Come procedere alla revoca della delega per i contributi sindacali

Tramite: O2O 07/09/2019
Difficoltà: media
18
Introduzione

L'articolo 26 dello Statuto dei lavoratori prevede la possibilità per i sindacati di raccogliere contributi volontari da parte dei lavoratori, e ciò avviene generalmente tramite una trattenuta dalla stessa busta paga, perché il lavoratore delega il datore al versamento. Tuttavia il contributo rimane su base volontaria, per cui occorre che la volontà di tale versamento sia espressa esplicitamente. Sebbene molto spesso ci si ritrovi questa voce tra le trattenute senza che ci si sia resi conto di aver dato il proprio consenso. In virtù della volontarietà dei contributi sindacali è quindi possibile revocare la delega, sia che si tratti di lavoratori dipendenti sia che si tratti di pensionati e disoccupati. Per farlo occorre inviare una semplice raccomandata, secondo modalità che differiscono in base al tipo di lavoratore. Ecco come procedere nelle diverse situazioni.

28
Occorrente
  • Modello di revoca
  • Documento di identità
38

Dipendenti del settore privato

Per i lavoratori dipendenti di aziende private occorre inviare una raccomandata al datore di lavoro o all'ufficio che si occupa della retribuzione del personale. Nella lettera, redatta in carta semplice e - anche se non è necessario è preferibile - con allegato il documento d'identità, occorre specificare, oltre a tutti i riferimenti anagrafici e riguardanti il contratto di lavoro, la revoca della trattenuta e del conseguente versamento alla specifica organizzazione sindacale. La richiesta ha effetto immediato, quindi dalla successiva busta paga. La seconda comunicazione - non necessariamente tramite raccomandata - va inviata al sindacato per conoscenza. Per avere la sicurezza della consegna, è sempre meglio che si invii una raccomandata postale con ricevuta di ritorno (AR).

48

Dipendenti della Pubblica Istruzione

Per gli insegnanti e i lavoratori pubblici della scuola la situazione è un po' diversa, perché non dovranno inoltrare la domanda alla propria scuola, che non ha alcun obbligo a trasmetterla e rimarrebbe quindi carta morta. Occorre invece inviare una raccomandata (per accorciare i tempi si può anche consegnare a mano, facendosi rilasciare una ricevuta) alla Ragioneria Territoriale, in cui occorre indicare, similmente a quella dei lavoratori dipendenti, i propri dati con l'aggiunta del riferimento al numero di partita fissa del cedolino, il nome del sindacato e il suo codice (che troverete indicato in busta paga di fianco alla voce di trattenuta). È sempre preferibile allegare il proprio documento d'identità. Anche in questo caso l'effetto è immediato, per cui potrete controllare dalla busta paga successiva. Come copia per conoscenza potete inviare una comunicazione simile anche al sindacato e alla scuola.

Continua la lettura
58

Invio della revoca tramite PEC

I dipendenti della Pubblica Istruzione possono procedere alla revoca della delega per i contributi sindacali anche via PEC (Posta Elettronica Certificata). Si ricorda infatti che questo metodo di trasmissione telematica equivale all'invio di una raccomandata postale. Si deve innanzitutto stampare e compilare il modello predisposto, disponibile anche on line. Dopo averlo firmato, si può scannerizzare, insieme al proprio documento di riconoscimento. A questo punto, bisogna convertire le immagini in formato PDF. Tramite una casella PEC si può pertanto tramettere la mail di revoca all'Agenzia territoriale di competenza, con un testo di accompagnamento e gli allegati scannerizzati di cui sopra. Per la ricerca della propria Agenzia territoriale, ecco il link di cui avvalersi: http://www.rgs.mef.gov.it/VERSIONE-/sistema_delle_ragionerie/ragionerie_territoriali_dello_stato/sportelli_rts/index.html
Non rimane che aspettare la ricevuta di consegna fornita dal sistema da parte dell'Agenzia territoriale. Eventualmente, si può stamparla per conservarla nella propria pratica di revoca, in attesa della definizione della stessa.

68

I pensionati e i disoccupati

Per i pensionati e i disoccupati, che percepiscono quindi un trattamento economico da parte dell'Inps, si deve inviare una raccomandata alla sede territoriale dell'Inps, con una copia del proprio documento d'identità. Anche in questo caso è bene indicare, oltre ai propri dati, il riferimento al sindacato d'appartenenza. La richiesta, tuttavia, non ha effetto immediato, ma decorre secondo un determinato calendario, indicato nel sito dell'Inps: - 1° aprile per le richieste lavorate dal 16 dicembre al 15 marzo; - 1° luglio per le richieste lavorate dal 16 marzo al 15 giugno;- 1° ottobre per le richieste lavorate dal 16 giugno al 15 settembre;- 1° gennaio dell'anno successivo per le richieste lavorate dal 16 settembre al 15 dicembre. Occorre tener presente che il riferimento non è alla ricezione della raccomandata bensì al momento in cui la richiesta viene lavorata. Anche in questo caso si può decidere di inviare una comunicazione al sindacato per conoscenza. Si può pure procedere alla revoca della delega per i contributi sindacali accedendo con le proprie credenziali sul sito dell'Inps.

78
Guarda il video
88
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Per i pensionati e i disoccupati, secondo il calendario delle richieste, è possibile che l'attuazione della revoca impieghi diversi mesi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come ricongiungere contributi Inps e Inpdap

Quando si lavora soprattutto all'inizio della carriera, lontano è il pensiero della pensione e quindi anche se cambiate spesso lavoro, non vi fermate a pensare se i contributi sono versati sempre nello stesso ente o no, poi con il passare degli anni...
Finanza Personale

Come Procedere al versamento annuale dell'imposta sulle locazioni

La burocrazia è un atto in cui noi cittadini ci sottoponiamo a pagamenti e procedure in determinati periodi dell'anno, in questa piccola guida cercheremo di comprendere come procedere al versamento annuale dell'imposta sulle locazioni. Sappiamo che avere...
Finanza Personale

Come ottenere agevolazioni e contributi per installare un ascensore

L'ascensore è un impianto che serve a portare persone o cose da un piano all'altro. Quest'ultimo viene installato nei vani scala dei palazzi condominiali o all'interno di abitazioni private. Oggi giorno è molto difficile trovare edifici, dove non ci...
Finanza Personale

Come ottenere agevolazioni e contributi per installare una caldaia

L'installazione di una caldaia nelle case o negli uffici è un processo che richiede molta cura perché implica conoscenza ed esperienza da parte del tecnico, in quanto ne sarà responsabile..Il Fondo di solidarietà per le sovvenzioni e la ridistribuzione...
Finanza Personale

Come ottenere agevolazioni e contributi per le persiane nuove

Con la legge di bilancio 2019 è possibile ottenere ottime detrazioni fiscali per tutti gli interventi che consentono di migliorare il rendimento energetico della tua abitazione. Sono interessati moltissimi interventi, anche quelli che meno ti aspetteresti....
Finanza Personale

Come ottenere agevolazioni e contributi per installare i pannelli fotovoltaici

Per chi decide di installare i pannelli fotovoltaici, ogni anno il governo italiano propone degli incentivi che consistono nella detrazione fiscale della maggior parte delle spese sostenute per l’acquisto dei materiali e della creazione dell’impianto....
Finanza Personale

Come ottenere agevolazioni e contributi per installare un montascale

Il montascale è un accessorio molto utile nelle case in cui vivono dei disabili. Esso infatti consente a queste persone di muoversi liberamente in tutti gli ambienti, anche se il corpo non lo permette. Un montascale è come un piccolo ascensore che scorre...
Finanza Personale

Come ottenere agevolazioni e contributi per installare un allarme

La nostra società è certamente più civile e colta rispetto a qualche secolo fa. Tuttavia la percezione di molti individui è di un livello di sicurezza pericolosamente in calo. Sono ancora tante le persone che installano in casa un sistema di allarme....