Come presentare domanda per l'invalidità civile

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Possono presentare domanda per il riconoscimento dell'invalidità civile i cittadini affetti da malattie e menomazioni permanenti e croniche, sia di natura fisica che psichica e intellettiva, il cui grado minimo è stabilito da specifiche norme legislative. Le malattie e le menomazioni per cui si presenta domanda per il riconoscimento dell'invalidità civile non devono essere state riconosciute come invalidità a causa di lavoro, causa di servizio e di guerra, ciechi e sordomuti, con le quali l'invalidità civile è incompatibile. Per queste categorie si applicano leggi diverse. Si considerano invalidi anche le persone con più di sessantacinque anni che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età. Le persone invalide possono ottenere alcuni benefici a condizione che abbiano ottenuto il riconoscimento della loro invalidità. La richiesta di riconoscimento di invalidità può essere presentata: dall'interessato che si ritiene invalido; da chi rappresenta legalmente l'invalido (genitore o tutore nel caso degli interdetti); da chi cura gli interessi dell'invalido (il curatore nel caso degli inabilitati). Se seguirete questa guida nei vari passaggi vi spiegherò in maniera semplice come presentare domanda per l'invalidità civile.

26

Occorrente

  • richiesta del medico curante
  • documentazione medica
  • carta di indentità
  • codice fiscale
36

Per essere considerato un invalido civile bisogna predisporre una documentazione e quindi presentare una domanda all'INPS per il riconoscimento di un eventuale assegno mensile.
La prima cosa da fare è recarsi dal medico curante che, valutata la situazione, deciderà se prescrivere delle visite specialistiche o degli esami clinici che possano supportare la richiesta di invalidità, spesso sono sufficienti le cartelle cliniche già in vostro possesso.

46

Se il medico ritiene le patologie invalidanti compilerà un apposito modulo e lo trasmetterà telematicamente all'INPS e vi rilasceranno una copia della domanda inviata e l'attestazione da parte dell'INPS che la documentazione è stata ricevuta.
Questa prestazione è a pagamento perciò vi richiederà il pagamento di una fattura (costo indicativo 50/100 euro).

Continua la lettura
56

Con copia della domanda e la ricevuta dovrete recarvi presso un patronato per perfezionare l'istanza.
È necessario che dobbiate esibire all'impiegato la vostra carta di identità e il codice fiscale, nel caso in cui non possiate recarvi personalmente all'ufficio del patronato la domanda può essere presentata da un terzo che dovrà esibire anche i propri documenti identificativi.
Il patronato trasmette tutto all'INPS e vi comunicherà la data in cui sarete chiamati per la visita di accertamento.
La prestazione del patronato è a titolo gratuito.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • per la visita di accertamento il tempo medio di attesa è di 6 mesi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come presentare la domanda di messa a disposizione per le scuole

Al fine di avere più possibilità di essere chiamati dalle scuole per ricevere incarichi, è necessario presentare una domanda di messa a disposizione, conosciuta anche con il nome di Mad. È possibile presentarla per mezzo di diverse modalità, che...
Richieste e Moduli

Come presentare la domanda di disoccupazione online

Le indennità di disoccupazione si dividono in ASPI (Assicurazione Sociale per l'Impiego) e mini ASPI che, a partire dal 1° gennaio 2013, vanno a sostituire le vecchie indennità di disoccupazione agricola e non agricola, ordinaria e ridotta. Sono tutti...
Richieste e Moduli

Qual è la procedura per presentare una richiesta di usucapione

Molto spesso si sente parlare di questioni che riguardano l'usucapione. Per capire il termine, si tratta di una proprietà che si acquisisce con il tempo, grazie al possesso continuo. Inoltre, per conoscere meglio alcuni articoli e procedure che lo riguardano,...
Richieste e Moduli

Come richiedere il certificato di stato civile

Molto spesso siamo chiamati a presentare dei documenti per far fronte alle situazioni più svariate. Se i certificati da presentare riguardano degli atti di nascita, di morte, di matrimonio oppure documenti relativi alla cittadinanza e alle pubblicazioni...
Richieste e Moduli

Come richiedere la rettifica di atti dello stato civile

Ogni cittadino ha la possibilità di richiedere la rettifica di atti dello Stato Civili quali il certificato di nascita, di matrimonio, di residenza, di cittadinanza e di morte, nel caso in cui risultino in essi degli errori o delle inesattezze rilevanti....
Richieste e Moduli

Fondo credito nuovi nati: come fare domanda

Anche per quest’anno è previsto un fondo credito per i nuovi nati, che di fatto sostituisce quello conosciuto con la denominazione di bonus bebè. Per ottenerlo, occorre tuttavia seguire delle specifiche linee guida e presentare una documentazione...
Richieste e Moduli

Come ottenere il CUD per il Servizio Civile

Il servizio civile nazionale, potremmo dire, è quell’esperienza giovanile di un anno di impegno, nel servizio e nella formazione, aderendo a progetto presso un ente, in Italia o all’estero, scelto nei campi dei servizi a persone in situazioni di...
Richieste e Moduli

Come fare domanda di sgravio cartella esattoriale Agenzia delle Entrate

In questa guida, che abbiamo ben pensato di proporre a voi cari lettori, vogliamo aiutarvi a capire meglio, un argomento alquanto discusso e non semplice da apprendere e cioè quello delle cartelle esattoriali e nello specifico vogliamo darvi una mano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.