riferimento a quella che viene...
Aziende e Imprese

Come calcolare il Capitale Circolante Netto

Un'attività commerciale, per verificare le proprie risorse economiche a breve termine, necessita di un indicatore. Si tratta del "capitale circolante netto", ovvero quel margine ottenuto dalla differenza fra le "Attività correnti e le "Passività correnti"....
Aziende e Imprese

Come si calcola l'ammortamento dell'avviamento

L'ammortamento dell'avviamento è un argomento trattato nell'ambito dell'economia aziendale, come materia di studio per gli studi tecnici. L'ammortamento dell'avviamento è regolato da delle normative specifiche, come descritto nell'articolo 103; questa...
Aziende e Imprese

Come si calcola e cos'è Il "diritto di seguito"

Il diritto di seguito, detto anche Droit de Suit, è il diritto dell'autore di un'opera dell'arte figurativa o di manoscritti a ricevere una percentuale sulla vendita, successiva alla prima, delle proprie opere in originale. Con il D. Lgs. N.118/2006...
Aziende e Imprese

Come calcolare ed analizzare il Roic

La finanza è un tema molto importante che purtroppo non ci viene spiegato molto bene nel periodo scolastico, e dovremo andare a studiarlo da autodidatti per capire di più il sistema economico nel quale viviamo, per esigenze quotidiane, per quelle lavorative,...
Aziende e Imprese

Come Determinare Il Ccno

Come facilmente intuibile dal titolo della guida, ora ci dedicheremo a spiegarvi Come determinare il CCNO. Partiamo dal definire questo acronimo: per CCNO, intendiamo il Capitale Circolante Netto. In sostanza, esso è utilissimo per analizzare il bilancio...
Aziende e Imprese

Come funziona la leva finanziaria

Generalmente l'utilizzo della leva finanziaria determina un ampliamento della performance positiva o negativa dell'investimento. In un certo senso si può dire che consente un incremento di volume dello stesso; solamente nel caso in cui il costo del capitale...
Aziende e Imprese

Come calcolare gli indici di bilancio

Ogni azienda al termine del proprio anno fiscale o esercizio deve redigere il bilancio, che riassume la situazione economica e quella finanziaria della propria attività. In particolare, il conto economico evidenzia l'utile o la perdita, calcolati dalla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.