Come redigere un testamento olografo

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il testamento è un atto fondamentale per la successione ereditaria: ne esistono diversi tipi, pubblico, segreto e olografo. Quest'ultimo è la forma di testamento più semplice e più usata da parte di chi vuol far conoscere la propria volontà dopo la morte. La motivazione della sua diffusione è facilmente intuibile: è un tipo di testamento molto pratico, comodo, gratuito e sbrigativo. Nella seguente guida, passo dopo passo, vedremo proprio come redigere un testamento olografo.

27

Se hai intenzione di redigere un testamento olografo, perché i tuoi eredi, o chi per essi, possano conoscere la tua volontà dopo la morte, devi prestare attenzione al rispetto di tre requisiti essenziali previsti dal nostro ordinamento. Il mancato rispetto, anche di una sola delle regole formali, comporterà l'invalidità del tuo testamento, con conseguente atto di annullamento dello stesso.

37

La legge sentenzia che esso "deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore". Quindi la prima regola cui attenerti è l'autografia, cioè il tuo testamento deve essere, dall'inizio alla fine, scritto di tuo pugno: non potrai, né dovrai, far ricorso ad alcun tipo d'intervento esterno, non puoi cioè dettare le tue disposizioni a terze persone o usare un mezzo meccanico. Il testamento, inoltre, può essere redatto in qualsiasi lingua e con qualsiasi carattere, purché sia decifrabile.

Continua la lettura
47

Dopo aver disposto a chi vuoi lasciare il tuo patrimonio, qualunque esso sia o solo quote dello stesso devi, in calce o all'inizio foglio, datarlo. Non è tanto importante riportare il luogo quanto il giorno, il mese e l'anno in cui lo hai redatto. La datazione è infatti il secondo requisito importante perché consente di accertare se al tempo in cui hai stilato il testamento eri capace o meno di intendere e di volere.

57

Hai facoltà di modificare o di revocare il testamento olografo, che hai scritto in precedenza quante volte lo vorrai: in caso di contestazione da parte degli eredi, circa la presenza di più testamenti olografi o anche l'impugnazione dello stesso per una tua presunta incapacità d'intendere e di volere, per la legge è valido, sempre e solo, quello che avrai redatto in data ultima. Puoi apporre la datazione sia in calce e sia all'inizio del foglio. Una volta che hai espresso per iscritto le tue volontà, a chiusura del tutto, devi mettere la tua firma: quello della sottoscrizione è il terzo requisito fondamentale che non può mai mancare, pena l'invalidità dell'atto.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come e perchè fare testamento da giovane

La parola "testamento" istintivamente mette tutti un po' a disagio. Viverlo come una pratica burocratica tipica degli anni del tramonto è una pura formalità di pensiero. Infatti, nessuno sa a priori quando, come e perché morirà. Pertanto, si può...
Finanza Personale

Come scrivere un testamento

Il testamento è un atto pubblico con il quale è possibile scrivere e stabilire la sorte del patrimonio del 'de cuius', ossia del testatore, dopo la sua morte. Si tratta essenzialmente di un atto revocabile che può essere steso in tre diverse forme...
Finanza Personale

Motivi per impugnare un testamento pubblico

Il testamento rappresenta un atto giuridico unilaterale, ricevuto a seguito della morte di una persona; costituisce un atto importante per poter conoscere le ultime volontà di chi è deceduto in termini soprattutto di suddivisione e distribuzione dei...
Finanza Personale

Come redigere una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà

La dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà è un documento con il quale un cittadino in un rapporto con la pubblica amministrazione o con i gestori di pubblici servizi può certificare diverse situazioni che lo riguardano. Egli infatti in questo...
Finanza Personale

Come Rinunciare Alla Propria Quota nell'asse ereditario

Un argomento che viene trattato sempre durante le lezioni di diritto privato alla Facoltà universitaria di Economia è la successione testamentaria. Il testamento rappresenta un documento attraverso cui il defunto sceglie la ripartizione dei propri beni...
Finanza Personale

Come determinare la quota disponibile e legittima nella successione testamentaria

Non tutti quante le persone possiedono un patrimonio, che sia piccole abitazioni, ville, barche, terreni, ricchezze, che vengono sempre segnalate da procedure burocratiche e da atti notarili. Possiamo tranquillamente affermare che chi possiede questi...
Finanza Personale

Come lasciare un'eredità a chi si desidera

L'eredità è un patrimonio che, al momento della morte di chi lo possiede, passa giuridicamente ad un altro soggetto. Le questioni ereditarie sono sempre delle situazioni molto spinose che spesso finiscono con il creare conflitti all'interno delle famiglie...
Finanza Personale

come calcolare le quote degli eredi in una voltura

In caso di successione per causa di morte, si rende necessario effettuare una voltura, cioè la variazione dei dati che riguardano una proprietà, un'attività o un servizio, in base ai nuovi intestatari. È dunque necessario dividere il capitale in proporzione...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.