Come richiedere la separazione dei beni

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Come vedremo successivamente, nonostante il regime patrimoniale naturale dei coniugi sia la comunione dei beni (sulla base della quale i due coniugi con il matrimonio uniscono i propri patrimoni, dando luogo ad un patrimonio comune), entrambi hanno comunque la possibilità di chiedere la separazione in un momento successivo, ovvero dopo la celebrazione del matrimonio. Se desiderate conoscere ulteriori informazioni seguite i consigli di seguito, vi indicherò come richiedere la separazione dei beni.

25

La normativa

Tenete conto innanzitutto, che sulla base della normativa attualmente vigente, per avere il regime di separazione dei beni è necessario specificarlo prima della celebrazione del proprio matrimonio, altrimenti si avrà l'applicazione automatica del regime di comunione (si tratta dunque di un'approvazione tacita, nel senso che se il soggetto non dichiara espressamente di volere la separazione dei beni, ricadrà automaticamente nella comunione dei beni). Si tratta di una regola tassativa, che non presenta eccezioni (questo non vuol dire tuttavia che il soggetto non possa chiedere successivamente la separazione dei beni, rispettando alcune previsioni previste dalla legge).

35

I coniugi

Nell'ipotesi in cui i coniugi hanno scelto il regime di comunione dei beni ma desiderano cambiarlo nel corso del matrimonio, possono tranquillamente cambiare il regime patrimoniale di fronte ad un pubblico ufficiale (è necessario che sia un notaio). Il regime di separazione dei beni, se viene dichiarato prima del matrimonio, può essere richiesto di fronte ad un ufficiale di stato civile; se invece la richiesta viene fatta successivamente dallo stesso, è obbligatoria la presenza del notaio. Per richiedere dunque la separazione dei beni successiva al matrimonio, è necessario rivolgersi ad un notaio, che provvederà a predisporre tutta la documentazione necessaria per effettuare la modifica.

Continua la lettura
45

Le convezioni matrimoniali

Per quanto riguarda la forma da utilizzare per stipulare la separazione dei beni (o in generale la comunione dei beni), la normativa attualmente vigente in tema di convenzioni matrimoniali, indica necessariamente l'uso dell'atto pubblico. Alcune previsioni normative infatti, lasciano supporre che la stipulazione iniziale e la modifica successiva delle convenzioni matrimoniali dev'essere effettuata davanti al notaio, di conseguenza se la convenzione viene stipulata o modificata senza rispettare queste previsioni di legge, l'atto pubblico sarà nullo.

55

Consulenza del legale

Per avere ulteriori informazioni sugli aspetti pratici e legali di questo argomento, vi consiglio di rivolgervi al vostro legale di fiducia. Quest'ultimo sarà sicuramente in grado di fornirvi i chiarimenti necessari per il vostro specifico caso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Separazione consensuale senza avvocato: come fare

La separazione è sempre un momento molto difficile da affrontare per una coppia sopratutto se ci sono anche dei figli. Generalmente il primo passo che si fa in questi casi è quello di rivolgersi ad un avvocato per scegliere quale strada seguire per...
Richieste e Moduli

Come chiedere la modifica delle condizioni di separazione e divorzio

La separazione sancisce, attraverso un atto legale, la fine di un’unione coniugale. Questa fase, protratta per almeno tre anni, precede il divorzio e fino a quel momento la coppia manterrà la possibilità di riappacificarsi e riunirsi nuovamente. Queste...
Richieste e Moduli

Separazione consensuale: ecco come richiederla

Il matrimonio fra due individui adulti consenzienti comporta seri impegni coniugali. Si tratta di una promessa reciproca, il cui scopo è quello di impegnarsi a rispettare i doveri di coppia. È ancora più importante nel caso in cui arrivino dei figli....
Richieste e Moduli

Come fare richiesta apposizione sigilli su beni ereditari

I beni ereditari sono quei beni che una persona riceve, in ragione di testamento o legato, ovvero quale legittimario, a seguito della morte di chi ne è proprietario. Quando questi beni restano incustoditi dopo il decesso del loro proprietario, ovvero...
Richieste e Moduli

Come ottenere l'autorizzazione a vendere i beni di eredità accettati con beneficio di inventario

Nel caso in cui un erede abbia accettato con beneficio d'inventario un'eredità e voglia procedere alla vendita o ad atti d'amministrazione straordinaria dei beni, ha l'obbligo, entro e non oltre cinque giorni dall'accettazione della successione, di chiederne...
Richieste e Moduli

Come fare ricorso per la rimozione dei sigilli su beni ereditari

A seguito del decesso di un cittadino comincia la prassi sui beni ereditari. In presenza di contestazioni da parte di potenziali eredi o di creditori si appongono dei sigilli sugli averi. La procedura per la richiesta di rimozione è abbastanza semplice....
Richieste e Moduli

come emettere una fattura accompagnatoria dei beni in un'azienda

Le tipologie di fattura esistenti sono tre:1) FATTURA IMMEDIATA.2) FATTURA DIFFERITA.3) FATTURA ACCOMPAGNATORIA.La fattura immediata prevede una emissione ed una spedizione il giorno stesso dell’avvenuta vendita.La fattura differita funge da certificato...
Richieste e Moduli

Come richiedere la copia di un atto notarile

Un atto notarile è un documento legale scritto e stilato da un notaio che certifica e ufficializza l'accordo tra due o più parti. Può riguardare diverse tipologie come la compravendita, accettazione o rifiuto di eredità, mutui, separazione dei beni,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.