Come richiedere il certificato di agibilità per un'abitazione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il certificato di agibilità è quel documento che attesta, secondo la normativa vigente, che un'abitazione rispetti le condizioni di sicurezza, salubrità, igiene e risparmio energetico. Il certificato di agibilità deve essere richiesto dal proprietario, dai suoi successori o aventi causa e da chi ha il permesso di costruire. In questa guida vi indicheremo come richiedere il certificato di agibilità per un'abitazione.

26

Occorrente

  • Abitazione, documenti
36

Il certificato di agibilità viene richiesto per le nuove costruzioni, per le ricostruzioni anche parziali, e quando l'abitazione ha subito degli interventi che hanno modificato le condizioni di igiene, salubrità, sicurezza e conformità degli impianti. Il certificato deve essere richiesto presso lo sportello unico dell'edilizia del Comune dove si trova l'abitazione, entro 15 giorni dalla conclusione dei lavori di completamento dell'immobile.
Prima di presentare la richiesta di agibilità per l'immobile, il proprietario deve adoperarsi per reperire tutta la documentazione che attesti la conformità dell'abitazione alla normativa vigente. La certificazione è necessaria se si vuole vendere o affittare l'abitazione, per consegnarlo al futuro inquilino o compratore.

46

Adesso passeremo in rassegna i documenti necessari da presentare per richiedere il certificato di agibilità:
- richiesta accatastamento dell'immobile: è necessario questo documento per le nuove costruzioni e deve essere redatto da un tecnico abilitato, viene denominato DOCFA; il DOCFA, in seguito, viene trasmesso dallo sportello unico al catasto per l'iscrizione;
- una dichiarazione di conformità degli impianti rilasciata dall'impresa installatrice;
- una dichiarazione sottoscritta dal proprietario che l'opera è conforme al progetto approvato, ed inoltre l'avvenuta prosciugatura dei muri e della salubrità degli ambienti;
- l'attestato di certificazione energetica (ACE).

Continua la lettura
56

Trascorsi trenta giorni dalla presentazione della documentazione, il dirigente dell’ufficio competente del Comune, deve eseguire l’ispezione dell’edificio e verificare che sia presente la documentazione necessaria:
- certificato di collaudo statico;
- conformità delle opere eseguite nelle zone sismiche;
- dichiarazione di conformità che le opere sono state realizzate secondo l'art. 77 e 82 del DPR 380/2001 (norme riguardanti l'accessibilità e superamento delle barriere architettoniche);
- documentazione allegata alla presentazione della domanda per il certificato di agibilità. Dopo questa ulteriore verifica, viene rilasciato il certificato di agibilità per l’immobile. Nel caso in cui, l'amministrazione non risponda entro 30 giorni, l'agibilità si presuppone sia stata approvata.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per la documentazione da presentare, fatevi assistere da un tecnico

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come richiedere la certificazione energetica della propria abitazione

La certificazione energetica rappresenta, secondo l'attuale normativa italiana, un elemento necessario per la compravendita delle abitazioni. Dal 2012 anche negli annunci immobiliari devono essere indicati gli indici di prestazione energetica delle abitazioni....
Case e Mutui

Certificato di idoneità statica: 5 cose da sapere

Regolato dai Decreti Ministeriali del 15 Maggio e del 20 settembre 1985, per Certificato di Idoneità Statica si intende un documento, redatto da un professionista, propedeutico alla richiesta del certificato di agibilità o del condono edilizio qualora...
Case e Mutui

Certificato di destinazione urbanistica: 5 cose da sapere

Il certificato di destinazione urbanistica è un documento che serve ad individuare in quale zona del territorio comunale si trova un determinato lotto, rispondendo alle caratteristiche utili che servono al fine di un acquisto o di una costruzione, sia...
Case e Mutui

Come cedere il diritto di abitazione

Come stabilito dall'Articolo 1022 del Codice Civile, l'abitazione è il diritto reale di godere di un immobile altrui che concede al titolare la possibilità di vivere nella casa in quesione coerentemente con i bisogni propri e della propria famiglia....
Case e Mutui

Requisiti per abbassare la rendita catastale di un'abitazione

Chi ha una casa di proprietà, ha certamente dovuto fare i conti con la tanto temuta tassa dell'IMU. Molte persone, dopo aver calcolato l'imponibile dovuto per la tassazione attraverso gli strumenti delle nuove procedure moltiplicative, hanno potuto osservare...
Case e Mutui

Come registrare al catasto le modifiche strutturali dell'abitazione

Orientarsi nel complicato mondo degli adempimenti catastali può sembrare impossibile, ma si rivela indispensabile quando abbiamo bisogno di registrare modifiche strutturali di un'abitazione. Come farlo? È obbligatorio? Da un lato, in caso di omessa...
Case e Mutui

Come richiedere il mutuo BancoPosta

Quando si sta per cambiare casa o per ristrutturare la propria, emerge la necessità di fondi economici. I risparmi non sono sempre a disposizione di ogni cliente. Di conseguenza, bisogna richiedere un mutuo. Esistono mutui di diversi generi e dalle molteplici...
Case e Mutui

Come richiedere un mutuo liquidità

A causa anche della crisi economica, capita sempre più spesso che molte famiglie siano costrette a fare dei veri e propri mutui o a richiedere dei prestiti per riuscire a portare a termine i loro acquisti. In molti infatti sono gli istituti a cui possiamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.