Come realizzare un asilo nido aziendale

Tramite: O2O 23/04/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando si diventa genitori, la vita lavorativa deve, necessariamente, adattarsi alle nuove esigenze familiari. Non è semplice reperire servizi di supporto adeguati, le cui caratteristiche soddisfino le nostre esigenze in termini di orari, costi e locazione. Un valido aiuto è costituito dalla presenza di asili nido aziendali. In Italia, rispetto al resto d?Europa, tali asili sono ancora pochi. Realizzare un asilo nido aziendale, rappresenta l?opportunità di rinnovare l?immagine e il clima aziendale e in più garantisce interesse verso le esigenze dei propri dipendenti. Vediamo insieme, come realizzare un asilo nido aziendale.

26

Struttura aziendale

Innanzitutto, dobbiamo sapere che l'asilo nido aziendale è un asilo aperto all'interno di una struttura aziendale ed è destinato ai bambini di un'età compresa tra i 3 e i 36 mesi. Dunque, il primo passo da fare è l'analisi del bisogno interno del personale aziendale. Se il numero di bambini interessati è piuttosto esiguo, possiamo valutare la possibilità di gestire l'asilo, aprendo l'accesso anche ai figli di dipendenti di aziende attigue e dando vita ad un asilo interaziendale.

36

Individuare figure professionali

Continuando, è necessario individuare figure professionali con specifiche competenze. Innanzitutto, gli educatori devono essere in possesso di idonea qualifica, ossia diploma di istituto magistrale, puericultrice, assistente all'infanzia, diploma di liceo psico-pedagogico. È indispensabile la presenza di personale ausiliario e di personale di cucina, e altre eventuali figure professionali.

Continua la lettura
46

Individuare l'area adatta

Per realizzare un asilo nido aziendale, dobbiamo individuare l'area adatta per la struttura, o eventualmente i locali già esistenti. Le caratteristiche che la struttura del nido deve avere, sono ben precise. La sua superficie minima deve essere di 6 mq per ciascun bambino. Deve essere separata dagli ambienti di lavoro e deve avere un accesso autonomo. Deve essere provvista di un locale adibito a cucina e di uno adatto al riposo.

56

I requisiti igienico sanitari

Oltre ai requisiti strutturali, che possono variare anche in base al Comune di appartenenza, dobbiamo soddisfare anche i requisiti igienico sanitari. Ovviamente, anche la scelta dell'arredamento è fondamentale, in quanto deve essere a misura di bimbo. L'autorizzazione per l'apertura del nido è rilasciata dalla Provincia, la quale accerta che vi siano i requisiti minimi funzionali previsti. A fine lavori, occorre chiedere un Parere Igienico Sanitario Preventivo alla ASL di competenza e presentare la richiesta di agibilità dei locali.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Affidiamoci sempre a personale esperto e qualificato, sia per i lavori strutturali che per il personale da selezionare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come lavorare in un asilo nido

Se avete una spiccata predisposizione per i bambini, passereste con loro tutto il vostro tempo e amate starvene sedute per terra a fare con loro giochi e attività manuali, allora la vostra strada potrebbe essere quella di aprire o lavorare in un asilo...
Lavoro e Carriera

Come diventare amministratore di un asilo nido

L'asilo nido è una struttura educativa destinata ai bambini di età compresa tra i 3 mesi ed i 3 anni e che precede l'ingresso alla scuola materna. L'asilo nido è una istituzione di carattere assistenziale ed educativo, derivante da esigenze della società...
Lavoro e Carriera

Come diventare educatrice di un asilo nido

Un tempo chiunque avesse una certa predisposizione per stare con i bambini poteva diventare educatrice di un asilo nido. Con il passare degli anni il percorso si è complicato e tra graduatorie, privatizzazioni, lauree brevi, corsi privati e bandi è...
Lavoro e Carriera

Come prepararsi al concorso educatore di asilo nido

Quando ci si appresta a partecipare a un bando o ad un concorso, dobbiamo far fronte a molti ostacoli, che non riguardano solo l'aspetto prettamente di preparazione sulla materia, ma dobbiamo fronteggiare anche il nostro carattere e le varie ansie e preoccupazioni...
Lavoro e Carriera

Come realizzare un asilo in casa

Se date un'occhiata al mondo del lavoro, vi accorgete immediatamente che per poter andare avanti, al giorno d'oggi, occorre sì buona volontà, ma anche una grande dose di spirito di iniziativa e inventiva. Inventarsi, infatti, un lavoro completamente...
Lavoro e Carriera

Come diventare insegnante d'asilo

Gli insegnanti di scuola materna sono delle figure molto importanti coinvolte nell'istruzione e nello sviluppo dei bambini che sono in genere tra i 2 e i 5 anni. Questi guidano la crescita intellettuale ed interpersonale dei bambini attraverso il gioco,...
Lavoro e Carriera

Come diventare maestra d'asilo

Lavorare con i bambini è sempre molto bello e stimolante, si possono fare davvero tante cose con loro e soprattutto imparare molto da loro. Molte ragazze hanno nel cassetto il sogno di diventare maestra d'asilo, per realizzarlo, è bene però considerare...
Lavoro e Carriera

Come diventare addetto alla qualità aziendale

In un’impresa, l’addetto alla qualità aziendale svolge un ruolo fondamentale per la produttività e lo sviluppo. Il suo compito consiste nel gestire e controllare la produzione dell’azienda. Inoltre, deve certificare la qualità dei prodotti e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.