Come riclassificare il conto economico

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Il conto economico, per rappresentare efficacemente il reddito d'esercizio ai fini dell'analisi di gestione aziendale, dev'essere strutturato e formalizzato in una specifica maniera; dev'essere riclassificato, per poter ottenere le informazioni aggiuntive sui ricavi e i costi di competenza dell'attività d'azienda. Vediamo come riclassificare il conto economico evidenziandone ogni passaggio.

25

Nel 1991 una direttiva UE impose l'uso di uno schema identico per tutti gli stati membri dell'EU

Si parte da quello tipico, a due colonne, dove a destra troveremo i ricavi e a sinistra le spese totali dell'esercizio, fu adottato sino al 1991, quando una direttiva UE impose l'uso di uno schema identico per tutti gli stati membri dell'UE. Esso non forniva informazioni utili e di sintesi relativi alla gestione aziendale, infatti non venivano evidenziate le varie aree relative alla produzione di ricavi e assorbimento dei costi, pur non essendo collegate a quella principale.

35

Lo schema di conto economico ha il compito di raggruppare i ricavi e costi in base alle aree gestionali

Lo schema di conto economico riclassificato ha il compito di raggruppare i ricavi e i costi in base alle aree gestionali, che sono la gestione caratteristica, che riguarda l'insieme delle operazioni di gestione che identificano la funzione economico-tecnica tipica di ciascuna impresa, si parlerà quindi di crediti commerciali, rimanenze di magazzino, impianti e macchinari. Quella finanziaria, che comprenderà le operazioni di reperimento delle varie forme di capitale necessario a finanziare l'attività aziendale; quella accessoria, costituita da tutte quelle operazioni svolte con una certa continuità come quelle immobiliari; infine, la gestione straordinaria, che riguarderà operazioni che avranno un carattere di eccezionalità e straordinarietà.

Continua la lettura
45

Ci sono due tipi di riclassificazioni quella fatturato e costo del venduto e quella produzione e valore aggiunto

Abbiamo due tipi di riclassificazioni fondamentali: quella "a fatturato e costo del venduto" e quella "a produzione e valore aggiunto". Il primo prospetto consente di raggruppare i componenti di reddito secondo pertinenza gestionale, evidenziando i vari e differenti risultati intermedi dell'esercizio. Nello schema avremo il risultato lordo industriale, ottenuto dalla differenza tra il fatturato e il costo del venduto, esso riguarderà la manifestazione del margine economico dell'attività industriale in senso proprio. La seconda riclassificazione invece ci indica l'attività produttiva complessiva, prescindendo da quanto è stato effettivamente venduto, qui avviene una stima del valore che l'impresa aggiunge al processo di trasformazione. Nello schema avremo la produzione totale, che racchiude il valore di tutto ciò che è stato prodotto nel corso del ciclo economico. Dopo abbiamo il valore aggiunto, che misurerà la quota di produzione imputabile al processo svolto internamente. Infine abbiamo il margine operativo lordo, che può essere interpretato o come differenza tra utili e spese monetarie.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Forma scalare del conto economico: errori da evitare

Il conto economico rappresenta un nucleo dove vengono racchiuse tutte le operazioni finanziarie, il cui scopo è mettere in luce la fase gestionale in ogni sua parte, riguardante un determinato esercizio. Per questo motivo ogni contributo messo in atto...
Aziende e Imprese

Come ricavare dallo stato patrimoniale la variazione delle rimanenze da inserire in conto economico

Le rimanenze di magazzino sono considerate quei beni acquistati da un'azienda e destinati alla vendita o che concorrono alla produzione nella quotidiana attività dell’impresa. All'interno delle rimanenze vengono annoverate le materie prime, le materie...
Aziende e Imprese

Come gestire il TFR nel Conto Economico

Quando si parla di trattamento di fine rapporto o TFR si intende una certa retribuzione effettuata dal datore di lavoro che viene data al lavoratore quando termina un rapporto lavorativo. Nella seguente guida pertanto verrà spiegato, in pochi e semplici...
Aziende e Imprese

Come far transitare la quota interessi di un mutuo nel Conto Economico

Nella sua semplicità la parola "mutuo" racchiude tutto quanto il senso del contratto che rappresenta. Il mutuo si riferisce a quel principale contratto di prestito, e precisamente consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto ad un...
Aziende e Imprese

Come Calcolare Il Valore Aggiunto Del Conto Economico

Una voce fondamentale di calcolo presente nel bilancio di ogni attività è sicuramente il valore aggiunto. Il valore aggiunto rappresenta il primo margine del conto economico, praticamente quello che indica quanto reddito produce la gestione caratteristica...
Aziende e Imprese

Come riclassificare un bilancio

Al giorno d'oggi è molto importante riuscire a comprendere le varie informazioni di tipo economico che ogni giorno compaiono su riviste e giornali. Tuttavia questo non è molto semplice poiché all'interno di questi articoli sono presenti termini tipici...
Aziende e Imprese

Come calcolare il valore economico di un'azienda

Se siete interessati ad effettuare un'analisi sulla salute finanziaria di un'azienda, oppure nel caso in cui voleste acquistarla, sarà necessario fare un calcolo in merito al valore economico della stessa. Ci sono vari metodi per farlo, ed in particolare,...
Aziende e Imprese

5 idee per un ufficio funzionale ed economico

Arredare e decorare un ufficio può essere molto divertente e creativo, ottenendo uno spazio funzionale ed elegante ma, al tempo stesso, comodo ed economico. Infatti, non è necessario spendere molto denaro per l'arredamento di un ufficio. Alcune idee...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.