Come scegliere la destinazione del TFR

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il TFR (Trattamento Fine Rapporto Lavorativo) è la liquidazione maturata dal lavoratore dipendente e rilasciata dal proprio datore di lavoro alla fine del rapporto lavorativo. Tutti i lavoratori, sia quelli del pubblico impiego che quelli del settore privato, hanno diritto al TFR. Dall'anno 2007 è obbligatorio scegliere la destinazione del proprio TFR entro sei mesi dall'inizio del rapporto lavorativo..
Ecco, quindi, come scegliere la destinazione del TFR.

25

Le possibilità di scelta

Come già detto, le possibilità di scelta sono due. La prima è quella di lasciare il TFR in azienda, mentre la seconda e quella di decidere di destinarlo ad un fondo di previdenza ed assistenza integrativa, che oltre a portare dei vantaggi a livello di sgravi fiscali, fa in modo di affiancare accanto alla pensione, una rendita integrativa, anche perché il panorama lavorativo è cambiato e lo Stato non può più garantire ai giovani un reddito in vecchiaia e i giovani dovranno aiutarsi con una pensione integrativa.

35

La modulistica

Per scegliere la destinazione del TFR, bisogna compilare l'apposita modulistica e consegnarla al proprio datore di lavoro. Inoltre, vi sono due tipi di modulistica: TFR1 e TFR2.
Il TFR1 deve compilarlo chi è stato assunto prima del dicembre 2006, mentre il TFR2 deve compilarlo chi è stato assunto dopo tale data.

Continua la lettura
45

Gli obblighi del datore di lavoro

Se si lavora in un'azienda che ha un numero di dipendenti minore di 50, il trattamento di fine rapporto rimane in azienda, altrimenti è compito del datore trasferire l'importo ad un Fondo pensionistico integrativo, a meno che Il lavoratore dipendente, non decida a quale Fondo di previdenza aderire.
Se non si comunica una preferenza entro i termini stabiliti, il datore di lavoro ha l'obbligo di trasferire l'importo del TFR ad un Fondo pensionistico collettivo. Di solito il Fondo su cui viene trasferita la somma corrisponde a quello a cui hanno aderito la maggior parte degli altri lavoratori dipendenti. Nel caso non esista una forma collettiva a cui attenersi, il datore di lavoro invia le somme al Fondinps, cioè la forma di previdenza integrativa dell'Inps.
Vi ricordo, inoltre, che il TFR è soggetto ad una tassazione a partire dal 23% e il denaro può essere anticipatamente riscosso fino al 75% del suo totale.

55

Le varie tipologie di Fondi

Si può scegliere un Fondo Negoziale, ovvero quello di Categoria, costituito da Sindacati e Gruppi di imprenditori, oppure si può scegliere un Fondo aperto, come quello delle Banche e delle Assicurazioni, inoltre, anche stipulare una Polizza individuale, come quella sulla vita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Come trattare contabilmente gli anticipi in conto TFR

Il TFR, acronimo di Trattamento di Fine Rapporto, è una liquidazione maturata dal lavoratore dipendente presso un unico datore di lavoro, che viene pagata al termine del rapporto lavorativo. Il trattamento di fine rapporto consiste in una quota, che...
Aziende e Imprese

Come Gestire il TFR nello stato patrimoniale

Il TFR (o trattamento di fine rapporto) è la somma che tutti i lavoratori percepiscono nel momento in cui cessa un rapporto di lavoro. Viene disciplinato dal codice civile all'articolo 2120 ed il calcolo è molto semplice. Viene effettuato sommando,...
Aziende e Imprese

Come gestire il TFR nel Conto Economico

Quando si parla di trattamento di fine rapporto o TFR si intende una certa retribuzione effettuata dal datore di lavoro che viene data al lavoratore quando termina un rapporto lavorativo. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici...
Aziende e Imprese

Come trattare contabilmente le polizze assicurative a garanzia del TFR

Nel momento in cui si verifica la cessazione di un rapporto di lavoro dipendente, l'impresa datrice deve corrispondere al lavoratore l'indennità a titolo di trattamento di fine rapporto, TFR in acronimo, regolamentato dall'art. 2120 del Codice Civile....
Aziende e Imprese

Come compilare un modello CUD

Destreggiarsi fra i vari moduli e le compilazioni di modelli, per quanto riguarda la materia fiscale, non è mai facile, purtroppo. Mi riferisco in particolare al modello CUD, che viene fornito dal sostituto d'imposta. Serve per presentare la certificazione...
Aziende e Imprese

Come Rappresentare In Contabilità Le Dimissioni

In questa guida vengono fornite le indicazioni che permetteranno di rappresentare correttamente, in contabilità generale, le movimentazioni collegate alla cessazione delle prestazioni lavorative fornite del personale dipendente. Il rapporto di lavoro...
Aziende e Imprese

Come destinare l'utile d'esercizio

Al termine di ogni periodo amministrativo, se dopo aver effettuato le scritture di assestamento e di epilogo dei componenti di reddito, che si redigono al 31/12 di ogni anno, il conto economico generale presentasse un'eccedenza positiva, significa che...
Aziende e Imprese

Come pianificare il budget del personale

In quasi tutti i tipi di impresa, quello del personale rappresenta il fattore di costo più elevato, il quale deve essere quindi preso attentamente in esame per arrivare ad un contenimento dei costi d'azienda. Inoltre il fattore personale è difficilmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.