Come regolarizzare la posizione del collaboratore occasionale che supera il reddito ai fini inps

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se durante il periodo di imposta (1° gennaio - 31 dicembre) un lavoratore che presta attività con contratto di lavoro autonomo occasionale percepisce un reddito che supera gli € 5.000, deve essere iscritto alla Gestione Separata INPS (Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale) ai fini della denuncia e il versamento della relativa contribuzione previdenziale.
Nella semplice e breve guida che segue cercheremo di fornire un quadro generale, ma il più dettagliato possibile, in merito agli obblighi previsti in caso di superamento del limite di esenzione di cui sopra e a come regolarizzare la posizione del collaboratore nei confronti dell'Istituto.

26

Lavoro Autonomo Occasionale: Definizione

Il contratto di collaborazione autonoma occasionale si sostanzia, ai sensi dell'art. 2222 del codice civile, in un'obbligazione a compiere, dietro corrispettivo, un'opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione (ossia senza integrazione del lavoratore all'interno dell'organizzazione del committente), né potere di coordinamento del committente ed in via del tutto occasionale.
Oltre all'autonomia della prestazione, caratteristica peculiare è l'occasionalità della stessa; il lavoratore autonomo occasionale, infatti, non è soggetto all'obbligo di apertura della Partita Iva in quanto non svolge un'attività con carattere di abitualità (presupposto previsto, invece, per l'assoggettamento alle norme in materia di imposta sul valore aggiunto).
Ciò premesso, il prestatore autonomo occasionale dovrà presentare al committente unicamente una ricevuta con applicazione di una ritenuta sui compensi, a titolo di acconto, pari al 20%, da versarsi a cura del committente.
Il lavoratore denuncerà i compensi percepiti, in sede di dichiarazione, a titolo di "redditi diversi" (art. 67, co. 1, lett. L del D.P.R. N. 917/1986).

36

Gli obblighi previdenziali delle Collaborazioni Autonome Occasionali

Fatta salva l'occasionalità delle prestazioni, il lavoro autonomo occasionale non è soggetto ad alcun limite reddituale.
Ipotizziamo ad esempio un cuoco con passione e grandi conoscenze in ambito informatico, che venga invitato ad intervenire ad una conferenza in materia, dietro un corrispettivo di ammontare pari ad € 8.000. Detto compenso sarebbe assolutamente legittimo, trattandosi di una prestazione occasionale, per di più effettuata da un soggetto che abitualmente svolge un'altra attività.
A livello previdenziale le prestazioni occasionali beneficiano di una soglia annuale di esenzione dall'obbligo contributivo pari ad € 5.000, al superamento della quale il lavoratore deve essere denunciato alla Gestione Separata Inps (se non è già stato iscritto in precedenza) con versamento della relativa contribuzione previdenziale sui compensi eccedenti.
Nell'esempio di cui sopra, ipotizzando che gli € 8.000 siano il primo compenso da attività autonoma occasionale percepito dal lavoratore nell'anno di riferimento, risulterebbe dovuta la contribuzione Inps unicamente sull'importo pari ad € 3.000 eccedente il limite di esenzione.
Per verificare il superamento o meno della soglia, vanno presi in considerazione i compensi per attività autonoma occasionale percepiti dal lavoratore, nell'anno civile, in riferimento alla totalità dei committenti.

Continua la lettura
46

Calcolo, denuncia e versamento della contribuzione

Le aliquote contributive previste dalla Gestione Separata Inps in riferimento ai collaboratori autonomi occasionali per l'anno 2018 sono le seguenti (Circolare numero 18 del 31-01-2018):
- 33,72%;
- 24% in caso di soggetto iscritto ad altra gestione previdenziale obbligatoria (es. Gestione Dipendenti) o pensionato.
L'onere contributivo viene spartito tra le parti: 2/3 in capo al committente e 1/3 in capo al lavoratore.
È obbligo del prestatore comunicare tempestivamente ai committenti occasionali il superamento nell'anno della soglia di esenzione (€ 5.000) e, solo per la prima volta, iscriversi alla Gestione Separata Inps.
Obbligato, invece, alla denuncia dei contributi dei lavoratori autonomi occasionali tramite modello Emens (indicando tipo rapporto 09) e all'effettivo versamento degli stessi è il committente. La quota parte di contribuzione a carico del lavoratore andrà preventivamente calcolata ed indicata nella ricevuta, nonché trattenuta dal compenso.
Per un maggior approfondimento sull'argomento si segnala il seguente articolo: Il lavoro autonomo occasionale.

56

Come compilare la ricevuta per prestazione autonoma occasionale

La ricevuta di compenso per lavoro autonomo occasionale deve contenere i seguenti elementi:

- nome, cognome, data di nascita, codice fiscale, indirizzo di residenza del prestatore;
- nome, cognome (o ragione sociale, se società), eventuale data di nascita, codice fiscale, eventuale P.Iva, domicilio del committente;
- tipologia di prestazione effettuata, indicando che trattasi ti attività autonoma del tutto occasionale;
- importo lordo del compenso (ossia al lordo della ritenuta d'acconto del 20%);
- eventuale ritenuta d'acconto pari al 20% del compenso (la ritenuta non va effettuata se trattasi di committente che non è sostituto d'imposta, ossia un privato);
- eventuale contribuzione Inps Gestione Separata a carico del prestatore (1/3 del totale) prevista solo in caso di superamento da parte del lavoratore, nell'anno di riferimento, della soglia di esenzione pari ad € 5.000 di compenso. È opportuno che il committente, in riferimento a ciascuna ricevuta, faccia dichiarare al prestatore autonomo occasionale l'avvenuto superamento o meno della soglia;
- importo netto da pagare (compenso lordo meno ritenuta e contribuzione);
- data, luogo e firma delle parti (prestatore e committente);
- indicazione di "prestazione fuori campo Iva ai sensi dell'art. 5 D.P.R. N. 633/1972".

Se il compenso inserito nella ricevuta eccede l'importo di € 77,47, va apposta una marca da bollo del valore di 2 €.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come funziona il Lavoro Occasionale Accessorio

Lavorare è un diritto di tutti, ma spesso trovare lavoro in Italia è veramente difficile. Nascono in questo modo delle categorie di lavoro che permettono anche ai meno agiati di poter lavorare, avendo un discreto guadagno, però non è poi così semplice...
Lavoro e Carriera

Come compilare la ricevuta per prestazione di lavoro occasionale

La prestazione di lavoro occasionale è una tipologia che si differenzia dal lavoro autonomo e da quello dipendente per una serie di caratteristiche definite dalla legge. Altre peculiarità del lavoro occasionale si rinvengono nel periodo di tempo impiegato...
Lavoro e Carriera

Come compilare una fattura per una prestazione occasionale

Alcuni individui effettuano prestazioni lavorative occasionali che non raggiungono valori di fatturazioni elevati, tanto da obbligare all'apertura della partita IVA, in questi casi generalmente si ricorre alla fattura per prestazione occasionale la quale,...
Lavoro e Carriera

Come compilare la ricevuta per una Prestazione Lavorativa Occasionale

In questa guida, semplice e veloce, che vogliamo proporvi, abbiamo deciso di insegnarvi come poter compilare la ricevuta per una prestazione lavorativa del tutto occasionale, in modo da poter essere al sicuro ed anche in ordine con la legge e con lo Stato.Iniziamo...
Lavoro e Carriera

Come segnalare all'Inps i contributi previdenziali non versati

Pagare le tasse e versare i contributi sono dei doveri a cui tutti i cittadini devono assolvere. Bisogna quindi verificare periodicamente che si siano versati i contributi corretti, e in caso di mancanza provvedere a versare la quota rimanente al più...
Lavoro e Carriera

Come regolarizzare un lavoratore straniero

In Italia il lavoro scarseggia, ma ci sono comunque molti immigrati che, spinti dalla speranza di una vita migliore, arrivano nel nostro paese alla ricerca di qualche impiego. Le domande pervenute finora al Ministero sono poche quelle relative al lavoro...
Lavoro e Carriera

Come mettere in regola una colf

Molto spesso, per mancanza di tempo oppure per motivi di salute di varia natura, si decide di ricorrere all'aiuto di una colf in casa. La colf è davvero un grande ausilio all'interno di un'abitazione, poiché alleggerisce di molto i compiti di chi la...
Lavoro e Carriera

Come richiedere l'estratto conto contributi INPS On Line

Tutti quanti quando lavoriamo, dobbiamo versare una quota mensile all'INPS per la nostra futura pensione. Ma quanto versiamo ogni anno all'INPS? L'estratto conto contributi non è altro che un elenco, registrato negli archivi dell'INPS, contenente tutti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.