Come riconoscere un mystery shopper

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Per chi di noi non lo sapesse, il mystery shopping rappresenta una tecnica che viene prevalentemente utilizzata nel settore dei servizi, principalmente dalle grosse catene di negozi oppure dalle aziende multinazionali. Il suo scopo è quello di mantenere sotto occhio tutte le procedure standardizzate nei vari punti vendita, nonché la competenza del personale e la qualità generale del servizio. I cosiddetti mystery shopper sono, nello specifico, degli esperti pagati da queste organizzazioni, che presentano l'unica finalità di ricreare e di simulare delle situazioni di vendita e di interazione con un qualsiasi cliente "normale" per avere un riscontro tecnico oppure qualitativo di come avviene la vendita di questo genere di prodotti e di servizi. Pertanto, riveste una fondamentale importanza andare a riconoscere e a scoprire se un mystery shopper si aggira per il proprio punto vendita. In questa semplice ed esauriente guida andremo a vedere come è possibile riuscire a riconoscere un mystery shopper.

25

Molto spesso non è per niente semplice cercare di riconoscere questo genere di "agenti segreti". Prima di tutto questo è dovuto dal fatto che nella maggioranza dei casi esse sono delle persone ben addestrate ed esperte in quella che viene definita ingegneria sociale, ovvero una serie di tecniche di comunicazione e piccoli trucchi volti a scoprire segreti, per catturare informazioni e per testare la sicurezza. La prima operazione che si può rilevare in un mystery shopper è il tempo speso nel negozio oppure nel relativo punto vendita. Queste figure professionali generalmente trascorrono molto tempo libero, aggirandosi e scrutando ciascun minimo dettaglio e tentanto di non dare troppo nell'occhio e di non attirare l'attenzione su di se. Lo scopo di questa ricognizione è quella di valutare l'idoneità della struttura, nonché la pulizia, la presenza di sistemi di sicurezza e, non ultimo, andare a valutare per quanto tempo un cliente deve attendere prima di ricevere le attenzioni di un venditore oppure di un addetto.

35

Una volta che è stata portata a termine la fase di ricognizione, il mystery shopper fa sempre in modo di imbattersi in un addetto alle vendite, ma senza chiedere un aiuto oppure un consiglio direttamente in prima persona. Questo che abbiamo appena citato è un trucco fondamentale, per raggiungere l'obiettivo prefissato. Un secondo dettaglio al quale è necessario prestare la massima attenzione è rappresentato dal feeling durante il colloquio con l'addetto. Un cliente casuale può avere ripensamenti, dubbi, perplessità, e soprattutto, nel caso di vendita di servizi, mirerà sicuramente tra le prime cose al costo. Il finto cliente infiltrato, invece, tenderà ad effettuare delle domande molto precise, a volte anche molto tecniche, per valutare la competenza di chi si trova di fronte. Alcuni a volte si ingannano, utilizzando termini oppure dettagli che un cliente comune non dovrebbe conoscere, rivelando di far parte "del settore" in questione. Tra le altre cose, il cliente misterioso non è realmente interessato al costo del prodotto, e di conseguenza non dovrebbe chiedere delle informazioni relative ad un pagamento a rate oppure a possibili sconti. Questo deve essere un grosso campanello d'allarme, per far capire la figura che si trova di fronte.

Continua la lettura
45

Un dettaglio che delle volte risulta essere estremamente difficile da riscontrare è che tutte quelle informazioni che il proprio finto cliente catturerà devono per forza di cose essere immagazzinate con molta precisione da qualche parte. Vale la pena, pertanto, controllare chi utilizza spesso il cellulare, scrivendo assiduamente sulla tastiera, oppure chi porta sempre un auricolare ma non sembra avere delle conversazioni telefoniche con alcun interlocutore. Inoltre, nel caso in cui si dovesse vedere una persona eseguire diverse fotografie, allora probabilmente può trattarsi di un mystery shopper dilettante che si è fatto scoprire.

55

È inutile dirsi che scoprire uno di questi addetti al controllo qualità può essere abbastanza seccante. In effetti, ci si può sentire messi in dubbio nel proprio operato e sulle spine. In fin dei conti, a nessuno piace che il proprio lavoro venga messo in dubbio. In generale, la miglior tecnica di difesa è quella più semplice possibile, che consiste nel saper fare bene il proprio lavoro. Quindi è fondamentale metterci tanta dedizione, precisione, essere adeguatamente preparati e soprattutto mantenere un buon contatto umano con i clienti. Questi punti sono le chiavi per fornire un servizio di grande impatto e successo, ed è proprio quello che il mystery shopper vuole scoprire.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come diventare Personal Shopper per anziani

Anche nei momenti di crisi la moda rimane uno degli elementi più importanti e seguiti da tutti. Difatti ogni individuo cerca di curarsi fisicamente, indossando abiti appropriati al proprio fisico. Aggiungiamo che non tutti hanno buon gusto nel vestire...
Lavoro e Carriera

Come riconoscere le inserzioni false nelle offerte di lavoro

Il lavoro rappresenta, sicuramente, un qualcosa di fondamentale importanza. Sono svariate le professioni che possono essere svolte, a partire dal commesso, passando dal parrucchiere fino ad arrivare al chirurgo ed al commercialista. Tuttavia in questi...
Lavoro e Carriera

Come riconoscere la dipendenza da lavoro

La dipendenza da lavoro è un vero e proprio problema di salute mentale; infatti, come qualsiasi altra dipendenza, comporta l'incapacità di fermare il proprio comportamento, causato spesso dalla necessità di raggiungere uno status migliore e il successo,...
Lavoro e Carriera

Come riconoscere da un annuncio truffa

Sempre più spesso ci si affida, ad Internet per la ricerca di un lavoro, senza tenere conto che, dietro ad ogni singola parola di un annuncio interessante potrebbero nascondersi delle vere e proprie insidie.Per evitare di rimanere delusi dalle aspettative...
Lavoro e Carriera

Lavoro: riconoscere annunci truffa

Quando si va alla ricerca di un lavoro occorre fare molta attenzione, perché talvolta un'offerta di lavoro può nascondere delle vere e proprie truffe. Purtroppo, nel mondo in cui viviamo oggi, dove tutto sembra ruotare intorno al WEB, non sempre è...
Lavoro e Carriera

Come diventare volontario 118

Tale articolo breve è dedicato a chi vuole diventare volontario del 118 e che si domanda come poter fare. Il volontariato è un nobile lavoro svolto da chi, mette a disposizione degli altri cittadini le conoscenze acquisite in possesso ed il suo tempo,...
Lavoro e Carriera

Come trasformare l'hobby dello shopping in un business redditizio

A chi non piacerebbe fare acquisti dedicati ai propri vizi e al proprio piacere per vivere? Girare per negozi, guardare le vetrine, passeggiare felicemente.. Sarebbe davvero bello se si potesse trarre profitto dedicandosi a una così piacevole attività...
Lavoro e Carriera

Come capire se si è vittime di mobbing

Quando si parla di mobbing si fa riferimento ad una serie di azioni compiute per un lungo periodo e volte a danneggiare intenzionalmente una persona per ottenere un determinato scopo; nel mondo del lavoro il mobbing viene attuato per indurre la vittima...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.