Come richiedere la residenza per cittadini comunitari

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Da decenni ormai, l’Italia è un paese molto ambito dagli stranieri, che decidono di trasferirsi in questo paese sperando di trovare una condizione lavorativa migliore che permetta loro di vivere dignitosamente. Parliamo soprattutto di cittadini dell’est dell’Europa, come: polacchi, rumeni, bulgari, croati. Facendo parte della Comunità Europea, possono circolare liberamente all'interno dell’Unione Europea, basta solo avere la carta d’identità. Se invece, l’intenzione dei cittadini comunitari è quella di richiedere la residenza nel nostro bel paese, bisogna seguire delle regole ben precise. Vediamo insieme quindi, l’iter da seguire.

26

Occorrente

  • Carta d'identità del paese di origine
  • due marche da bollo
  • contratto di lavoro
  • iscrizione all'ente di formazione
  • lettera di assunzione
  • partita Iva
36

Recarsi presso l'ufficio anagrafe

Come prima cosa, bisogna recarsi presso l’ufficio anagrafe del proprio comune di residenza e richiedere i seguenti documenti: la carta d’identità, l’attestato di soggiorno che vi servirà per l’iscrizione al servizio sanitario (anche per aprire un conto in banca), e tutti gli altri documenti anagrafici che serviranno. Dopodiché, bisognerà compilare il modulo previsto ed allegare la carta d’identità in corso del paese di origine, il codice fiscale rilasciato dall'Agenzia delle Entrate, la dichiarazione della dimora abituale e la dichiarazione che accerti la condizione lavorativa.

46

Informarsi sui documenti da allegare

I documenti da allegare sono diversi e variano a seconda del Comune dove si vuole risiedere. Il mio consiglio, è quello di chiamare prima per informarsi a tale proposito. In breve, il diritto di soggiorno in Italia ad un cittadino comunitario va rilasciato solo in questi casi:
Se il cittadino è un lavoratore dipendente oppure autonomo. Se il cittadino è uno studente, e in questo caso dovrà dimostrare l’iscrizione presso un ente di formazione italiana. E ancora, se il cittadino è in possesso di grandi risorse economiche o rendite che gli permettono di essere indipendente senza infierire sullo stato italiano.

Continua la lettura
56

Certificare la presenza dei documenti

Fate molta attenzione, poiché, se non si è in grado di certificare la presenza di questi documenti, la posizione del cittadino non sarà ritenuta regolare. Indi per cui, secondo la legge, si potrà procedere all'espulsione. Il Prefetto dunque, stabilirà i tempi d’espulsione, anche se i Comuni segnaleranno dei casi di comportamenti scorretti. In circa un mese ci sarà un provvedimento d’espulsione che conterrà le motivazioni e gli adempimenti da svolgere presso i consolati italiani. Tale documento non prevede un divieto di ritorno nel paese, ma in caso di mancato rispetto, può avvenire anche l’arresto e una multa che va dai 200 ai 2000 euro.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ogni ufficio anagrafe ha una sua tempistica, quindi è preferibile informarsi in anticipo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come richiedere il certificato di residenza

Il certificato di residenza è un documento attestante la residenza in un determinato comune. Viene rilasciato dall'ufficio anagrafe del comune cui si risiede. Il certificato di residenza ha una validità di sei mesi a partire dalla data di emissione....
Richieste e Moduli

Come fare un'autocertificazione di residenza

Quando di parla di autocertificazione di residenza si intende solitamente un documento che certifica la residenza di una determinata persona. Esso risulta essere molto importante in quanto può aiutare ad avere numerosi vantaggi. Nella seguente guida...
Richieste e Moduli

Cosa fare in caso di cambio di residenza

Il cambio di residenza è una procedura che prevede lo spostamento della dimora propria abituale da un comune ad un altro. È importante non confondere il cambio di residenza con lo spostamento della propria dimora presso un altro luogo all'interno dello...
Richieste e Moduli

Come fare la dichiarazione per cambio di residenza o di abitazione

La residenza si definisce come il luogo nel quale l'individuo ha la sua abituale dimora. Quindi la residenza diviene il posto in cui la persona vive con una certa continuità. È importante ricordare che ciascun soggetto è libero di definire la propria...
Richieste e Moduli

Autocertificazione di residenza: cos'è e come funziona

L'autocertificazione è uno strumento che permette di presentare una dichiarazione con cui, sotto la propria responsabilità, si attesta la propria condizione. Quando dobbiamo presentare una serie di documenti e tra le richieste c'è anche un' autocertificazione...
Richieste e Moduli

Residenza fiscale: come evitare la doppia imposizione

L'Agenzia delle Entrate si serve della residenza fiscale per calcolare il valore delle imposte dovute da ogni cittadino. Chiunque abbia una doppia residenza può servirsi di alcune pratiche che permettono di evitare la doppia imposizione delle tasse....
Richieste e Moduli

Come cambiare residenza sul passaporto

Quando si circola per strada, bisogna assolutamente portarsi dietro almeno un documento di riconoscimento in corso di validità. Così facendo si potrà evitare di perdere tempo inutilmente, qualora le forze dell'ordine dovessero richiederlo per un qualsiasi...
Richieste e Moduli

Come cambiare il medico di base quando si trasferisce la propria residenza

Può capitare a tutti nella propria vita per svariati motivi di cambiare residenza da una città o regione ad un altra. Si trasferisce così anche il proprio medico di base altrimenti si corre il rischio di essere cancellati dalle liste dell'Asl del comune...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.