Come sapere se sei protestato

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
110

Introduzione

Il protesto può avvenire a causa del mancato pagamento di un effetto, di una cambiale oppure di un assegno. Se il titolo è regolare e viene presentato nei termini previsti per il pagamento, in mancanza del pagamento ne verrà elevato il protesto. In questa semplice ed esauriente guida vi spiegheremo le modalità giuste per raccogliere tutte le informazioni a voi necessarie sul vostro protesto.Di seguito come sapere se sei protestato.

210

Occorrente

  • Documento di riconoscimento e codice fiscale
  • Effetti quietanzati in caso di richiesta cancellazione
  • Visura protesti
310

Le caratteristiche burocratiche del protesto

Cominciamo con l'indicarvi la tempistica che avete a disposizione per riallinearvi con i pagamenti.Secondo la legge italiana, i termini previsti per effettuare il pagamento sono 8 o 15 giorni per l'assegno, oppure entro la data di scadenza nel caso della cambiale. Inoltre, il protesto viene elevato da un ufficiale giudiziario, da un notaio oppure attraverso la stanza di compensazione nel caso degli assegni. Tuttavia può accadere di non essere a conoscenza del protesto a proprio carico e vedere andare avanti una pratica di cui non eravate a conoscenza. In questo caso l'incaricato, sia esso notaio oppure ufficiale giudiziario, dovrebbe effettuare l'accesso e pertanto mettersi in contatto con il debitore.

410

L'irreperibilità del debitore

Nel caso in cui il debitore risulti irreperibile, dovrà essere comunque avvisato tramite raccomandata andata/ritorno inviata al suo indirizzo. Se il debitore non è rintracciabile e non dà risposte o comunicazioni dopo quest'ultima fase, sarà possibile avviare le procedure.Se desideri sapere se sei stato protestato o meno, a seguire vi indicheremo le varie modalità da praticare. In ogni caso, dovete sapere, che dopo 5 anni dal protesto la segnalazione viene cancellata.

Continua la lettura
510

Le varie modalità di informazione

Esistono differenti modalità per sapere se si è stati protestati o meno. Come abbiamo scritto in precedenza, il protesto dopo 5 anni ed un giorno dalla segnalazione decade, ossia viene eliminato dalla banca dati, e di conseguenza il nominativo viene completamente riabilitato. Per sapere se siamo ancora protestati e non ricordiamo esattamente la data o le date in cui si è verificato il protesto, è possibile procedere come andremo a descrivere nei successivi passi di questa guida. In ogni caso, dobbiamo premettere che ciascun protesto fa storia a sé ed è importante il tipo di protesto che vi viene attribuito che può essere più "leggero" o "pesante" a seconda dei casi.

610

Consultare la banca dati

Il primo consiglio che vi diamo è di recarvi presso la Camera di Commercio della propria provincia e chiedere di consultare la banca dati. Dovrete richiedere una visura protesti, un servizio a pagamento per il cittadino pari all'incirca a quattro euro. Su questa visura comparirà l'importo degli assegni oppure delle cambiali protestate e la data di segnalazione, dalla quale dopo 5 anni ed un giorno quel protesto decadrà automaticamente. È quindi possibile richiedere la cancellazione dal bollettino dei protesti e la conseguente riabilitazione. Se si è in possesso degli effetti e si ha l'intenzione di cancellarne le rispettive segnalazioni, occorrerà rivolgere ad un avvocato civile che vi spiegherà tutta la procedura, anche se i prezzi della consulenza di questo esperto del settore non sono certamente bassi. Sta a voi decidere cosa fare.

710

Le agenzie di informazioni

Un altro metodo praticato per venire a conoscenza dei propri protesti consiste nel recarsi in alcune delle agenzie di informazioni che a loro volta andranno a consultare la banca dati. Queste agenzie potrebbero risultare più costose, con commissioni maggiori rispetto a quelle richieste della Camera di Commercio. Anche alcuni CAF possiedono il collegamento per effettuare la consultazione diretta online.

810

Gli istituti bancari

Naturalmente, anche gli Istituti Bancari possiedono un collegamento per verificare la bontà oppure no di un soggetto, e di conseguenza procedere o meno ad intrattenere dei rapporti. Rivolgersi quindi al vostro istituto di credito può rivelarsi un'alternativa. Ricordate però che se siete stati protestati dalla suddetta banca, difficilmente otterrete delle informazioni a vostro vantaggio quali possibilità di rateizzazione e simili. Di conseguenza quest'ultima che vi abbiamo indicato rimane una valida opzione, anche se non è la fonte istituzionale a cui rivolgersi per la finalità che ci siamo prefissati.

910

Conclusioni sul protesto

Concludiamo sperando di esser stati sufficientemente chiari nell'esposizione delle varie modalità per risalire a quanti e quali protesti vi siete procurati o vi hanno attribuito. Ricordate sempre che avete il diritto di poter regolarizzare la vostra posizione e di ricevere tutte le informazioni che vi riguardano.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

5 cose che devi sapere sui bitcoin

I bitcoin o questa famosa moneta sviluppatasi nel 2000 e diventata famosa o popolare soprattutto nel mondo nerd o nel mondo virtuale quello che viene vissuto dietro ad uno schermo. Infatti i cosiddetti gamer conoscono molto bene questi bitcoin che sono...
Finanza Personale

5 cose da sapere sulla criptomoneta Monero

Il 2018 lo ricorderemo come l’anno delle criptovalute. Infatti è proprio nei primi mesi dell’anno che le criptovalute stanno conoscendo il loro maggiore successo. Esse si contraddistinguono per una caratteristica fondamentale che nessuna moneta tradizionale...
Finanza Personale

Azioni esecutive e cautelari: 5 cose da sapere

La materia tributaria può generare non pochi grattacapi a chi è poco avvezzo a questo mondo. Per molti rappresenta un vero e proprio ostacolo insormontabile. Lo scopo di questa guida è quello di chiarire brevemente alcuni aspetti relativi alle azioni...
Finanza Personale

Fondi indicizzati: 5 cose da sapere

Per ogni soggetto privato od azienda che abbia a disposizione degli utili o dei capitali aggiuntivi e desideri investire, esistono oggi numerose opportunità. Una di queste è rappresentata dall'acquisto di quote di fondi comuni di investimento, strumenti...
Finanza Personale

5 cose da sapere su Bittrex

Bittrex è un exchange di criptovalute (es. bitcoin, ripple, ethereum...) con sede a Seattle (Stati Uniti). A quanto pare tra i suoi fondatori e dirigenti ci sono ex lavoratori di Amazon, Blackberry, Microsoft, che hanno poi deciso di investire in criptovalute....
Finanza Personale

Assegno circolare invalido: 5 cose da sapere

In materia e nell'ambito dei titoli di credito, l’assegno circolare è pagabile a vista (ovvero, all'atto della presentazione del titolo) e contiene la promessa da parte di un istituto bancario (denominato emittente) di pagare un determinato importo...
Finanza Personale

Come chiedere riabilitazione e cancellazione dei protesti

Purtroppo può capitare che per un qualsiasi motivo non si riesca ad ottemperare al pagamento di una cambiale o di un assegno emesso e andato in pagamento e che si subiscano dei protesti. Se non si riesce a bloccare il pagamento prima che vada in scadenza,...
Finanza Personale

Come si calcola la rendita catastale degli immobili

Il Catasto stabilisce la rendita degli immobili che possiede un proprietario. Per sapere a quanto ammonta la rendita catastale, basterà ottenere i documenti necessari e consegnarli agli uffici del Catasto. Ciò è utile per calcolare l'IMU di un immobile,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.