Come richiedere il Bonus asilo nido

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il 1° gennaio 2017 è entrata in vigore la legge 232/2016, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale l'11 dicembre 2016. Con essa lo Stato italiano ha messo a bilancio una voce molto importante: quella di dare un bonus, ovvero un aiuto economico, alle famiglie che devono avvalersi degli asili nido – pubblici o privati che siano – per la cura dei loro figli nati o adottati dal 1° gennaio 2016.
Tale bonus è accessibile e fruibile anche da tutte le famiglie che si trovano nella difficile situazione di dover gestire domiciliarmente un figlio con una malattia cronica.
Vediamo, nello specifico, di che cosa si tratta e come richiedere questo contributo che è stato riconfermato anche per il 2018, grazie al suo inserimento all'interno della Legge di bilancio 2017.

26

COS'È IL BONUS ASILO NIDO

Il bonus asilo nido è un contributo di 1000 euro annui, erogato per un massimo di 3 anni consecutivi alle famiglie che debbano avvalersi di asili nidi, pubblici o privati, per la cura dei loro figli di età inferiore ai tre anni. Anche le famiglie che abbiano un figlio, sempre di età inferiore ai tre anni, affetto da una patologia cronica ed avente bisogno di costanti cure domiciliari possono fare richiesta per avere questo sussidio economico che viene erogato direttamente dall'Inps al genitore che avanza la domanda.
Il bonus viene spalmato su 11 mensilità, ognuna del valore di circa 90 euro a fronte dell'esibizione della retta mensile pagata all'asilo nido prescelto e a condizione che la retta non sia inferiore (nel qual caso l'assegno di sostegno verrebbe adeguatamente ridimensionato); invece, nel caso di bimbi malati e necessitanti di cure presso la propria dimora, l'assegno di 1000 euro viene versato in una soluzione unica, una volta all'anno.

36

CHI HA DIRITTO A RICEVERE IL BONUS

Il bonus asilo nido spetta a tutte le famiglie aventi figli nati a partire dal 1° gennaio 2017 oppure adottati a partire da quella data, a patto che non abbiano compiuto il 3° anno e che non godano di altre agevolazioni fiscali, come ad esempio le detrazioni fiscali per la frequenza di un asilo nido – per intenderci: quelle previste dalla legge 203/2008, la cosiddetta “Legge finanziaria 2009”.
Per quel che riguarda il bonus asilo nido in rapporto con il cosiddetto bonus infanzia (di cui si parla nel corpus della medesima legge 232/2016), essi non sono incompatibili ma non sono cumulabili. Nel senso: una famiglia può richiedere entrambe le agevolazioni fiscali, ma il bonus asilo nido non verrà erogato nei mesi in cui è “attivo” il bonus infanzia e viceversa.
Le famiglie con bambini affetti da patologie croniche che impediscono loro di frequentare un asilo nido e necessitano, quindi, di cure domiciliari, possono aver accesso al bonus esattamente come gli altri. Tuttavia, i genitori del bimbo malato devono rivolgersi al pediatra di famiglia ed ottenere da lui un'attestazione particolare in cui si dichiara che il piccolo paziente non può frequentare un asilo nido perché malato. Possono accedere al bonus anche i figli di genitori stranieri sia Comunitari che Extracomunitari residenti in Italia, a patto che siano regolarizzati e cioè che siano in possesso della cittadinanza di un Paese membro dell'Unione Europea (Comunitari) oppure abbiano un permesso di soggiorno di lungo periodo, o godano dello status di rifugiato politico, o abbiano la carta di soggiorno permanente (Extracomunitari).
Il bonus non dipende dal reddito Isee della famiglia, è totalmente svincolato da questo parametro quindi tutte le famiglie hanno accesso ad esso. I soldi vengono accreditati in una delle modalità indicate dal genitore richiedente, modalità scelta tra quelle proposte dall'Inps, ovvero: bonifico domiciliato, accredito su C/C bancario o postale, libretto postale o carta prepagata purché munita di IBAN.

Continua la lettura
46

DECADENZA DEL BONUS E CHE COSA FARE IN QUEL FRANGENTE

Il bonus può venire sospeso in casi particolari. Ecco quali:
- perdita della cittadinanza
- perdita della patria potestà / affido del minore a terzi / affido del minore al genitore che non ha fatto richiesta del bonus
- decesso del genitore che ha fatto richiesta del bonus
- mancata riconferma mensile del possesso dei requisiti per avere diritto al bonus
Tuttavia, non è una situazione definitiva: infatti, l'altro genitore o chi ne fa le veci ha tre mesi di tempo per presentare all'Inps una nuova domanda in modo tale da riottenere l'erogazione del privilegio fiscale.

56

COME SI RICHIEDE IL BONUS

Lo Stato, per il 2017, ha stanziato 144 milioni di euro per far fronte a questa spesa a vantaggio delle famiglie con figli frequentanti asili nido o aventi necessità di cure domestiche; per il 2018 sono previsti 250 milioni di euro.
L'ordine di erogazione degli assegni è calcolato rigorosamente in progressivo, seguendo l'ordine di invio online dell'apposita domanda. Se dovessero esserci domande eccedenti i fondi stanziati, l'Inps non evaderà assegni supplementari: le ultime arrivate in ordine cronologico, quindi, verranno scartate qualora non dovessero esserci più soldi disponibili.
La domanda per avere il bonus asilo nido 2018 va presentata entro il 31 dicembre dell'anno di riferimento: quindi va presentata entro il 31 dicembre 2018. La modulistica è reperibile online, sul sito dell'Inps, così come consultabile lì è l'elenco dei documenti da allegare alla richiesta.
Se una famiglia ha due o più figli che rispettano i requisiti ed hanno diritto entrambi al bonus (esempio classico: i gemelli; ma il discorso ha valore anche nel caso in cui tra il maggiore ed il minore ci siano 1 o 2 anni di differenza), il genitore richiedente deve presentare due o più domande – una per ciascun figlio – e deve corredarle di tutta la documentazione necessaria.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come richiedere il bonus cultura

Il bonus cultura è un incentivo dedicato ai giovani che compiono diciotto anni entro la fine del 2017. Esso ha un valore di 500 euro e può essere utilizzato dai ragazzi per acquistare libri oppure andare a visitare musei e gallerie, oltre a poter assistere...
Richieste e Moduli

Come rinnovare il bonus energia

Il bonus energia è uno strumento del governo, messo a disposizione dall'Autorità per l'energia, che limita la spesa sostenuta dal cittadino per la fornitura di energia elettrica. Avete bisogno di rinnovare il bonus energia, e difendere quindi la continuità...
Richieste e Moduli

Condizionatori: come sfruttare il bonus fiscale

Nella stagione estiva non possiamo fare a meno di usare il condizionare, per proteggerci dalle alte temperature dell’ambiente esterno che caratterizzano le nostre città e le nostre coste. Ma è possibile sfruttare i bonus fiscali sui costi del condizionare?...
Richieste e Moduli

Come richiedere la riduzione della bolletta del gas

Dal 2015 è possibile ottenere un bonus risparmio sulla bolletta del gas in particolari casistiche. Hai un reddito basso o sei disoccupato e vuoi ottenere il bonus sulla bolletta del gas? Per prima cosa devi sapere che il bonus, ovviamente, è ottenibile...
Richieste e Moduli

Come richiedere i permessi per ristrutturare casa

Quando si acquista una casa, molte volte si decide di modificarla tramite una ristrutturazione. Durante la pianificazione dei lavori non si devono, però, trascurare tutti i doveri amministrativi. Infatti in base alla tipologia e all'entità dei lavori...
Richieste e Moduli

Come richiedere l'ecobonus per gli impianti domotici

Dal 1° gennaio 2016, per i contribuenti, è stato è stata estesa la detrazione al 65% IRPEF anche alle spese domotica. Il tutto è stato chiamato "Ecobonus spese domotica 2016".In pratica comprende tutte le spese per gli impianti domotici e i dispositivi...
Richieste e Moduli

Come richiedere copia della cartella clinica

Trascorrere un periodo in ospedale è un evento che può capitare a tutti. Per ogni paziente in ricovero, lo staff ospedaliero redige una cartella clinica. La cartella clinica contiene tutte le informazioni sul paziente, da quelle anagrafiche a quelle...
Richieste e Moduli

Come richiedere il trasporto della salma

In questa guida daremo alcune informazioni utili su come richiedere il trasporto della salma. Per richiedere il trasporto della salma dal luogo del decesso a quello della tumulazione, uno dei parenti più prossimi del defunto, il coniuge oppure l'incaricato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.