Come regolarizzare un lavoratore straniero

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In Italia il lavoro scarseggia, ma ci sono comunque molti immigrati che, spinti dalla speranza di una vita migliore, arrivano nel nostro paese alla ricerca di qualche impiego. Le domande pervenute finora al Ministero sono poche quelle relative al lavoro subordinato, le altre riguardano il lavoro domestico. Qui di seguito, una guida su come regolarizzare un lavoratore straniero, Attraverso pochi e semplici passaggi vedremo come fare per non incorrere in sanzioni amministrative piuttosto alte, e rimanere nei limiti di legge.

24

Ministero dell'Interno

Un datore di lavoro per regolarizzare il proprio lavoratore che è alle sue dipendenze, se in nero, clandestino, o irregolare, deve collegarsi al sito del Ministero dell'Interno. Una volta aperta la pagina web relativa all'emersione, chi intende regolarizzare un suo lavoratore dovrà seguire le istruzioni e compilare i campi riguardanti l'inserimento dei propri dati e quelli del lavoratore. Fatta questa prima fase inizierà l'istruttoria da parte della Questura. I requisiti che deve avere il lavoratore è che deve essere presente sul territorio nazionale, parliamo di clandestino regolare, almeno dalla data del 31 dicembre 2011. Questa presenza dovrà essere certificata da un organismo pubblico con una documentazione antecedente quella data. Per fare la domanda bisogna pagare un contributo forfettario di mille euro. Somma che non verrà rimborsata nel momento in cui l'istruttoria non andasse a buon fine. Un deterrente in molti casi. Ma non regolarizzarsi comporta molti rischi.

34

Processo di integrazione

L'Italia si è trasformata, progressivamente, in una società multietnica e ciò è avvenuto non senza problemi, sia per le differenze e per i pregiudizi che caratterizzano i contatti con persone diverse per razza, per culture e per usanze, sia per le paure che accompagnano il processo di integrazione. È diffusa l'idea che gli immigrati tolgano il lavoro ai cittadini italiani e che, inoltre siano portati facilmente a delinquere. Ci si dimentica che essi vengono utilizzati per quei lavori che quasi sempre gli italiani rifiutano: al Nord più industrializzato essi sono occupati nelle fabbriche e nell'edilizia con le mansioni più pesanti; al Sud lavorano spesso in nero, senza tutela dalle leggi.

Continua la lettura
44

Legge Martelli

È anche vero, però, che molti immigrati, in mancanza di lavoro, possono diventare facile preda delle organizzazioni criminali e quindi manovalanza da utilizzare in attività illecite. Per molto tempo l'immigrazione in Italia è stata regolata dalla legge del 1° dicembre 1989, passata alle cronache come Legge Martelli. La sua applicazione non ha avuto vita facile per problemi di scarsità di risorse economiche e per il difficile controllo degli ingressi clandestini. Il governo Prodi ha poi emanato una legge il 19 febbraio 1998 proprio per regolamentare il lavoro degli stranieri.
Regolarizzare un lavoratore è piuttosto importante, questo infatti consente agli stranieri di poter ricevere i contributi relativi alla pensione ed essere tutelato in caso di incidenti o danni, inoltre garantisce che il datore di lavoro paghi le tasse dovute per pagare un dipendente.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come regolarizzare una colf

Regolarizzare una colf non è così difficile. È però importante conoscere bene quali sono i diritti e i doveri che hanno sia il datore che il collaboratore. Vediamo dunque i passi fondamentali per andare incontro a una assunzione senza rischi. Vedremo...
Lavoro e Carriera

I principali diritti del lavoratore subordinato

La legislazione prevede la tutela dei lavoratori dipendenti per garantire loro un corretto rapporto con il datore di lavoro. Il lavoratore ha una posizione di inferiorità rispetto a lui ed è fondamentale quindi che le leggi regolamentano il rapporto...
Lavoro e Carriera

Come gestire un lavoratore domestico

Nei passi che comporranno questa guida ci porremo l'obiettivo di andare a spiegarvi come gestire un lavoratore domestico, che è un ruolo che negli ultimi anni ha subito diversi interventi dal punto di vista legislativo, al fine di velocizzare e rendere...
Lavoro e Carriera

Dimissioni del lavoratore: il principio di libera recedibilità

Il lavoro è una delle attività più importanti per la vita di ogni persona ma, sebbene ci si trovi in un periodo di profonda crisi economica, può capitare di voler smettere di lavorare, o di cambiare lavoro. In ambedue i casi, la legge prevede il diritto...
Lavoro e Carriera

Come mettere in regola una colf

Molto spesso, per mancanza di tempo oppure per motivi di salute di varia natura, si decide di ricorrere all'aiuto di una colf in casa. La colf è davvero un grande ausilio all'interno di un'abitazione, poiché alleggerisce di molto i compiti di chi la...
Lavoro e Carriera

Come leggere un contratto di lavoro

Generalmente, prima di intraprendere qualsiasi tipo di carriera lavorativa, tra il lavoratore e il datore di lavoro viene stipulato un contratto. Quest'ultimo deve essere letto attentamente e in maniera scrupolosa dalle due parti in modo tale da non creare...
Lavoro e Carriera

Come comunicare la malattia all'INPS

L'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS) è un ente pubblico che si occupa dei lavoratori dipendenti/autonomi nel territorio italiano e dei pensionati. Con riferimento agli occupati del settore pubblico/privato, chi si ammala viene obbligato...
Lavoro e Carriera

Come lavorare In Svezia

La Svezia è sicuramente un paese che offre diverse opportunità di lavoro, anche se occorre documentarsi molto bene prima di partire ed internet è sicuramente la maggiore fonte di informazioni a riguardo. In questa guida, passo dopo passo, provvederò...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.