Come richiedere il pagamento a seguito di un decreto ingiuntivo

Tramite: O2O 01/12/2018
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il decreto ingiuntivo è un provvedimento giudiziario con il quale i cittadini, le società, le imprese ed i lavoratori possono recuperare un credito nei confronti di una persona o società debitrice. Questa procedura dà la possibilità di far emanare dal Giudice del Tribunale competente un provvedimento contenente un ordine di immediato pagamento delle somme dovute. Queste ultime devono però essere dimostrate con fattura, scrittura privata, buste paga, ecc. Il debitore può fare opposizione contro il decreto ingiuntivo comunicandolo al Giudice. L'obiettivo di questo tutorial è quello di dare alcune utili informazioni su come richiedere il pagamento a seguito di un decreto ingiuntivo.

25

Mora

Il primo passo da compiere quando si deve recuperare un credito è quello di costituire in mora il debitore. Questa azione va fatta nel caso che non si giunge ad una soluzione bonaria della controversia. Bisogna in questo caso intimare al debitore, per iscritto, il pagamento dovuto entro un termine massimo. La comunicazione deve essere fatta tramite raccomandata corredata da ricevuta di ritorno. Dopo che è trascorso inutilmente tale termine (tra i 7 ed i 15 giorni) il creditore può rivolgersi all'ufficiale competente per tutelare i propri interessi.

35

Precetto

Nel caso che il debitore non pone opposizione al decreto ingiuntivo e non sana il debito il legale del creditore può chiedere la formula esecutiva. Cioè redigere sulla base del decreto ingiuntivo il precetto e notificarlo. Tale atto ha per oggetto l'intimazione al pagamento entro 10 giorni. Si obbliga pertanto il debitore a saldare il debito in questo lasso di tempo, altrimenti si procede alla rimozione forzata. Alcune volte il decreto ingiuntivo viene dichiarato provvisoriamente esecutivo già al momento della sua emissione. Ciò avviene quando il credito è fondato su cambiali, assegno circolare, assegno bancario oppure certificato di liquidazione di borsa.

Continua la lettura
45

Pignoramento

Se dopo 10 giorni dalla notifica non si giunge alla risoluzione della controversia non resta altro da fare che procedere con l'esecuzione forzata. In questo caso bisogna valutare anche le spese che vengono sostenute per procedere all'azione forzata. Quest'ultima inizia con il pignoramento, cioè un'ingiunzione che l'ufficiale giudiziario fa al debitore di non utilizzare i beni sottoposti all'espropriazione. Il debitore deve comunicare la sua residenza oppure il domicilio. Inoltre, il debitore può dichiarare di sostituire ai beni pignorati una somma di denaro. Per poter effettuare la sostituzione il debitore deve versare almeno 1/5 del debito in cancelleria.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come recuperare una fattura non pagata

Il mondo del commercio attualmente sta diventando sempre più insidioso. Per via della recente crisi economica che ha colpito il nostro Paese, i venditori si trovano spesso in difficoltà. Questo perché devono arginare un problema molto diffuso che riguarda...
Finanza Personale

Le conseguenze del mancato pagamento di una cambiale

Se avete bisogno di chiedere un prestito per una vostra esigenza personale, prima di firmare una cambiale informatevi su cosa andate incontro in caso di inadempienza. Le conseguenze del mancato pagamento di una cambiale possono essere diverse ma sono...
Finanza Personale

Come annullare un pagamento con Postepay

La Carta Postepay è un sistema di pagamento tramite moneta elettronica che ha preso piede su gli altri sistemi di pagamento, grazie alla diffusione di Internet e all'affermarsi della New Economy. Essa non è una carta di credito, ma è una carta-conto...
Finanza Personale

Come scrivere una mail di sollecito pagamento

Un email di sollecito di pagamento è una richiesta inviata dal creditore al proprio debitore, questo avviene quando una prestazione lavorativa effettuata dal creditore non viene remunerata nell’arco di tempo previsto, con questa email il creditore...
Finanza Personale

Come annullare un pagamento Paypal

Cosa succede se si effettua un pagamento erroneo e si deve annullarlo? L'operazione è possibile se si verifica una delle seguenti situazioni: il pagamento è in stato di “non riscosso”; il pagamento è stato inviato ad un indirizzo email non registrato...
Finanza Personale

Come bloccare un pagamento con Postepay

Un gran numero di persone utilizza internet non solo per cercare informazioni di vario genere, ma anche per fare degli acquisti comodamente seduti da casa. Nonostante la grande crisi economica, questo è un settore in continua crescita; normalmente, per...
Finanza Personale

Come funziona il pagamento in contrassegno

Il pagamento in contrassegno è una procedura di invio e emissione a distanza di pacchi, raccomandate o plichi. È così definito perché è gravante nei confronti di colui che paga quanto dovuto e stabilito, al momento dell'arrivo della merce richiesta,...
Finanza Personale

Come disdire il pagamento della tassa rifiuti in caso di trasferimento

La tassa che tutti quanti pagano per la raccolta dei rifiuti soliti urbani, viene chiamata TARSU. In buona sostanza rappresenta una tassa obbligatoria a chiunque getti rifiuti. Pertanto viene pagata per il servizio di smaltimento dei rifiuti urbani che...