Come richiedere un visto per il Giappone

Tramite: O2O 10/11/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

I cittadini italiani che intendono recarsi in Giappone per motivi turistici, di studio oppure personali per un periodo di tempo pari o non superiore a 90 giorni non hanno bisogno di un visto. In questo caso Italia e Giappone hanno un accordo di esenzione per cui basta il passaporto in corso di validità. La richiesta del visto è necessaria se si intende soggiornare per un periodo superiore a 90 giorni (studio, piacere, lavoro). È opportuno avere un hotel già prenotato e dei contanti in quanto generalmente ai controlli viene richiesto un programma di viaggio. Comunque se bisogna recarsi in Giappone per una qualsiasi attività retribuita occorre il visto anche se la permanenza è inferiore a 90 giorni. In questa breve guida vengono date delle informazioni su come è possibile richiedere un visto per il Giappone.

26

Occorrente

  • Passaporto
  • Modulo
  • Certificato eleggibilità
36

Documenti

Il visto può essere richiesto presso l'Ambasciata giapponese a Roma oppure al Consolato Generale giapponese a Milano. Dipende dal luogo di residenza della persona che lo richiede. I documenti devono essere inviati anticipatamente via fax. Essi sono: una copia del passaporto, il modulo di richiesta (si può trovare sul sito), una foto ed il certificato di eleggibilità. Successivamente bisogna recarsi presso la sede dove è stato richiesto il visto. Infatti, dal 2007 è necessaria anche la presa delle impronte digitali.

46

Studio

Se si decide di andare in Giappone per frequentare un'università, un college oppure bisogna prendere parte ad un tirocinio si deve richiedere il Certificato di Eleggibilità (Certificate of Eligibility). Questo documento viene rilasciato dalle autorità giapponesi soltanto su richiesta di una istituzione scolastica. Esso viene rilasciato generalmente nel giro di 60/90 giorni per cui bisogna sempre agire per tempo. Dopo aver ricevuto il Certificato di Eleggibilità bisogna completare la domanda presso l'Ufficio Visti del Consolato giapponese in Italia.

Continua la lettura
56

Lavoro

In questo caso il Certificato di Eleggibilità deve essere chiesto dal datore di lavoro presso il quale si va a svolgere l'attività. I tempi di attesa per rivere il documento sono uguale a quelli del visto per lo studio, cioè 60/90 giorni. Una volta ricevuto il Certificato di Eleggibilità bisogna recarsi al Consolato giapponese in Italia e presentare, oltre al certificato, la seguente documentazione: una foto tessera, il passaporto ed il modulo per la richiesta di visto per il lavoro, già compilato. In particolari casi di urgenza è possibile ottenere il visto entro 5 giorni lavorativi.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come richiedere un visto per l'Australia

Oggi per entrare in Australia non è molto semplice specie se non si conoscono le modalità per ottenere il visto. Prima di partire infatti è necessario richiederlo, specificando se si tratta di un semplice periodo di vacanza o per motivi di lavoro....
Richieste e Moduli

Come richiedere un visto per il Canada

Prima di intraprendere un viaggio a Toronto o in una qualsiasi delle città canadesi, è importante verificare se c’è bisogno di un visto per entrare. Tale autorizzazione viene concessa in base al tipo di nazionalità d’origine, e quindi varia a...
Richieste e Moduli

Come richiedere il visto per studio all’ingresso in Italia

In questa guida vedremo come richiedere il visto per studio all'ingresso in Italia. I cittadini interessati potranno, previa richiesta, frequentare i corsi di interesse in territorio italiano. Indispensabile possedere il visto per turismo, valido per...
Richieste e Moduli

Come richiedere un visto per l'Inghilterra

Per i cittadini italiani al momento non ci sono difficoltà per richiedere un visto per l'Inghilterra; infatti, la Brexit che prevede a marzo del 2019 l'uscita definitiva degli inglesi dalla comunità europea, non stabilisce nessun tipo di restrizione...
Richieste e Moduli

Come richiedere un visto per ricongiungimento familiare

I lavoratori stranieri che operano in Italia possono richiedere il visto d’ingresso per il ricongiungimento familiare sia a tempo determinato che indeterminato purché siano regolari. Il visto va rilasciato presso l’Ambasciata Italiana del paese...
Richieste e Moduli

Come richiedere il visto d'ingresso per motivi familiari in Italia

A seconda dello scopo del tuo viaggio in Italia, ci sono diversi tipi di visti che verranno applicati in occasione. Se hai intenzione di fare una visita, studiare, lavorare e risiedere lì in modo permanente, dovrai fare domanda per un altro visto in...
Richieste e Moduli

Come richiedere il visto per turismo all’ingresso in Italia

Viaggiare ed esplorare nuovi mondi è una delle esperienze più belle della vita. Un viaggio è un'occasione unica di arricchimento personale e di meraviglia. Spostarsi dal proprio ambiente e conoscerne di nuovi apre la mente e acuisce la sensibilità....
Richieste e Moduli

Come prolungare visto turistico per l'Italia

Una passione che unisce gli esseri umani di tutto il mondo sono indubbiamente i viaggi all'estero. Nulla togliere ai Paesi stranieri, una delle più splendide mete turistiche è sicuramente l'Italia. Ovunque si visiti il territorio italiano, esistono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.