Come riscuotere i propri crediti

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Pressione fiscale, carenza di lavoro, stretta del credito e lunghi tempi di pagamento, sono solo alcuni dei tanti fattori che influiscono sulla crescita esponenziale del fenomeno dell'insolvenza. Per tutelare i propri diritti è fondamentale che ognuno sappia cosa fare e come muoversi per recuperare una somma di denaro, onde evitare di cadere in errori e di non poter più far valere il proprio diritto. Ecco una guida che spiega i passaggi fondamentali per riscuotere i propri crediti.

25

Le vie maestre per recuperare un credito sono essenzialmente due, quella giudiziale e quella stragiudiziale. La via stragiudiziale è la prima da seguire se si è creditori di una somma di denaro. Il primo passo da fare è richiedere la somma dovuta al debitore, inviando allo stesso una raccomandata con avviso di ricevimento. Tale formalità è indispensabile per manifestare la volontà di far valere il proprio diritto e bloccare il decorso della prescrizione. Con la lettera si avverte il debitore che, in caso non proceda al pagamento, si inizierà un'azione legale.

35

Se a seguito della richiesta il debitore non paga, non rimane che agire giudizialmente, al fine di ottenere un titolo esecutivo per riscuotere la propria somma. A seconda dell'entità del credito l'azione va proposta dinanzi al Giudice di Pace o al Tribunale competenti, intraprendendo una causa ordinaria, se non si dispone di una documentazione scritta che provi il credito, oppure un ricorso per decreto ingiuntivo, se si ha prova scritta del credito (es. Documento firmato dal debitore, atto notarile, fatture, assegno ecc.).

Continua la lettura
45

La via monitoria, quella cioè per decreto ingiuntivo, è la più rapida ed è quindi preferibile se ne ricorrono le condizioni. Si propone con ricorso, con il quale si chiede al giudice di ordinare al debitore il pagamento della somma. Nel ricorso, da depositare in cancelleria insieme alla documentazione, si devono indicare le prove del credito che si producono.

55

Accertata l'esistenza delle condizioni richieste dalla legge, ed in particolare che il credito è fondato su prova scritta, il giudice emetterà il decreto, ordinando al debitore il pagamento della somma, pur concedendogli un termine di 40 giorni per fare opposizione. Se il debitore farà opposizione inizierà un giudizio per accertare il diritto di credito; se invece non si opporrà, non provvedendo comunque al pagamento, si potrà procedere con l'esecuzione forzata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come riscuotere un vaglia agli sportelli postali

Il vaglia postale è utile per inviare e ricevere del denaro attraverso un servizio postale. Se dovete ricevere una vaglia postale e non sapete come operare, questa guida è fatta proprio per voi. Vedremo insieme cosa vi occorre e come muovervi per ricevere...
Finanza Personale

Cosa sono i crediti NPL

Tra i vari termini finanziari ne troviamo uno che è identificato con la sigla NPL che è l’acronimo di Non Performing Loans, ovvero un prestito in sofferenza derivante da somme di denaro erogate ad un soggetto che non effettua i pagamenti previsti...
Finanza Personale

Come recuperare i crediti da lavoro dipendente

La relazione creditore-debitore tra il datore di lavoro e il lavoratore, può causare una sorta di frustrazione, soprattutto se il dipendente diventa delinquenziale. Nella maggior parte dei casi, non si tratta di un percorso chiaro, veloce e facile nel...
Finanza Personale

Come riscuotere un conguaglio a nostro credito

Il conguaglio è un calcolo annuale che viene effettuato sia sui redditi che sulle bollette per stabilire se ci sono somme in eccesso a favore di una delle due parti interessate dal documento in oggetto. Nel caso delle bollette può risultare che la società...
Finanza Personale

3 idee per investire i propri risparmi

Se possedete un piccolo capitale di liquidità, che non dovete necessariamente tenere immobilizzato, una scelta interessante potrebbe essere quella di investirlo per ottenerne un rendimento. Investire, significa mettere in atto un processo atto ad incrementare...
Finanza Personale

Come gestire i propri risparmi

Oggi tante persone sono demotivate a risparmiare. Ciò soprattutto quando le spese risultano davvero tante e non si riesce a mettere da parte qualcosa. Questo non deve comunque farci desistere. Cerchiamo pertanto di stabilire un obiettivo da raggiungere...
Finanza Personale

Come tutelare i propri risparmi

L'andamento economico degli ultimi anni ha messo un po' in allarme i risparmiatori. Purtroppo con l'entrata dell'euro pochi sono i soldi che i risparmiatori possono mettere da parte. Prima la gente dopo la la spesa quotidiana, metteva da parte qualcosa....
Finanza Personale

Come verificare i propri contributi

Il frequente mutare degli orizzonti politici, l'incertezza economica ed il continuo aumento di lavori precari, hanno reso indispensabile trovare degli strumenti per poter controllare e verificare costantemente tutto ciò che riguarda l'evolversi della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.