Come rinnovare un contratto di locazione

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando si parla di contratto di locazione occorre capire per prima cosa di cosa si tratta per procedere poi in base alle numerose leggi in vigore. È un documento molto diffuso e dalle varie tipologie, alcuni hanno durata annuale, con formula 4x4 e canone corcordato, libero o transitorio. In questa guida spiegherò come rinnovare un contratto di locazione, spiegando in modo dettagliato i vari passi da effettuare per non incorrere in eventuali sanzioni.

27

Occorrente

  • Modello F23 da ritirare presso le Agenzie delle Entrate
37

Scegliere la motivazione

I contratti di locazione hanno tutti una data di scadenza. Qualora il locatore decida di non rinnovare il contratto, deve avere la premura di avvisare la persona con cui ha chiuso il contratto (detto anche locatario), inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno con un buon anticipo: si deve infatti, inviare la raccomandata almeno sei mesi prima della data di scadenza del contratto. All'interno di questa raccomandata deve essere espressa la disdetta del contratto, con la specifica delle motivazioni che hanno portato il locatore a questa decisione. Occorre ricordare che la raccomandata vale come documento da esibire in caso di problemi burocratici.

47

Effettuare il pagamento

Il rinnovo e il pagamento delle quote che lo riguardano, avviene tramite un modello che può essere recuperato presso tutti gli istituti bancari e postali. Queste imposte possono essere pagate annualmente o tutte insieme in base al tipo di contratto stipulato. Pertanto, al momento della scadenza annuale del proprio contratto di locazione, bisogna effettuare il pagamento dell'imposta di registro utilizzando l'apposito modello F23 che potrà essere presentato presso un agenzia di riscossione, presso una filiale bancaria o un ufficio postale. Il pagamento può essere anche effettuato all'Agenzia delle Entrate di persona, o in modo telematico.

Continua la lettura
57

Compilare il contratto

Per quanto riguarda la registrazione dei contratti, i contratti di locazione, vanno registrati presso una sede dell'Agenzia delle Entrate del proprio territorio. Questa registrazione avviene tramite un modello chiamato F23 e che serve proprio a pagare le imposte in merito al contratto, sia che si tratti di imposte di registro, sia alla stipula stessa del contratto che ad ogni rinnovo. Il pagamento dell'imposta, va suddiviso in parti uguale dal conduttore e dal locatore e questa corrisponde al 2% del canone annuo e, in ogni caso, deve essere superiore alla cifra minima di 52,00 euro. Il pagamento va effettuato entro 30 giorni dalla scadenza dell'annualità.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se avete delle difficoltà o per maggiori informazioni, rivolgersi presso un consulente del lavoro
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Locazione: tutto sulla registrazione del contratto

In questa guida parleremo di locazione: ecco tutto sulla registrazione del contratto. Cominciamo col dire che registrare un contratto di locazione è un obbligo dell'affittuario. Generalmente si deve provvedere alla registrazione solo se la locazione...
Case e Mutui

Come risolvere anticipatamente un contratto di locazione

Quando si stipula un contratto di affitto tra il locatario (proprietario dell'immobile) ed il conduttore (persona fisica che occupa il locale) vengono stabilite diverse clausole, tra cui la durata di locazione. Nel contratto vi è un intero paragrafo...
Case e Mutui

Come effettuare la cessione di un contratto di locazione

Nel contratto di locazione una persona cede a un'altra persona un bene, per un determinato periodo, a fronte di un corrispettivo in denaro. Se si tratta di bene mobile (es. Auto, moto, barca) si parlerà di nolo o noleggio, nel caso di bene immobile (es....
Case e Mutui

Come effettuare un subentro in un contratto di locazione

Il contratto di locazione rappresenta un'ottima modalità per l'affitto, poiché le garanzie sono davvero numerose sia per il locatore, che per l'affittuario. Tuttavia, così come per gli altri contratti, bisogna conoscere alcuni particolari vincoli e...
Case e Mutui

Come verificare la registrazione di un contratto di locazione

Il contratto di locazione è quel contratto con cui il proprietario di un immobile concede in locazione, o come comunemente si dice "in affitto", una casa, un appartamento o altro locale, al conduttore (cioè l'inquilino). I contratto di locazione affinché...
Case e Mutui

Come subentrare nel contratto di locazione

Partendo dal presupposto che, indipendentemente dal fatto che voi siate dei locatori oppure dei veri e propri affittuari, un contratto di locazione regolarmente registrato risulta essere sempre una garanzia per entrambe le parti. Tuttavia, se avete intenzione...
Case e Mutui

Come disdettare anticipatamente un contratto di locazione

Il Codice Civile nostro, prevede anche il contratto di locazione, fra gli altri tipi di contratto. Esso non è altro che un contratto di fitto mediante il quale il locatore, cioè il proprietario di un immobile, conferisce in affitto la sua proprietà...
Case e Mutui

Come valutare Un Contratto Di Locazione Con La Cedolare Secca

La “cedolare secca” è un regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell’immobile). In più, per i contratti sotto cedolare secca non andranno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.