Come percepire l'indennità di mobilità ordinaria o a lunga durata

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Se siamo dei lavoratori e, purtroppo, abbiamo subito un licenziamento da parte di un'azienda che ha alle sue dipendenze più di 15 lavoratori, allora è importante sapere che abbiamo diritto all'indennità di mobilità ordinaria oppure per un periodo più lungo. Ovviamente per poter ricevere questa indennità dovremmo essere in possesso di determinati requisiti che vedremo nei passi successivi. In questa guida, quindi, ci occuperemo di capire nel dettaglio come bisogna procedere per percepire l'indennità di mobilità ordinaria o a lunga durata.

27

Occorrente

  • INPS
  • Documentazione
37

Per prima cosa, qualora fossimo stati licenziati, dovremmo accertarci che il nostro datore di lavoro abbia comunicato all'ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione, il nostro licenziamento, mediante un resoconto preciso che contenga anche quelle che sono le motivazioni per cui abbiamo subito tale licenziamento. A questo punto dobbiamo precedere con l'iscrizione alle liste di mobilità del collocamento, anche se questa procedura dovrebbe avvenire automaticamente. Successivamente rivolgiamoci all'ente di previdenza sociale di nostra competenza.

47

L'INPS, in questo caso, ci dirà se possiamo essere dei beneficiari dell'assegno di mobilità qualora fossimo stati de lavoratori a tempo indeterminato, ma anche se si è giunti a un esaurimento della cassa integrazione straordinaria, se l'azienda ha subito una trasformazione e se c'è stata una cessazione da parte della ditta per quanto riguarda la sua attività lavorativa. È bene sapere che queste regole valgono anche se facevamo parte di personale viaggiante.

Continua la lettura
57

Non possiamo invece beneficiare dell'assegno se eravamo dei lavoratori assunti mediante un contratto a tempo determinato, se ci siamo dimessi di nostra spontanea volontà, se abbiamo raggiunto i limiti di età lavorativa, se eravamo un dirigente, se avevamo il contratto di apprendista o di formazione al lavoro o se eravamo giornalista. Teniamo presente che dovremmo avere dei precisi requisiti per usufruire di questo beneficio e quindi, come si è detto, l'iscrizione alle liste di mobilità, l'anzianità lavorativa di almeno 12 mesi con la ditta e almeno 6 mesi di attività lavorativa effettiva. Quello che dobbiamo fare è presentare la domanda in maniera autonoma oppure tramite patronato, allegando una fotocopia della lettera di licenziamento: questo deveessere fatto entro e non oltre 68 giorni dalla data di quest'ultimo.

67

Come avrete capito, effettuare questa pratica non è complesso, tuttavia occorre prestare molta attenzione, in quanto se non si possiedono i requisiti non si avrà diritto ad alcuna indennità. Ad ogni modo, prima di procedere, verificate di essere del tutto in regola: per essere sicuri, potete rivolgervi a un consulente del lavoro, al sindacato oppure direttamente all'INPS.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Verificate di essere in regola prima di presentare domanda
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come chiedere l'indennità di invalidità per i dipendenti pubblici

Se siamo dipendenti pubblici e abbiamo subito un infortunio che non ci permette di svolgere la nostra attività, dobbiamo sapere che esiste una procedura che ci consente di ottenere l'invalidità permanente, ovviamente sempre nel caso in cui ci siano...
Previdenza e Pensioni

Indennità di accompagnamento: i criteri secondo INPS

Cos'è l’indennità di accompagnamento? Chi ha titolo per farne richiesta e quali criteri vengono adottati dall'INPS per vagliare le domande e garantire il sussidio agli aventi diritto? Proprio a queste domande troverete risposta nella guida a seguire....
Previdenza e Pensioni

Come richiedere l'indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Con la legge Fornero ci sono state moltissime novità nel mondo del lavoro, sia sulla regolamentazione, sia sulla possibilità di chiedere molti ammortizzatori sociali. Tra tutti questi è stata introdotta una sorta di Assicurazione sociale per l'impiego,...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere l'assegno di disoccupazione con requisiti ridotti

L'assegno di disoccupazione con requisiti ridotti è un'indennità rivolto ai lavoratori che hanno cessato il rapporto di lavoro e che non soddisfano i requisiti per beneficiare dell'indennità ordinaria di disoccupazione. L’indennità di disoccupazione...
Previdenza e Pensioni

Cos’è la cassa integrazione

Fra le politiche passive del lavoro si trova la cassa integrazione, facente parte degli strumenti volti alla concessione di un'indennità economica che vengono erogati nel caso in cui un'azienda ponga fine al rapporto di lavoro di uno o più dei suoi...
Previdenza e Pensioni

Dis-Coll: cos'è e come funziona

La Dis-Coll è l'indennità di disoccupazione concessa ai lavoratori con rapporto di collaborazione coordinato e continuativo (più conosciuti come co. Co. Co. E co. Co. Pro.) istituita all'art.15 del Decreto di attuazione del Jobs act n.22/2015. Questa...
Previdenza e Pensioni

Come fare per richiedere la disoccupazione Aspi

Quando ci si trova nella condizione di disoccupazione, uno degli ammortizzatori sociali a cui si può ricorrere è sicuramente l'ASPI (Assicurazione Sociale Per l'Impiego). Introdotta nell'ordinamento italiano dalla riforma Fornero ed entrata in vigore...
Previdenza e Pensioni

Sussidio di disoccupazione co.co.pro.: come richiederlo

Dal 1 maggio 2015 è entrata in vigore una nuova forma di indennità, prorogata dalla Legge di Stabilità 2016, che rende possibile la richiesta dell'assegno di disoccupazione anche per i lavoratori co. Co. Pro., ovvero titolari di un contratto a progetto,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.