Come regolarizzare una casa fantasma

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Per colpa delle leggi che vengono modificate spesso e delle nuove regole da seguire, potrebbe succedere di avere una "casa fantasma". Questo termine si riferisce ad un immobile che ha irregolarità formali (come l'assenza della DIA o del permesso di costruire).
Di solito, il Governo italiano prolunga i termini di regolarizzazione, in modo da consentire di legittimare la propria situazione abusiva con una specifica documentazione. Se vi trovate in questa circostanza, quindi, vi consiglio di continuare la lettura della seguente guida. Nei passaggi successivi, infatti, vi spiegherò molto bene come regolarizzare una "casa fantasma" in base alle norme giuridiche italiane.

27

Occorrente

  • Particella catastale
  • Ddocumenti dell'immobile
  • Dichiarazioni
  • Certificato dell'ufficio tecnico comunale
  • Consulenza di un tecnico
37

Innanzitutto, dovrete sapere già il tipo d'immobile per il quale andrete a preparare la documentazione occorrente. Questo è necessaria ancora prima di iniziare con l'iter burocratico vero e proprio.
La prima tipologia è quella delle "case fantasma", le quali non risultano iscritte nei registri dei fabbricati. Un altro genere è quello delle costruzioni già censite, ma che hanno subito qualche ristrutturazione non dichiarata al momento della loro conclusione.
Il proprietario di un fabbricato di tipo rurale, invece, non dovrà effettuare nessuna regolarizzazione, grazie alla particolare abitazione che possiede.

47

Recatevi in un ufficio tecnico comunale oppure all'Agenzia delle Entrate presente nella vostra Provincia. Qualora non abbiate del tempo disponibile, potrete anche collegarvi direttamente al relativo sito web ufficiale.
Verificate che la particella catastale della vostra casa risulti ancora validata. Se in essa si trova un fabbricato non dichiarato, dovrete provvedere al suo accatastamento entro un certo termine. In questo modo, provvederete a regolarizzare la vostra posizione fiscale per gli anni dove non avete versato nessun genere di contributo (pregressi).

Continua la lettura
57

L'accatastamento della "casa fantasma" va predisposto rivolgendosi ad un tecnico qualificato iscritto al competente albo professionale. Precisamente, dovrete fornirgli tutti i dati e illustrargli i lavori compiuti nella particella catastale.
Procedete alla firma di ogni dichiarazione e fornite puntualmente le fotocopie dei vostri documenti necessari, oltre a qualche fotografia che attesti la veridicità della costruzione. Alla conclusione della produzione documentale, saldate l'onorario del tecnico qualificato in regola.

67

Se l'ufficio tecnico del vostro Comune di residenza non ha riscontrato irregolarità edilizie o urbanistiche, dovrete soltanto pagare la sanzione pecuniaria indicata dalla legge all'Agenzia delle Entrate.
Quest'ultima verrà ridotta qualora paghiate entro 60 giorni dalla ricevuta dell'avviso. Dovrete comunque anche regolarizzare la vostra posizione fiscale pregressa, risalendo fino alla data di costruzione della "casa fantasma". In questo modo, però, non si potrà andare oltre al quinto anno precedente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come registrare un contratto d'affitto

Se possedete una casa o un locale e ad un certo punto decidete di affittarla ad una famiglia, ad un gruppo di studenti universitari oppure ad alcuni turisti in vacanza, dovrete prima regolarizzare il tutto facendo registrare il contratto presso un qualsiasi...
Case e Mutui

Come mettersi in regola con il catasto

Quando si possiede un immobile oppure si è titolari di un contratto di locazione che ha subito modifiche senza che ne siate al corrente può capitare che la planimetria dell'immobile non corrisponda esattamente a quella prevista dal catasto. In tal caso...
Case e Mutui

Casa in classe A: caratteristiche

Una casa in classe A vanta un altissimo risparmio energetico. In genere, il consumo si calcola in kWh/mq. Le abitazioni italiane attuali mediamente registrano 160 kWh/mq. Appartengono pertanto più ad una classe D. Per trasformare un appartamento o una...
Case e Mutui

Come denunciare un affitto in nero

Chi prende casa in affitto molto spesso si ritrova a dover pagare in nero il compenso dovuto al padrone di casa, questo espone l'inquilino ad una serie di pericoli ed inconvenienti nel quale può incorrere, oltre ad essere un atto fuori legge, che si...
Case e Mutui

Come verificare i fabbricati non dichiarati

Al giorno d'oggi il mercato immobiliare è un settore che sta attraversando una crisi non indifferente. Immobili che vengono svalutati nel tempo, vendite che calano di anno in anno. Questo perché, purtroppo, la situazione economica del nostro Paese e...
Case e Mutui

Come risparmiare sul mutuo in 5 mosse

L'acquisto di una casa, soprattutto se per la prima volta, è sicuramente uno dei passi più importanti della propria vita. Comprare una casa è ormai il desiderio di molti, e quando si sceglie di compiere un'operazione così importante, si devono anche...
Case e Mutui

Come fare se non si riesce a pagare il mutuo

Se non si riesce a pagare il mutuo della propria casa cosa succede? La situazione economica italiana, e non solo, è molto precaria e per questo motivo molte persone non riescono più ad arrivare a fine mese. Il problema si aggrava quando ci sono da sostenere...
Case e Mutui

Come trovare casa a Stoccolma

La capitale della Svezia, Stoccolma, è conosciuta per il suo clima abbastanza vario e per il caratteristico solstizio d’inverno, giorno in cui il disco solare non riesce a sollevarsi nel suo esatto centro e in cui vi sono soltanto sei ore di luce....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.