Come redarguire i dipendenti

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Per un datore di lavoro non è facile dover rimproverare un proprio dipendente, ma purtroppo spesso è necessario. Un lavoratore inadempiente necessita di una strigliata, è un diritto del datore di lavoro che ha bisogno di tutelarsi, e allo stesso tempo è importante che ogni suo dipendente svolga bene il suo lavoro.

I motivi per cui redarguire i propri dipendenti possono essere i più disparati, l'unica cosa certa è che bisogna farlo con molta attenzione per non creare disagi sul posto di lavoro, o demotivare il proprio subordinato. Ed è per questo che bisogna pensare bene a come redarguire un proprio dipendente per evitare spiacevoli inconvenienti.

28

Occorrente

  • Rendete la conversazione costruttiva evitando di aggredire e mortificare il dipendente
  • Quando con la gentilezza non si risolve nulla, è giusto redarguire formalmente il lavoratore evitando sempre di metterlo in imbarazzo con i suoi colleghi per evitare l'insorgere di astio e demotivazione
38

Come partire

La prima cosa da fare è capire qual è il problema, ma soprattutto quale ne è la causa. È importante infatti sapere le colpe del dipendente, ma è vitale conoscere che cosa causa la sua scarsa produttività. Stress, problemi familiari, malattie, insoddisfazione, la lista dei possibili candidati è lunga ed è bene informarsi prima di redarguire il malcapitato, se possibile, altrimenti è il modo migliore di iniziare una conversazione pacata e costruttiva.

48

Cosa evitare

Innanzitutto andrebbero evitate le sgridate plateali, quelle raramente hanno mai giovato a qualcuno. Un dipendente messo in imbarazzo, difficilmente sarà un lavoratore più producente e anzi i suoi risultati potrebbero calare facilmente. È opportuno rendere il rimprovero costruttivo e mantenerlo privato, facendo attenzione al lato umano della faccenda tanto quanto al futuro che il lavoratore avrà in azienda dopo la conversazione, evitando quindi il manifestarsi di disagio e malcontenti da parte del malcapitato.

Continua la lettura
58

I primi avvertimenti

Prima di arrivare a un richiamo ufficiale nei confronti del dipendente, è consigliato provare a risolvere la questione in maniera più "informale". L'aspetto umano è infatti alla base del funzionamento di un buon rapporto di lavoro. La prima cosa da fare quando si nota che il subalterno non assume un comportamento consono alle sue funzioni, è quella di prenderlo da parte e convocarlo in privato per una chiacchierata tranquilla.

Durante il colloquio privato, faccia a faccia col collaboratore di lavoro, occorre innanzitutto individuare o accertarsi delle cause dietro il suo rendimento ridotto, mostrandosi aperti al dialogo e collaborativi in caso si possa intervenire, soprattutto se il problema nasce sul luogo di lavoro.

68

Inutile focalizzarsi sulle colpe

Sottolineare le colpe o i disagi che il dipendente crea all'azienda è inutile, oltre che deletereo per una conversazione costruttiva. Bisogna ascoltarlo, sentendone le ragioni, in modo da far emergere le sue responsabilità e fargli capire come può migliorare, o come possiamo aiutare nel farlo.

Tutto ciò è importate anche per il rapporto capo-dipendente, che sicuramente ne gioverà, ed il principale sarà guardato in modo diverso dai suoi subalterni. Questo comporterà anche una nuova armonia nell'ambiente di lavoro e, perché no, anche un aumento della produttività collettiva in virtù dell'ottimismo prodotto dalla vostra conversazione.

78

I casi più difficili

Talvolta purtroppo un tono pacato ed un'analisi obiettiva non bastano, ed il subordinato continua a comportarsi in modo non consono, a non svolgere a pieno delle sue potenzialità le consegne affidategli o addirittura la nostra fiducia sembra essere stata ripagata con il menefreghismo e l'arroganza.

In tal caso, si dovrà procedere per altre vie, è naturale doversi tutelare. Dal richiamo non ufficiale, privato e tranquillo, si passerà al richiamo ufficiale, scritto e spedito tramite email sull'indirizzo di lavoro o con una raccomandata a casa del dipendente. È bene mettere in chiaro quali sono i problemi, dando una scadenza non troppo generosa affinché vengano risolti per evitare eventuali declassamenti o addirittura il licenziamento.

In questo caso va naturalmente assunto un linguaggio formale, ed il tono va mantenuto serio. Non bisogna dare adito ad eventuali speranze di grazia, un datore temuto tende ad essere rispettato.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Effettuare un colloquio privato e informale è sempre la prima azione da intraprendere
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Le 5 cose che un buon capo non deve dire

Dirigere, organizzare avere delle responsabilità mette ogni individuo di fronte a delle scelte non sempre facili, ne comode; ma, purtroppo, il lavoro di responsabilità e la dirigenza che spetta ad un capo non sono una cosa semplice. Comunque sia, un...
Lavoro e Carriera

Come scrivere un annuncio per offrire un lavoro

Il mondo del lavoro ci vede quotidianamente alle prese con assunzioni, offerte e contratti di ogni tipo. Se dirigiamo un'azienda, sicuramente avremo bisogno di uno o più dipendenti per svolgere le varie mansioni. Per poter avere un gruppo di persone...
Lavoro e Carriera

Come calcolare l'indennità di buonuscita

L’indennità di buonuscita o trattamento di fine servizio, viene liquidata ai dipendenti pubblici in caso di cessazione del servizio per inabilità o decesso dopo 105 giorni, dopo 6 mesi per raggiungimento dei limiti di età e dopo 24 mesi per dimissioni...
Lavoro e Carriera

Aspettativa: i motivi per chiederla

Chi non ha mai pensato ad un periodo di evasione dal lavoro? Stress, noia, gravi motivi di carattere familiare o desiderio di migliorare la propria formazione aggiungendo un titolo di studio agognato ma fino ad oggi mai preso.La legge n.53 del 2000 norma...
Lavoro e Carriera

Come calcolare la retribuzione in maternità

Il congedo per maternità è un periodo di assenza obbligatoria della lavoratrice dal lavoro retribuito, durante il quale la donna riceve una retribuzione economica da parte dell'INPS, in sostituzione di quella abituale. Normalmente l'assenza obbligata...
Lavoro e Carriera

Come organizzare un evento di team building

Sapere come organizzare un evento di team building è necessario per migliorare le relazioni professionali e risolvere criticità. Per raggiungere l'obiettivo, molte aziende si affidano a società terziste specializzate in questo tipo di evento. Tuttavia,...
Lavoro e Carriera

Guida alla lettura del Cud

Ogni individuo che produca un reddito, ha l'obbligo di presentare l'apposita dichiarazione. Questo vale sia per i liberi professionisti, sia peri dipendenti. Mentre la prima categoria, per legge, deve provvedere a compilare da se o attraverso professionisti...
Lavoro e Carriera

Come calcolare la retribuzione media giornaliera

In questa guida, passo dopo passo, darò tutte le indicazioni utili su come calcolare nel migliore dei modi quella che è la retribuzione media giornaliera. È risaputo che i dipendenti di un'azienda guadagnano dei salari diversi a seconda dell'esperienza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.