Come regolarizzare una colf

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Regolarizzare una colf non è così difficile. È però importante conoscere bene quali sono i diritti e i doveri che hanno sia il datore che il collaboratore. Vediamo dunque i passi fondamentali per andare incontro a una assunzione senza rischi. Vedremo dunque come aprire il rapporto di lavoro e a cosa stare attenti.

28

Occorrente

  • Documento d'identità e codice fiscale del datore
  • Documento d'identità e codice fiscale del collaboratore
  • Eventuali permessi di soggiorno
38

Dove si inizia

L'INPS regolarizza i rapporti di collaborazione domestica. Il cittadino che intende regolarizzare una colf (che può essere o per le pulizie, ma anche babysitter, badante o un giardiniere) può farlo con il proprio profilo del sito INPS. Il pin per accedere ai servizi si può richiedere online oppure direttamente a una sede INPS.
Nel caso non si è provvisti di tale PIN, è possibile affidarsi a terzi, come ad esempio ad un CAF.

48

Documenti necessari

I dati che richiede l'INPS non sono molti, sia per il datore che per il collaboratore occorrono:
- documento d'identità in corso di validità;
- codice fiscale;
- indirizzo;
- recapito telefonico;
- permesso di soggiorno in corso di validità (solo per cittadini extracomunitari).
Oltre a questi documenti, verranno chiesti la data di decorrenza del rapporto, le ore settimanali, la mansione, la paga oraria o mensile, data di fine rapporto (se non a tempo indeterminato), eventuale convivenza e invalidità con accompagno dell'assistito.
Si ricorda che sono previsti dei minimi sindacali in base all'inquadramento, per cui non si può aprire un rapporto con una paga inferiore a tale soglia. Stesso discorso vale per le ore settimanali, che sono un massimo di 40 per i non conviventi e 54 per i conviventi.
Inoltre, il tempo di prova massimo per questi rapporti è di 8 giorni, entro il quale si può recedere il contratto senza tempi di preavviso. Superato questo periodo il preavviso si calcola in base all'anzianità di servizio e alle ore settimanali.

Continua la lettura
58

Dopo l'apertura del rapporto

Una volta aperto il rapporto all'INPS, il datore di lavoro presenterà al collaboratore una lettera di assunzione. Su di essa andranno indicati i dati già inseriti nella denuncia all'INPS. Inoltre andranno specificate la ripartizione delle ore nell'arco della settimana (quante ore di lavoro il Lunedì, quante il Martedì e così via), la retribuzione e la data di inizio del lavoro. Tale lettera sarà presentata in due copie, firmata da ambo le parti e conservata.
I contributi verranno direttamente inviati dall'INPS al domicilio del datore di lavoro. Essi hanno scadenza regolare, trimestrale, con date fisse che non dipendono dalla data di apertura del rapporto. I trimestri sono i seguenti:
- Gennaio Febbraio Marzo scadenza 10 Aprile
- Aprile Maggio Giugno scadenza 10 Luglio
- Luglio Agosto Settembre scadenza 10 Ottobre
- Ottobre Novembre Dicembre scadenza 10 Gennaio
Il costo dei contributi dipenderà dalle ore dichiarate all'INPS. Ove essi non arriveranno a casa, o per qualsiasi motivo se ne vuole fare una variazione, è possibile accedere al portale pagamenti del sito dell'INPS. Con numero del rapporto e codice fiscale del datore è possibile provvedere alla ristampa e anche al pagamento degli stessi.

68

I diritti e i doveri

È complicato conoscere ogni parte del contratto che regola i rapporti di collaborazione domestica, ma è necessario sapere quali sono i diritti del lavoratore e i doveri che il datore ha nei suoi confronti.
Il datore NON ha l'obbligo di fornire una busta paga nè il CUD (o Certificazione Unica), ma è buona abitudine fare entrambi. Per la busta paga è sufficiente una ricevuta di pagamento con scritto il mese di stipendio(e le ore di lavoro mensili), firmata dal lavoratore, che attesti l'avvenuto pagamento. Il CUD non è nient'altro un foglio che riporta il netto percepito dal lavoratore, il lordo (cioè la parte di contributi a carico del lavoratore detratti dalla busta paga nell'anno) ed eventuale TFR liquidato.
Il collaboratore ha dunque una parte di contributi a suo carico, che sono già compresi nei bollettini che invia l'INPS al datore di lavoro e che quest'ultimo riprende dalla busta paga del lavoratore. Tale quota equivale al 25% dei contributi totali.
Il collaboratore ha diritto a un mese di ferie l'anno, ossia 26 giorni lavorativi (non vengono conteggiate le domeniche), la tredicesima, che equivale a un mese in più di stipendio l'anno corrisposto tra il 15 e il 23 Dicembre, e il TFR (Trattamento di Fine Rapporto) che solitamente viene retribuito alla fine del rapporto e che si matura ogni per per una quota che equivale alla retribuzione lorda mensile divisa per 13,5 (più eventuali rivalutazioni per rapporti pluriennali).
Si ricorda inoltre che il lavoratore ha diritto a non lavorare i giorni festivi, che saranno regolarmente retribuiti, e che qualora essi vengano lavorati deve essere calcolato il lavoro con una maggiorazione del 60%.
Infine ci sono degli scatti di anzianità che avvengono ogni 2 anni e che equivalgono al 4% in più sullo stipendio base rispetto l'inquadramento del dipendente.

78

A chi affidarsi

Il contratto di collaborazione domestica è sempre un comune accordo tra datore e lavoratore, ma viste le varie sfaccettature è sempre consigliabile affidarsi a persone competenti. Molti CAF offrono questi servizi, includendo alla sola apertura anche servizi di buste paga e conteggi. È comunque possibile fare da sè, magari servendosi di portali come webcolf, o simili, che offrono ampio supporto in ogni fase del rapporto.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Informarsi sulle tabelle retributive in vigore
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come calcolare i contributi INPS delle colf

La vita frenetica dei nostri giorni toglie alle famiglie molto tempo. Ci sono enormi difficoltà nella gestione della casa. È frequente, quindi, il ricorso all'aiuto di una colf. Negli ultimi tempi, questo mestiere è sempre più qualificato. La legge...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare i contributi INPS di una badante

Quando qualcuno in famiglia non è più autosufficiente, si cerca di trovare un aiuto in quanto tra lavoro e famiglia non ci si può dedicare alla loro cura come si vorrebbe. In questo caso, l'ideale sarebbe quella di assumere una badante a tempo pieno...
Previdenza e Pensioni

Tutela sanitaria per badanti e colf

Le figure professionali della badante e colf sono sempre più diffuse e, giustamente devono essere tutelati anche dal punto di vista assistenziale. Per questo motivo, il momento in cui è stato sottoscritto il contratto nazionale per i lavoratori domestici,...
Lavoro e Carriera

Come regolarizzare la posizione del collaboratore occasionale che supera il reddito ai fini inps

Se durante l'anno solare un lavoratore che ha un contratto a collaborazione occasionale supera il limite superiore pari a 5.000 € (previsto dalla legge per questa tipologia di reddito), sarà necessario adeguare la posizione anche ai fini INPS (Istituto...
Previdenza e Pensioni

Come calcolare i contributi da versare alla domestica

In questo tutorial vi spieghiamo come calcolare i contributi da versare alla domestica. L'assunzione di una collaboratrice domestica, oppure una colf, da parte della famiglia implica la sottoscrizione di un contratto regolare di lavoro, dove dovranno...
Finanza Personale

Come calcolare i contributi Inps della badante

Un paese civile si può avere anche regolarizzando il lavoro nero, purtroppo una piaga della nostra nazione. Ogni lavoratore ha bisogno di essere tutelato regolarizzando il proprio lavoro attraverso un adeguato contratto. Le famiglie che assumono dei...
Lavoro e Carriera

Come assumere una colf

Con il termine colf si indica, all'interno dell'ambiente domestico, la persona addetta alla cura della casa ed alle pulizie domestiche. Se una lavoratrice oppure un lavoratore domestico esegue compiti plurimi, cioè oltre a tenere in ordine e pulita la...
Lavoro e Carriera

Tutto sulla busta paga

Ai nostri giorni, pultroppo il tasso di disoccupazione è veramente molto alto e questo grava sulle condizioni economiche dei singoli cittadini. Inoltre, il lavoro in nero è sempre in continuo aumento questo agevola sicuramente i datori di lavoro che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.