Come posticipare la data del rogito

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Al momento di effettuare l'acquisto di un immobile, che sia esso ad uso abitativo o ad uso commerciale, viene stilato un contratto "preliminare" nel quale vengono espressamente elencate tutte le clausole d'acquisto. Queste clausole devono essere proposte da entrambe le parti, poi se ritenute conformi, il preliminare deve essere firmato sia dal venditore che dal compratore. A questo punto nasce una sorta di vincolo tra le parti, in quanto entrambe hanno accettato le regole scritte. Ma cosa succede nel caso in cui una di queste regole non possa essere rispettata? Vediamo di seguito alcuni consigli su come posticipare la data del rogito senza per questo cadere in penali.

26

Occorrente

  • Raccomandata da parte del venditore
  • Risposta da parte dell'acquirente
36

Il contratto preliminare per l'acquisto di un immobile, viene redatto seguendo in primo luogo le leggi del mercato e, in secondo luogo, cercando di mettere d'accordo sia le esigenze del venditore sia quelle del compratore. Una volta che questo documento è stato redatto, letto e controfirmato da entrambe le parti, l'acquirente ha l'obbligo di fornire al venditore una sorta di caparra con la quale s'impegna in modo concreto a mantenere fino in fondo l'impegno appena preso. La somma deve essere direttamente proporzionale al costo finale dell'immobile, tale somma viene, nella stragrande maggioranza dei casi, erogata al venditore attraverso assegni personali o circolari.

46

Nonostante però queste regole vengano discusse e decise da entrambe le parti, possono purtroppo intervenire delle motivazioni esterne, non dipendenti da nessuna delle due parti, che mettono a repentaglio la buona riuscita della transazione. Nel caso in cui vi fosse ad esempio la necessità di posticipare la data del rogito, la procedura da tenere è la seguente. Prima di tutto è necessario scrivere una raccomandata nella quale viene riconosciuta da parte del venditore la voglia di rogitare alla data prestabilita ma che però, a causa di problemi esterni, tale data deve essere posticipata. Tale raccomandata deve essere indirizzata per conoscenza a tutte le parti in causa: notaio, acquirente, agente immobiliare nel caso in cui sia presente.

Continua la lettura
56

A questo punto sarà dovere dell'acquirente fornire tutte le spiegazioni del caso, rispondendo così alla raccomandata del venditore con un'altra raccomandata, anch'essa indirizzata per conoscenza a tutte le parti indicate in precedenza. Una volta formalizzato il tutto il venditore può scegliere se accettare o meno i nuovi termini. Per legge, nel caso in cui la data del rogito fosse molto più lontana da quella fissata in precedenza, il venditore può comportarsi come segue: chiedere un risarcimento in denaro, può non accettare i nuovi termini e quindi mandare a monte l'intera procedura trattenendo per se la caparra, oppure accettare tranquillamente i nuovi termini e aspettare l'arrivo della data indicata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Case e Mutui

Come stipulare il rogito notarile

La guida che andremo a sviluppare nei passi che seguiranno, si occuperà di spiegarvi come stipulare il rogito notarile. Alcuni esperti del settore immobiliare, ancora oggi vanno a identificare quest'ultimo come il più solido degli investimenti, nonostante...
Case e Mutui

Come controllare che un rogito abbia la regolarità catastale

Per quanto riguarda la regolarità catastale a partire dal 1° luglio 2010 è entrata in vigore una norma ben precisa, che richiede la verifica della regolarità catastale dei fabbricati prima del rogito. Il notaio dunque dovrà verificare che l’immobile...
Case e Mutui

Come posticipare le rate del mutuo

Un mutuo può, oggi, diventare un problema di tanti. Complice l'attuale crisi, frequenti sono le situazioni spiacevoli che influiscono sulla nostra disponibilità economica. Spese impreviste, calo delle entrate del reddito familiare rappresentano le spiacevoli...
Case e Mutui

Acquisto di un immobile: il compromesso

Il compromesso, generalmente è il contratto preliminare che precede il rogito e, mediante il quale, l'acquirente e il venditore bloccano il prezzo e le varie condizioni, al momento dell'acquisto di un immobile. Aggiungiamo che detto compromesso impegna...
Case e Mutui

Come registrare un preliminare di compravendita immobiliare

Per sapere come registrare un preliminare di compravendita immobiliare (cosiddetto "compromesso") possiamo avvalerci di un consulente, un avvocato, un notaio (necessario per legge nel momento della stipula finale chiamata "rogito") oppure redigere da...
Case e Mutui

Come Calcolare Il Credito Di Imposta Nelle Compravendite

Durante l'acquisto della prima casa sono concesse alcune agevolazioni fiscali, le quali devono rispondere a specifici requisiti previsti dalla legge. Qui potete trovare un approfondimento in merito. In questa guida ci concentreremo tuttavia su come calcolare...
Case e Mutui

Come calcolare le imposte sull'acquisto della casa

Quando decidiamo di acquistare una nuova abitazione, dobbiamo prendere in considerazione una serie di spese oltre al costo dell'immobile, relative a varie imposte e alle procedure necessarie per eseguire il passaggio della proprietà da un soggetto ad...
Case e Mutui

Come risparmiare sulla parcella del notaio nella compravendita di un immobile

Un atto di garanzia viene comunemente adoperato per trasferire l'interesse di un immobile o terreno ad nuovo proprietario, in cambio dell'accordo sul prezzo di vendita. Un atto di garanzia dà la concessione di un acquirente con una doppia garanzia. La...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.