Come procedere alla revoca della delega per i contributi sindacali

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'articolo 26 dello Statuto dei lavoratori prevede la possibilità per i sindacati di raccogliere contributi volontari da parte dei lavoratori, e ciò avviene generalmente tramite una trattenuta dalla stessa busta paga, perché il lavoratore delega il datore al versamento.
Tuttavia il contributo rimane su base volontaria, per cui occorre che la volontà di tale versamento sia espressa esplicitamente, sebbene molto spesso ci si ritrovi questa voce tra le trattenute senza che ci si sia resi conto di aver dato il proprio consenso.
In virtù della volontarietà dei contributi sindacali è quindi possibile revocare la delega, sia che si tratti di lavoratori dipendenti sia che si tratti di pensionati e disoccupati, e per farlo occorre inviare una semplice raccomandata, secondo modalità che differiscono in base al tipo di lavoratore.
Ecco come procedere nelle diverse situazioni.

25

Per i lavoratori dipendenti di aziende private occorre inviare una raccomandata al datore di lavoro o all'ufficio che si occupa della retribuzione del personale. Nella lettera, redatta in carta semplice e - anche se non è necessario è preferibile - con allegato il documento d'identità, occorre specificare, oltre a tutti i riferimenti anagrafici e riguardanti il contratto di lavoro la revoca della trattenuta e del conseguente versamento alla specifica organizzazione sindacale. La richiesta ha effetto immediato, quindi dalla successiva busta paga.
La seconda comunicazione - non necessariamente raccomandata - va inviata al sindacato per conoscenza.

35

Per gli insegnanti e i lavoratori pubblici della scuola la situazione è un po' diversa, perché non dovranno inoltrare la domanda alla propria scuola, che non ha alcun obbligo a trasmetterla e rimarrebbe quindi carta morta.
Occorre invece inviare una raccomandata (per accorciare i tempi si può anche consegnare a mano, facendosi rilasciare una ricevuta) alla Ragioneria Territoriale, in cui occorre indicare, similmente a quella dei lavoratori dipendenti, i propri dati con l'aggiunta del riferimento al numero di partita fissa del cedolino, il nome del sindacato e il suo codice (che troverete indicato in busta paga di fianco alla voce di trattenuta). È sempre preferibile allegare il proprio documento d'identità. Anche in questo caso l'effetto è immediato, per cui potrete controllare dalla busta paga successiva.
Per copia conoscenza potete inviare una comunicazione simile anche al sindacato e alla scuola.

Continua la lettura
45

Per i pensionati e i disoccupati, che percepiscono quindi un trattamento economico da parte dell'Inps, si deve inviare una raccomandata alla sede territoriale dell'Inps, con una copia del proprio documento d'identità. Anche in questo caso è bene indicare, oltre ai propri dati, il riferimento al sindacato d'appartenenza.
La richiesta, tuttavia, non ha effetto immediato, ma decorre secondo un determinato calendario, indicato nel sito dell'Inps:
- 1° aprile per le richieste lavorate dal 16 dicembre al 15 marzo;
- 1° luglio per le richieste lavorate dal 16 marzo al 15 giugno;- 1° ottobre per le richieste lavorate dal 16 giugno al 15 settembre;- 1° gennaio dell'anno successivo per le richieste lavorate dal 16 settembre al 15 dicembre. Occorre tener presente che il riferimento non è alla ricezione della raccomandata bensì al momento in cui la richiesta viene lavorata. Anche in questo caso si può decidere di inviare una comunicazione al sindacato per conoscenza.

55

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come calcolare i contributi Inps della badante

Un paese civile si può avere anche regolarizzando il lavoro nero, purtroppo una piaga della nostra nazione. Ogni lavoratore ha bisogno di essere tutelato regolarizzando il proprio lavoro attraverso un adeguato contratto. Le famiglie che assumono dei...
Finanza Personale

Come richiedere il versamento di contributi volontari

La crisi economica che da diversi anni attanaglia l'Italia e non solo, e della quale a malapena si intravvede un debole miglioramento, ha grandemente incrementato il numero di coloro che decidono di ricorrere ai contributi volontari per ottenere la pensione,...
Finanza Personale

Differenza tra tasse, imposte e contributi

Purtroppo, l'economia, non sempre è semplice da comprendere e molti trovano difficoltà ad imparare la differenza fra alcuni termini e nozioni che invece bisognerebbe conoscere dal momento che fanno parte della nostra quotidianità. Sebbene le tasse,...
Finanza Personale

Come verificare i propri contributi

Il frequente mutare degli orizzonti politici, l'incertezza economica ed il continuo aumento di lavori precari, hanno reso indispensabile trovare degli strumenti per poter controllare e verificare costantemente tutto ciò che riguarda l'evolversi della...
Finanza Personale

Come Procedere al versamento annuale dell'imposta sulle locazioni

La burocrazia è un atto in cui noi cittadini ci sottoponiamo a pagamenti e procedure in determinati periodi dell'anno, in questa piccola guida cercheremo di comprendere come procedere al versamento annuale dell'imposta sulle locazioni. Sappiamo che avere...
Finanza Personale

Il sistema fiscale in Francia

Innanzitutto è doveroso fare un excursus sul sistema fiscale nella nazione francese. Il sistema fiscale in Francia include comprende prima di tutte le tasse, i vari canoni, i contributi e i contributi sociali che il governo francese presenta alle persone...
Finanza Personale

Il calcolo della busta paga

Chiunque abbia mai ricevuto una busta paga, avrà di certo notato che al suo interno vengono riportati diverse voci e importi. Infatti, oltre alle informazioni del lavoratore e dello stipendio netto, devono essere indicate anch tutte le tassazioni e...
Finanza Personale

Cessione del quinto e delegazione di pagamento: tutte le differenze

Purtroppo stiamo vivendo un periodo economico che non è proprio dei più rosei. Molte persone, quindi, devono molto spesso far fronte a diverse spese economiche ricorrendo a dei prestiti. Esistono varie forme che ci permettono di ottenere un finanziamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.