Come registrare un contratto a canone concordato

Tramite: O2O 06/11/2018
Difficoltà: media
19

Introduzione

La burocrazia è un ambito spinoso, soprattutto per chi non ha particolare dimestichezza con i cavilli che la caratterizzano. Se poi ci si sofferma a studiare attentamente le questioni legate al settore giuridico, le difficoltà di comprensione aumentano ulteriormente. Si prenda come esempio l'eventualità di dover stipulare un contratto di locazione a canone concordato. Per definizione, un contratto a canone concordato è un contratto caratterizzato da una maggiore libertà nella stipulazione dello stesso: il locatore (colui che offre il bene oggetto del contratto) e il locatario (il soggetto che usufruirà del bene offerto) possono "concordarsi", per l'appunto, a proposito delle specificità del contratto. Ma quali sono le caratteristiche di un contratto a canone concordato? E come avviene la sua registrazione tra le due parti legali in gioco? Entriamo più nel dettaglio e vediamo come registrare un contratto a canone concordato.

29

Occorrente

  • Modello unico di contratto a canone concordato
39

Le caratteristiche generali del contratto a canone concordato

Il contratto a canone concordato viene solitamente sottoscritto tra un locatore e un locatario per stipulare accordi di affitto. Esso permette di godere di maggiori libertà dal punto di vista della scelta dell'entità del canone, il quale, però, dovrà attenersi ai valori stabiliti da particolari associazioni operanti sul piano comunale, provinciale e regionale in ambito edilizio. Tali associazioni, rispondenti direttamente allo Stato, stabiliscono infatti i parametri economici che entrambe le parti dovranno rispettare in fase di contrattazione. Prima di sottoscrivere un qualsiasi contratto a canone concordato, locatore e locatario devono essere a conoscenza di tali parametri, onde evitare di vedersi invalidare l'accordo stipulato.

49

La compilazione del modello unico

Passiamo alle questioni pratiche. Affinché un contratto a canone concordato possa considerarsi valido, esso dovrà innanzitutto essere compilato facendo riferimento al modello unico, richiedibile presso un notaio o scaricabile online. Un contratto redatto su un documento precompilato in un qualsiasi altro formato, diverso dal modello unico, non verrà considerato valido. Vediamo più nel dettaglio quali sono i dati che le due parti dovranno inserire per completare la redazione del contratto.

Continua la lettura
59

I vincoli temporali del contratto

All'interno del contratto il locatore e il locatario si impegneranno a stabilire l'entità del canone, con le spese che verranno ripartite in base agli accordi economici presi dalle associazioni territoriali, e la durata del contratto stesso. Il vincolo temporale al quale le due parti dovranno sottostare è pari ad un minimo di tre anni con un rinnovo automatico fissato a due anni. Anche in questo caso, qualora il contratto non rispetti tale vincolo esso verrà considerato non valido.

69

La determinazione dell'importo del contratto

La determinazione dell'importo del contratto a canone concordato dovrà tenere conto di due fattori che influiscono sul valore dell'immobile, ovvero il suo pregio artistico-architettonico e la collocazione. Dal punto di vista delle qualità architettoniche, l'immobile assume valore per la presenza di particolari impianti, per la storicità o per altre peculiarità estetiche; sul piano della collocazione, invece, influiscono dettagli come la vicinanza ad aree naturalistiche, aree storiche e via dicendo. A tutto ciò si aggiungono altri parametri fondamentali quali lo stato del fabbricato, la qualità degli eventuali arredi e tutti quei fattori che contribuiscono ad innalzare il valore intrinseco del'immobile.

79

L'accesso alle agevolazioni fiscali

Infine, la stipulazione del contratto prevede la possibilità di fare affidamento su agevolazioni fiscali sia per quanto riguarda il locatore, sia per il locatario. In questo caso si dovranno tenere in considerazione i dati economici legati al reddito di entrambe le parti, all'età, alle modalità di affitto scelte dal locatore e così via. Se desideri altre informazioni su come registrare un contratto a canone concordato consulta il link: https://www.pmi.it/impresa/normativa/approfondimenti/81710/cedolare-secca-tassazione-sui-contratti-canone-concordato.html

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di passare alla redazione del contratto a canone concordato è bene consultare i dati economici stabiliti dagli enti e dalle associazioni territoriali legate all'ambito edilizio, così da poter stipulare l'accordo nella massima validità.
  • Per compilare correttamente il contratto a canone concordato si consiglia di avvalersi di un notaio che possa sovrintendere alla redazione dell'accordo.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come redigere un contratto di locazione ad uso abitativo

Come vedremo nel corso di questa guida, la normativa attualmente vigente in tema di contratti, non prevede una specifica forma obbligatoria per la redazione dei contratti. Tuttavia la legge, impone agli stipulanti l'indicazione di alcuni elementi importanti,...
Richieste e Moduli

Come fare la contestazione di adeguamento Istat del canone di locazione

Il canone d'affitto è quella somma di denaro che l'inquilino deve corrispondere al padrone di casa per usufruire di un immobile. A volte, deve anche pagare un deposito cauzionale, se scritto sul contratto, a titolo di garanzia. Ma l'inquilino, cioè...
Richieste e Moduli

Come ottenere il rimborso del canone d'affitto

La stipula di un contratto d’affitto, regolarmente sottoscritto e registrato, può dare origine a diverse agevolazioni. Una di queste viene concessa dall’Agenzia delle Entrate sotto forma di detrazioni d’imposta. Un'altra viene offerta dal proprio...
Richieste e Moduli

Come cambiare l'intestazione del canone Rai

Il canone RAI è una tassa che è stata introdotta negli anni '50 quando in Italia nacque la prima televisione. L'unica cosa buona è che è possibile chiedere l'esonero di questa inutile spesa, dichiarando di non essere in possesso di alcun apparecchio...
Richieste e Moduli

Come chiedere il rimborso del canone TV non dovuto

Tutti i contribuenti che possiedono, all’interno della propria abitazione, un apparecchio televisivo, sono obbligati al pagamento del canone RAI. Questa imposta, che consiste in una tassa pari a 90 euro annuali, è stata di recente inserita direttamente...
Richieste e Moduli

Come disdire il canone speciale Rai

Il canone speciale Rai è diretto a tutti coloro che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive fuori dall'ambito familiare, rivolgendosi quindi ai proprietari di esercizi pubblici o locali aperti...
Richieste e Moduli

Come prorogare un contratto di locazione

Capita molto spesso, alla scadenza di un contratto d'affitto, di preferire un prolungamento dello stesso alla ricerca di una nuova locazione. Generalmente un contratto d'affitto viene stipulato ogni quattro anni, e la data di inizio e quella di scadenza...
Richieste e Moduli

Come richiedere l'esenzione del canone RAI

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire come e cosa fare per poter richiedere l'esenzione del canone Rai, in maniera tale da non doverlo pagare e non incorrere, quindi, in delle multe, che potrebbero essere anche molto elevate...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.