Come scorporare l'iva

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Quando si possiede una qualsiasi azienda, è necessario affrontare tante problematiche nel migliore dei modi. Esempi di problemi riguardano il fatturato insufficiente, l'assunzione di lavoratori competenti, il sostenimento di notevoli costi ed il pagamento delle imposte. Le tasse che una società dovrà pagare sono tante, quali i contributi previdenziali e l'Imposta sul Valore Aggiunto (IVA). Quest'ultimo tributo indiretto costituisce la più grande fonte delle entrate statali e non viene apprezzato molto dagli imprenditori né dai consumatori. Secondo la legge italiana, l'IVA si applica su beni/servizi messi a disposizione quotidianamente dalle attività commerciali. Precisamente questa tassa indica l'aumento di valore acquisito dal prodotto/servizio ad ogni fase della catena distributiva (fornitore, grossista, dettagliante, acquirente finale). Quando si comprano beni o servizi, generalmente il totale da pagare viene indicato al lordo dell'IVA. Si desidera invece conoscere il proprio valore netto, ma non si conoscono le operazioni matematiche da eseguire? Nessun problema, il tutorial esposto qui di seguito illustrerà come scorporare l'IVA correttamente.

28

Occorrente

  • Calcolatrice
  • Prezzi dei vari beni/servizi
38

Conoscere l'aliquota IVA

Si intende scoprire quanto costa un determinato bene o servizio al netto dell'IVA? La prima informazione che bisogna tenere in considerazione riguarda il fatto che esistono tre aliquote differenti (ordinaria, ridotta e minima). Quella ordinaria ammonta al 22% e riguarda il valore totale. Quella ridotta è uguale al 10% e viene applicata ai servizi turistici o edilizi. Quella minima rappresenta soltanto il 4% del totale e si applica ai beni immobili di prima necessità (come pane, latte e pasta). Esistono però anche situazioni dove non viene prevista un'aliquota IVA, perché ritenute di utilità sociale o hanno già ulteriori tributi (come le prestazioni sanitarie o i trasporti pubblici). Precisamente si tratta di operazioni non imponibili che permettono la detrazione dell'imposta sugli acquisti (come ad esempio le esportazioni) ed operazioni escluse, in quanto mancano le caratteristiche essenziali dell'IVA. Vediamo adesso come poter scorporare l'Imposta sul Valore Aggiunto pari al 22%.

48

Scorporare l'IVA al 22%

Per scorporare l'IVA al 22%, poniamo il caso di avere a disposizione il prezzo finale. Per individuare il valore effettivo di un bene/servizio, iniziamo con la divisione della percentuale di aliquota per 100 e l'aggiunta di 1. Il prezzo finale comprensivo di IVA va successivamente diviso per il risultato appena ottenuto. Facciamo un esempio pratico, in modo da comprendere il procedimento necessario. Supponendo un prezzo di vendita finale di 200€ e l'IVA al 22%, bisogna effettuare la presente equazione: 200€ / 1,22 = 163,93€. Questo importo ricavato corrisponde al costo netto del bene/servizio in questione. Per ottenere il valore dell'IVA, va compiuta una sottrazione fra il totale lordo e quello netto. Così facendo si otterrà 200€ - 163,93€ = 36,07€. Ecco ricavata l'Imposta sul Valore Aggiunto. Come abbiamo visto, scorporare l'IVA al 22% risulta abbastanza facile e richiede soltanto due passaggi elementari.

Continua la lettura
58

Scorporare l'IVA al 10% o al 4%

Una volta appreso come scorporare l'IVA al 22%, si può applicare la medesima formula a tutti i beni/servizi per i quali vengono applicate aliquote del 10% o del 4%. Nel caso dell'IVA al 10%, è possibile dunque eseguire lo scorporamento facendo innanzitutto (10 / 100) + 1 = 1,1. Successivamente occorre dividere il costo totale per il valore appena ricavato, allo scopo di ottenere il prezzo netto del bene/servizio. A questo punto basterà sottrarre il costo totale al prezzo netto, in modo da calcolare l'IVA al 10%. Nel caso di beni con aliquota del 4%, il procedimento di calcolo risulta praticamente identico. In questa situazione, l'azione da svolgere per ricavare il prezzo netto è la divisione del prezzo totale per (4 / 100) + 1 = 1,04. Quando si acquisirà dimestichezza con questi calcoli, scorporare l'IVA diventerà ancora più elementare. Supponendo ancora un prezzo totale di 200€, si ha: 200€ - (200€ / 1,1) = 200€ - 181,82€ = 18,18€ e 200€ - (200€ / 1,04) = 200€ - 192,31€ = 7,69€.

68

Consultare portali web specifici

Come abbiamo appena visto, scorporare l'IVA non risulta particolarmente difficoltoso. Tuttavia si potrebbe compiere qualche errore qualora non si abbia particolare dimestichezza con i calcoli matematici. Per fugare ogni dubbio, è possibile consultare facilmente dei siti web che si occupano del calcolo relativo allo scorporo dell'IVA. Per trovare queste pratiche risorse, basterà fare una ricerca direttamente online. Si troveranno certamente degli applicativi veramente funzionali, capaci di elaborare fatture e ricavare l'IVA su numerosi acquisti. Utilizzarli permetterebbe di verificare se le determinazioni risultano corrette o sbagliate. Senza contare il fatto che, adoperando delle risorse online, possiamo risparmiare tempo nell'effettuare i calcoli. Ecco quindi spiegato dettagliatamente come scorporare l'IVA. Buon calcolo!

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Affidarsi ad un sito web per verificare l'esattezza dei calcoli di scorporo.
  • Annotare la procedura di calcolo per scorporare l'IVA, in modo da potersi esercitare nel calcolo manuale.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come Calcolare Importo della Merce senza IVA

Quando si apre un'attività commerciale, la cosa più importante da sapere è quanto si spenderà per la merce che dovrà essere poi venduta. Purtroppo l'IVA è arrivata ad una percentuale molto alta e questo fa si che i prezzi lievitino parecchi. Per...
Finanza Personale

Come funziona la cessione del credito IVA

La cessione del credito IVA è una specifica direttiva proposta dal Ministero delle Finanze, che prevede la possibilità da parte di un soggetto lavoratore di trasferire il suo credito ad un altro individuo secondo delle modalità ben precise. In genere,...
Finanza Personale

Come compilare la dichiarazione IVA

Tra gli argomenti più ostici e meno facili da capire ed interpretare c'è sicuramente quello che riguardo il sistema tributario, in merito a ciò infatti abbiamo pensato di realizzare questa guida per spiegare come compilare la dichiarazione Iva. Essa...
Finanza Personale

Come mettersi in regola senza aprire la partita IVA

Da qualche anno a questa arte, la prestazione occasionale è diventata estremamente richiesta ed esercitata da moltissime persone, molte delle quali la effettuano come secondo lavoro per arrotondare il proprio stipendio. Per prestazione occasionale si...
Finanza Personale

Cos'è lo spesometro

Cos'è lo spesometro? L'ufficio delle imposte ha previsto requisiti dettagliati per la nuova dichiarazione dell'IVA italiana, lo Spesometro, che fornisce un'analisi dettagliata delle operazioni IVA di circa € 3.600. Lo Spesometro, si propone per individuare...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Liechtenstein

Il 1° gennaio 2011, in Liechtenstein è entrato in vigore un nuovo sistema fiscale con l'obiettivo di modernizzare il precedente ordine giuridico in materia di imposizione fiscale, tenendo conto degli sviluppi internazionali. Il nuovo sistema dovrebbe...
Finanza Personale

Come Fatturare con ritenuta d'acconto

Chi offre prestazioni di lavoro occasionali, per delle competenze tecnico-pratiche che possiede, può ora fatturare con ritenuta d'acconto senza però essere costretto ad aprire una posizione i. V. A.. Infatti per chi non svolge attività a fini di lucro...
Finanza Personale

Come funziona il sistema fiscale in Romania

L'ingresso della Romania nell'Unione Europea ha fatto si che il sistema fiscale sia simile a quello degli altri Paesi membri. Il 1 Gennaio 2016 la Romania ha effettuato una riforma sul codice che regola il regime fiscale, apportando interessanti novità,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.