Come presentare domanda per il reddito di inclusione

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per contrastare la povertà e gli effetti della crisi economica, il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato il reddito di inclusione (REI). Questo aiuto per le famiglie italiane sarà accessibile a coloro che aderiranno a un progetto finalizzato a trovare un lavoro e partirà dal 1° Gennaio 2018. Il reddito di inclusione non sarà una tantum, garantirà un aiuto costante per un massimo di 18 mesi. Vediamo allora in cosa consiste, quali sono i requisiti e come presentare domanda per il reddito di inclusione.

26

Occorrente

  • Modulo di richiesta compilato
36

In cosa consiste il reddito di inclusione

Il reddito di inclusione è diviso in due parti: una cifra erogata ogni mese su un'apposita carta elettronica per 18 mensilità e un progetto pensato per facilitare l'inclusione nel mondo del lavoro e quindi superare l'attuale condizione di povertà. La cifra assegnata può variare in base ai componenti del nucleo familiare: da un minimo di 187 euro per una sola persona ad un massimo di 485 euro per famiglie con cinque o più componenti. Trascorsi i 18 mesi, bisognerà aspettare che siano passati 6 mesi per fare di nuovo richiesta.

46

Chi può richiederlo

Il reddito di inclusione è disponibile per i cittadini italiani e della comunità europea e per i familiari degli stessi che non hanno però la cittadinanza in uno stato comunitario. Per coloro che posseggono il diritto di soggiorno permanente o valido per lungo periodo. È disponibile anche per chi ha richiesto asilo politico e risiede in Italia almeno da due anni. Per ottenere i benefici del reddito di inclusione bisogna avere figli minorenni a carico, figli con problemi di disabilità o mogli a carico in stato di gravidanza. Il reddito di inclusione viene accettato anche in caso ci siano componenti del nucleo familiare di 55 anni che siano disoccupati. L'ultimo requisito riguarda la situazione economica della famiglia. L'isee non dovrà superare i 6.000 euro e il valore del patrimonio immobiliare dovrà essere non superiore ai 20.000 euro (esclusa la prima casa). Il reddito di inclusione verrà erogato nel caso un componente familiare abbia un lavoro, verrà bloccato invece se la famiglia dovesse beneficiare di un altro ammortizzatore sociale.

Continua la lettura
56

Come presentare domanda

Per presentare la domanda bisognerà rivolgersi al proprio comune di residenza. Sarà il comune a comunicare la lista degli enti presso i quali presentare la domanda. Bisognerà compilare quindi il modulo fornito e consegnarlo all'ente in questione. Il modulo della domanda sarà quindi inviato all'Inps entro 10 giorni. L'Inps dovrà poi verificare i requisiti e confermare di poter accedere al reddito di inclusione entro 5 giorni.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione a compilare il modulo nel modo più completo e fornendo informazioni veritiere per non restare esclusi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come presentare la domanda di invalidità civile on line

Al giorno d'oggi chi ha la necessità di presentare una domanda di invalidità civile presso l'INPS, ovvero l'Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale, può farlo anche direttamente on line. Questa modalità è molto semplice e soprattutto comoda...
Previdenza e Pensioni

ASPI: come presentare domanda all'INPS

La disoccupazione è purtroppo un problema estremamente diffuso nel nostro Paese. Grazie alla previdenza sociale è però possibile avere un aiuto in caso di disoccupazione involontaria. Dal 2013 l'INPS può concedere l'ASPI, ovvero il nuovo sussidio...
Previdenza e Pensioni

Come fare la domanda di pensione anticipata

Negli ultimi anni, per merito anche dell'allungamento della vita media, anche l'età pensionabile è stata prolungata fino a 67 anni e 6 mesi. Tuttavia, a partire da gennaio 2012, tutti i lavoratori che hanno un'anzianità contributiva minima hanno diritto...
Previdenza e Pensioni

Pensione anticipata: come fare domanda

APE, Acronimo di Anticipo Pensionistico, si regge in base ad una serie di valutazioni da effettuare prima della sua ricezione. Scopriamo insieme della pensione anticipata come fare domanda. In generale, il lavoratore e l'Inps devono rispettare diversi...
Previdenza e Pensioni

Congedo per paternità: come inoltrare la domanda all'Inps

Molte persone credono che, quando si diventa genitori, tutti i benefici previsti dall'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale e quindi dalle relative aziende dislocate sul territorio nazionale spettino esclusivamente alla madre. Da qualche anno invece,...
Previdenza e Pensioni

Come fare domanda di ricostituzione della pensione

Se abbiamo la necessità di chiedere all’Inps la ricostituzione della pensione, è importante sapere che anche questa operazione è possibile farla online, entrando nel portale dell’ente previdenziale. Si tratta di un lavoro semplice, che evita perdite...
Previdenza e Pensioni

Come si ottengono gli assegni familiari

Gli assegni familiari sono una misura a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato, con contratto a termine, in malattia o in maternità, in cassa integrazione, ai disoccupati con indennità, ai pensionati ex lavoratori dipendenti...
Previdenza e Pensioni

Riscatto anni di laurea: come fare per andare prima in pensione

Ai giorni d'oggi entrare in pensione è sempre più complesso e difficile. Bisogna raggiungere un totale di 40 anni di carriera lavorativa. Inoltre, bisogna avere 67 anni. Considerando che ogni anno viene prorogata l'età per avere la pensione, servono...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.