Come prolungare un certificato di malattia

Tramite: O2O 01/11/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

Come prolungare un certificato di malattia

Nel corso dell'attività lavorativa personale, talvolta succede di essere obbligati a rimanere in casa per colpa di una determinata malattia. Per continuare la propria assenza dal posto di lavoro e mantenere comunque la retribuzione per un tempo più lungo di 5 giorni, è opportuno farsi rilasciare ed esibire un certificato di malattia: esso lo potrete richiedere andando dal vostro dottore curante, il quale stabilirà il periodo di convalescenza da prescrivervi dopo aver eseguito una visita di controllo.
Qualora al termine previsto dall'attestato del vostro medico siate ancora malati e desiderate proseguire l'assenza dal posto di lavoro, potrete farlo richiedendolo in tempo. Naturalmente, la scelta più veloce ed efficiente per sapere quante più informazioni possibili in merito a come prolungarlo, risulta essere esattamente quella di rivolgersi ad un professionista, in questo modo però spendereste anche il vostro prezioso denaro. Quindi, se preferite risparmiare economicamente, potrete cercare voi stessi quante più informazioni possibili, tramite i passi di questa guida. A questo punto, non vi rimane che continuare a leggere con attenzione le semplici e dettagliate indicazioni riportate nei successivi passi di questa guida, per imparare utilmente come prolungare un certificato di malattia.

26

Occorrente

  • Medico di fiducia
  • Certificato di malattia
  • Contatto telefonico
36

Consultare il medico telefonicamente

Qualora doveste avere la febbre alta oppure ulteriori sintomi che non vi consentono di andare personalmente dal dottore curante è importante che non usciate di casa per farvi visitare: anche un consiglio telefonico potrebbe esservi d'aiuto. Se vi ritenete ancora malati poco prima dell'ipotizzata conclusione del periodo di convalescenza, avvisate subito il vostro dottore curante e spiegategli la vostra situazione.

46

Rinnovare il certificato prima della scadenza

Il certificato di malattia deve essere rinnovato prima della scadenza, in quanto il vostro datore di lavoro non pagherà per i giorni rimasti "scoperti", ovvero non giustificati dall'attestato del dottore curante: in ogni caso, ricordatevi sempre di avvisare la società che non rientrerete in servizio il giorno prefissato e comunicare la data dell'ipotizzato rientro.
Il medico non ha l'opportunità di prolungare la vostra malattia telefonicamente o via Internet e, quindi, è obbligato a compiere una nuova visita di controllo.

Continua la lettura
56

Visite fiscali

Anche dopo il rinnovo del certificato di malattia potrete ricevere una visita fiscale, ossia un controllo finalizzato a verificare l'effettivo stato patologico del lavoratore assente e l'eventuale allontanamento dalla sua residenza. Qualora vi sentiste meglio e desideraste uscire di casa, non dimenticatevi del fatto che siete obbligati a farvi trovare all'indirizzo di casa in orari prestabiliti, variabili secondo la tipologia del vostro lavoro. Il non rispetto degli orari di controllo prefissati comporta una riduzione del vostro stipendio uguale al periodo d'assenza dal luogo di lavoro, ma potreste incorrere anche in altre sanzioni amministrative.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come chiedere la malattia professionale

La denominazione di "malattia professionale" si riferisce a patologie che si possono contrarre durante lo svolgimento di un'attività lavorativa. La malattia professionale si differisce dall'infortunio per un motivo essenziale. L'infortunio è un evento...
Richieste e Moduli

Come richiedere una visita fiscale per un dipendente in malattia

Durante il percorso lavorativo un dipendente potrebbe ammalarsi, risultando di conseguenza impossibilitato nel recarsi a lavoro per un breve o lungo periodo di tempo. In questi casi, però, il datore di lavoro ha comunque il diritto di accertarsi dello...
Richieste e Moduli

Come stampare un attestato di malattia dal sito dell'INPS

Con lo sviluppo della tecnologia si sono fatti numerosi passi avanti in diversi settori, molte attività si sono modernizzate e quindi anche semplificate. Ovviamente, in qualsiasi ambito non possiamo sicuramente escludere l'utilizzo di vari siti internet...
Richieste e Moduli

Come richiedere il certificato di residenza

Il certificato di residenza è un documento attestante la residenza in un determinato comune. Viene rilasciato dall'ufficio anagrafe del comune cui si risiede. Il certificato di residenza ha una validità di sei mesi a partire dalla data di emissione....
Richieste e Moduli

Come ottenere il certificato di agibilità per casa

Quando si prende in affitto o si acquista una casa oppure si procede ad una ristrutturazione, è obbligatorio ottenere il certificato di agibilità. Si tratta in pratica di seguire un iter burocratico facendo in primis una comunicazione scritta al Comune...
Richieste e Moduli

Come richiedere il certificato di abitabilità

Se devi acquistare la tua prima casa e magari vuoi richiedere un mutuo oppure stai ristrutturando casa perché vuoi venderla uno dei documenti obbligatori da avere è il Certificato di abitabilità. Ottenerlo non è difficile ma i tempi non sono brevissimi,...
Richieste e Moduli

Come richiedere un certificato penale

Ognuno di noi almeno un volta nella propria vita ha avuto a che fare con la giustizia, o comunque con avvocati e leggi. Qualcuno ha avuto la sfortuna di commettere qualche piccolo reato e venire punito per questo, qualcun altro invece ha avuto la fortuna...
Richieste e Moduli

Come richiedere il certificato dei carichi pendenti

Diverse persone confondono il certificato per carichi pendenti con il certificato del "Casellario giudiziale". Quest'ultimo viene utilizzato per attestare l'eventuale presenza di condanne passate in giudicato; quello per carichi pendenti, invece, fa riferimento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.