Come proteggere i risparmi dall'inflazione

Tramite: O2O 30/09/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ogni famiglia italiana sa bene quanto sia importante informarsi su come proteggere i risparmi dall'inflazione, in modo da pianificare lungimiranti scelte finanziarie che impediscano al proprio capitale, grande o piccolo che sia, di ridursi sempre di più con il passare del tempo. Negli anni appena trascorsi, i livelli dell'inflazione hanno toccato punte del 5% e molti ancora ricordano con trepidazione quei momenti. Non è certo divertente vedere volar via, senza rimedio, una parte dei propri soldi, magari faticosamente sudati. Ed ecco, allora, alcune tracce da seguire per poi orientarsi tra gli strumenti che il mercato finanziario mette a disposizione.

27

Cos'è l'inflazione

L'inflazione ha sempre un un effetto indigesto per tutti i risparmiatori; ed è realtà davvero spaventosa per i pensionati; e tutti ce l'hanno sullo stomaco quando considerano i loro investimenti.
Essenzialmente, l'inflazione è la misura di quanto perde valore la moneta con l'aumento del costo della vita. E, semplificando, rappresenta il crescere dei prezzi relativi a beni e servizi utilizzati dalle famiglie. L'effetto dell'inflazione è ben noto: agisce come una tassa che volatilizza, una goccia alla volta, il valore di ogni capitale. L'impatto corrosivo sui risparmi lo si può comprendere con un semplice esempio: accumulando denaro in uno dei tanti declamati conti-deposito delle banche, la somma non cresce allo stesso ritmo dell'inflazione; se si è fortunati, si raggiunge un guadagno dello 0,50%; ma se i costi dei beni di consumo aumentano del 2,0% (valore, appunto, dell'inflazione), non si sta guadagnando affatto, ma si sta perdendo l'1,5% all'anno del denaro salvato (inflazione al 2,0% meno 0,50% del tasso enfatizzato dalle banche).

37

Investire i risparmi è l'unica via per proteggerli dall'inflazione

Supponiamo che un risparmiatore molto prudente e diligente, tutto intento a non voler "perdere" i suoi soldi, metta da parte, per tutta la sua vita, il 20% delle proprie entrate, ogni anno: inserisce i suoi risparmi in un conto del mercato monetario bancario e attende 30, 40, 50 anni, il momento della pensione. Ebbene, con una media del tasso di inflazione al 2,0% (tale è il valore "medio" da considerare in Italia) scoprirà sicuramente che i suoi soldi avranno perso così tanto valore da non consentirgli affatto neppure la minima parte del tenore di vita che ora si prefigge accumulando i suoi risparmi. Ciò accade perché non si bada al "valore" contestuale della moneta e non si punta alla crescita del denaro accantonato, crescita da rapportare sempre almeno al valore dell'inflazione. Importante è ricordare che il denaro ha valore in quanto ha un potere di acquisto, e questo potere di acquisto varia di molto anno dopo anno. Non ci sono alternative per mantenere i risparmi allo stesso livello della loro perdita di valore nel tempo: l'unica soluzione è l'investimento. Esistono alcune strategie fondamentali per proteggersi dal tarlo dell'inflazione, e tutte si concentrano essenzialmente sulla crescita del portafoglio in misura almeno uguale o (tanto meglio) maggiore rispetto al tasso "roditore" di tutti i risparmi.

Continua la lettura
47

Investire i risparmi in Buoni Fruttiferi Postali (BFP)

Considerati da molti la migliore garanzia per proteggere i propri risparmi dall'inflazione, sono strumenti finanziari emessi dalla Cassa Depositi e Prestiti e acquistabili presso le Poste Italiane. Offrono ogni 12 mesi un rendimento fisso in termini percentuali, in aggiunta sempre al valore del tasso di inflazione registrato annualmente in Italia. I Buoni Fruttiferi Postali, collegati al tasso del cosiddetto "caro-vita" (l'inflazione) sono a "rischio zero": mantengono sempre il loro valore iniziale, garantito dallo Stato, e vengono rimborsati maggiorati dei relativi rendimenti maturati nel tempo.

57

Investire nel mercato azionario

Uno dei modi più semplici per proteggere i risparmi dall'inflazione (e superarlo anche alla grande) è quello di investire nel mercato azionario. Tutte le società fanno soldi vendendo prodotti: ma se aumenta l'inflazione aumentano anche i prezzi dei loro prodotti; questo, generalmente, produce migliore profitto per le aziende che, difatti, sono le uniche a vedere molto di buon occhio la crescita del tasso d'inflazione.

67

Investire in beni reali

Se la percentuale dell'inflazione aumenta, rincarano anche i prezzi delle materie prime e delle risorse finanziarie. Ecco perché così tante persone corrono a comprare oro e materie prime quando volteggia la paura dell'inflazione. Tuttavia, è possibile investire in beni durevoli, in genere investendo in ETF settoriali. Secondo il parere dei maggiori investitori, il vero vantaggio è rappresentato dalle materie prime in generale (in special modo i minerali e l'agricoltura).

77

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare l'inflazione

Al giorno d’oggi un problema che riguarda tutti è l’inflazione monetaria che quando si manifesta genera aumenti notevoli in moltissimi prodotti. L'inflazione è infatti il costante aumento dei prezzi di beni e servizi in un'economia nel corso tempo,...
Finanza Personale

Come tutelare i propri risparmi

L'andamento economico degli ultimi anni ha messo un po' in allarme i risparmiatori. Purtroppo con l'entrata dell'euro pochi sono i soldi che i risparmiatori possono mettere da parte. Prima la gente dopo la la spesa quotidiana, metteva da parte qualcosa....
Finanza Personale

Come mettere al sicuro i propri risparmi

La questione economica diviene sempre più spinosa. Sempre meno persone riescono a mettere da parte un po' di denaro per le situazioni di emergenza, tuttavia anche se essi riescono devono comunque fare i conti con l'imponente interrogativo: dove e come...
Finanza Personale

Come gestire i propri risparmi

Oggi tante persone sono demotivate a risparmiare. Ciò soprattutto quando le spese risultano davvero tante e non si riesce a mettere da parte qualcosa. Questo non deve comunque farci desistere. Cerchiamo pertanto di stabilire un obiettivo da raggiungere...
Finanza Personale

Come gestire i risparmi

Al giorno d'oggi gestire i propri risparmi è diventata una missione molto difficile; risparmiare e soprattutto gestire in modo oculato il proprio denaro è di importanza vitale, non solo per affrontare con sicurezza il presente e migliorare la propria...
Finanza Personale

Come difendere i risparmi dallo spread

Recentemente si sente parlare nuovamente dello spread, questo spauracchio che impedisce a moltissimi investitori di dormire sonni tranquilli. Lo spread consiste nella differenza tra il rendimento dei maggiori titoli di Stato, chiamati anche Btp, ed i...
Finanza Personale

Come tutelare i propri risparmi da un eventuale fallimento della banca

In questi tempi non è così facile trovare un lavoro a tempo indeterminato, con garanzia di pagamento. Anche chi ha la fortuna di averlo, fatica ad arrivare a fine mese e difficilmente riesce ad accumulare soldi. Per non parlare di chi ha terminato il...
Finanza Personale

Come proteggere i bitcoin

In questo ultimo periodo si sente sempre più spesso parlare di cripto-valute o monete digitali, chiamati bitcoin, utilizzate nella rete come delle vere e proprie monete che vengono scambiate tra i vari utenti.Essendo appunto un valore digitale però,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.