Come scegliere la destinazione del TFR

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il TFR, acronimo di Trattamento Fine Rapporto corrisponde alla liquidazione del proprio rapporto di lavoro e viene rilasciata dal datore di lavoro alla fine del rapporto. Questa somma maturata dal lavoratore corrisponde approssimativamente all'importo di una busta paga per ogni anno di servizio svolto presso quel datore di lavoro. Tutti i lavoratori, sia quelli del pubblico impiego che quelli del settore privato, compresi COLF e badanti hanno diritto al TFR e non possono farne rinuncia. Dall'anno 2007 è obbligatorio per il lavoratore scegliere la destinazione del proprio TFR entro sei mesi dall'inizio del rapporto lavorativo. Vediamo insieme cosa c'è da sapere su come scegliere la destinazione del proprio TFR.

28

Occorrente

  • Modello TFR1 se la prima assunzione risale a prima del 01.01.2007;
  • Modello TFR2 se la prima assunzione è successiva al 01.01.2007;
38

Lasciare il TFR in azienda

Le possibilità di scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto sono tre. La prima consiste nel lasciare il proprio TFR in azienda. In questo caso l'importo accantonato maturerà annualmente degli interessi, ma verrà sottoposto al momento della sua liquidazione ad una trattenuta Irpef. I lavoratori, in possesso di almeno 8 anni di servizio, potranno chiedere un anticipo del proprio TFR fino al 70%, nel caso in cui debbano sostenere spese sanitarie o procedere all’acquisto della prima casa. Il datore di lavoro potrà, dal canto suo, accordare tali richieste solo al 10% dei propri lavoratori. Lasciare il proprio TFR in azienda costituisce un rischio in caso di fallimento, perché per recuperarli il lavoratore dovrà presentare domanda al Fondo di Garanzia INPS, con lunghi tempi di attesa per la liquidazione.

48

Destinare il TFR ad un fondo previdenziale

La seconda possibilità consiste nella destinazione del proprio TFR ad un fondo di previdenza ed assistenza integrativa, che oltre a portare dei vantaggi a livello di sgravi fiscali, fa in modo di affiancare alla pensione del lavoratore, una rendita integrativa. Questo sistema è molto utile perché anche lo Stato sta agevolando coloro che decidono di affiancare alla pensione di vecchiaia una pensione integrativa. Essenzialmente il sistema si basa su prodotti finanziari (spesso titoli di Stato) che al termine del rapporto di lavoro restituiranno la quota del TFR più il rendimento del prodotto.

Continua la lettura
58

Richiedere il TFR in busta paga

La terza possibilità riguarda essenzialmente i dipendenti del privato e consiste nel richiedere l’anticipo del TFR mensilmente in busta paga. Questo strumento, introdotto dalla Legge di Stabilità 2015, fa si che l'importo maturato non venga accantonato, ma venga versato insieme allo stipendio del lavoratore, sottoponendolo a tassazione Irpef come già avviene per gli altri redditi. Per scegliere la destinazione del TFR, bisogna compilare l'apposita modulistica, rappresentata dai modelli TFR1 e TFR2, e consegnarla al proprio datore di lavoro. Il TFR1 deve compilarlo chi è stato assunto la prima volta prima del dicembre 2006, mentre il TFR2 deve compilarlo chi è stato assunto dopo tale data.

68

Aderire al Fondo di tesoriera INPS

Se si lavora in un'azienda che ha un numero di dipendenti minore di 50, il trattamento di fine rapporto rimarrà in azienda, altrimenti è compito del datore trasferire l'importo ad un Fondo pensionistico integrativo, a meno che Il lavoratore dipendente, non decida a quale Fondo di previdenza aderire. Se non si comunica una preferenza entro i termini stabiliti, il datore di lavoro ha l'obbligo di trasferire l'importo del TFR ad un Fondo pensionistico collettivo. Di solito il Fondo su cui viene trasferita la somma corrisponde a quello a cui hanno aderito la maggior parte degli altri lavoratori dipendenti. Nel caso non esista una forma collettiva a cui attenersi, il datore di lavoro invia le somme al Fondinps, cioè la forma di previdenza integrativa dell'Inps.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Lasciare il proprio TFR in azienda può costituire un rischio in caso di fallimento. Valuta bene le tre opzioni;
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come Gestire il TFR nello stato patrimoniale

Il TFR (o trattamento di fine rapporto) è la somma che tutti i lavoratori percepiscono nel momento in cui cessa un rapporto di lavoro. Viene disciplinato dal codice civile all'articolo 2120 ed il calcolo è molto semplice. Viene effettuato sommando,...
Aziende e Imprese

Come calcolare e contabilizzare l'accantonamento Tfr

Il TFR, acronimo di Trattamento di Fine Rapporto, consiste in una liquidazione o buonuscita, maturata dal lavoratore dipendente presso un unico datore di lavoro e pagato al termine del rapporto lavorativo dal proprio sostituto. Essenzialmente il trattamento...
Aziende e Imprese

Come gestire il TFR nel Conto Economico

Quando si parla di trattamento di fine rapporto o TFR si intende una certa retribuzione effettuata dal datore di lavoro che viene data al lavoratore quando termina un rapporto lavorativo. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici...
Aziende e Imprese

Come trattare contabilmente le polizze assicurative a garanzia del TFR

Nel momento in cui si verifica la cessazione di un rapporto di lavoro dipendente, l'impresa datrice deve corrispondere al lavoratore l'indennità a titolo di trattamento di fine rapporto, TFR in acronimo, regolamentato dall'art. 2120 del Codice Civile....
Aziende e Imprese

Come compilare un modello CUD

Destreggiarsi fra i vari moduli e le compilazioni di modelli, per quanto riguarda la materia fiscale, non è mai facile, purtroppo. Mi riferisco in particolare al modello CUD, che viene fornito dal sostituto d'imposta. Serve per presentare la certificazione...
Aziende e Imprese

Come Rappresentare In Contabilità Le Dimissioni

In questa guida vengono fornite le indicazioni che permetteranno di rappresentare correttamente, in contabilità generale, le movimentazioni collegate alla cessazione delle prestazioni lavorative fornite del personale dipendente. Il rapporto di lavoro...
Aziende e Imprese

Come destinare l'utile d'esercizio

Al termine di ogni periodo amministrativo, se dopo aver effettuato le scritture di assestamento e di epilogo dei componenti di reddito, che si redigono al 31/12 di ogni anno, il conto economico generale presentasse un'eccedenza positiva, significa che...
Aziende e Imprese

Come preparare lo stato patrimoniale

Una società di capitali ha l'obbligo di redigere il bilancio di esercizio al termine di ciascun anno contabile, nel rispetto dei principi contabili internazionali. Si tratta di un documento attraverso cui i terzi vengono informati sul risultato economico...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.