Come ottenere l'assegno familiare nella Provincia di Bolzano

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La Provincia di Bolzano mette a disposizione degli assegni familiari per contribuire all'economia delle famiglie, sostenendoli nelle spese per la cura e l'educazione dei bambini per i primi 3 anni di vita (per i figli adottivi i 36 mesi si calcolano dalla data del provvedimento di adozione o affidamento).
Ecco come richiedere e ottenere l'assegno familiare e quali documenti occorre presentare.
Per ulteriori informazioni si consiglia di controllare la pagina dedicata nel sito della provincia.

26

Per richiedere l'assegno familiare occorre rispettare determinati requisiti. La provincia di Bolzano ha stabilito che:
1. L'assegno può essere chiesto per i figli fino ai 3 anni di età (36 mesi) o per 3 anni a partire dalla data di affidamento o adozione; il bambino deve convivere con il richiedente e far parte del suo stato di famiglia.
2. Occorre essere residenti da almeno 5 anni in Alto Adige o avere una residenza storica di 15 anni, di cui almeno uno antecedente la domanda; se si è cittadini stranieri con la residenza all'estero occorre certificare un rapporto di lavoro con la provincia.
3. Il reddito e il patrimonio familiare deve essere inferiore agli 80mila euro annui, al di là del numero dei componenti.

36

I documenti necessari per accedere al servizio sono quelli anagrafici e quelli relativi ai redditi e ai patrimoni della famiglia:
1. Occorre presentare lo stato di famiglia e tutti i documenti che attestano l'età del figlio per cui si richiede il contributo.
2. Nel caso di figlio adottivo, è necessario portare anche i documenti che attestino l'affidamento o l'adozione.
3. Per calcolare il reddito e il patrimonio familiare l'unico documento valido è il DURP (documento unificato di reddito e patrimonio) le cui informazioni sono reperibili alla pagina dedicata sul sito della provincia.

Continua la lettura
46

Per ottenere il DURP (dichiarazione unificata di reddito e patrimonio) occorre presentarsi presso un patronato (l'elenco è disponibile al seguente link o in questo pdf) con i documenti relativi a tutti i redditi familiari e ai patrimoni (immobiliari e riguardanti la situazione bancaria) di tutti i componenti. Nello specifico:
- Stato di famiglia, con codici fiscali di tutti i componenti;
- Ultima dichiarazione dei redditi (relativa ai redditi di due anni prima se prima del 30 giugno e dell'anno precedente a partire dal 1° luglio) di tutti i componenti familiari; in alternativa si può presentare il CUD, sempre di due anni prima se prima del 30 giugno e dell'anno precedente a partire dal 1° luglio;
- Situazione immobiliare: rogito delle proprietà immobiliari;
- Documenti bancari: estratto conto al 31 dicembre dell'anno precedente e giacenza media (da richiedere alla vostra banca); eventuali documenti riguardanti mutuo e altri prestiti, con il riferimento agli interessi pagati (sempre forniti dalla vostra banca)
- Se si vive in affitto, contratto di locazione in cui è indicato il canone annuo.

56

La domanda va presentata solo nel momento in cui si possiedono tutti i requisiti. Se presentata entro l'anno di nascita o adozione/affidamento del bambino verranno corrisposte anche le mensilità precedenti alla domanda. Se invece la domanda è presentata oltre l'anno, il contributo sarà percepito a partire dal mese successivo alla domanda stessa.
Per ogni nascita, adozione e affidamento occorre presentare una domanda (non è possibile, quindi, fare una domanda cumulativa), ognuna delle quali avrà 3 anni di validità.

La domanda deve essere presentata esclusivamente presso un patronato (l'elenco è disponibile al seguente link o in questo pdf), che provvederà a trasmetterla all'Agenzia ASSE. Il servizio di presentazione della domanda è totalmente gratuito.

66

L'assegno familiare corrisponde a 200€ mensili per ogni figlio avente diritto al contributo. Viene versato, in rate mensili posticipate, direttamente sul conto corrente bancario o postale indicato al momento della domanda oppure corrisposto tramite assegno bancario (il cui importo, tuttavia, non può superare i 1000€; in quel caso occorre necessariamente fornire un numero di conto bancario o postale).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come compilare e incassare un assegno

Esistono, come ben saprai, due tipi di assegni, quello denominato bancario e quello definito circolare. Quando compili un'assegno bancario o ne ricevi uno in pagamento, oppure richiedi l'emissione di un assegno circolare, ti trovi tra le tue mani due...
Finanza Personale

5 cose da sapere sull'assegno di mantenimento

L'assegno di mantenimento, non è altro che un vero e proprio provvedimento di tipo economico che viene istituito da un giudice nel caso in cui vi sia una separazione tra due coniugi. L'assegno di mantenimento, condiste nel versamento da parte di un coniuge...
Finanza Personale

Cosa fare in caso di assegno scoperto

L'assegno rappresenta un mezzo di pagamento largamente utilizzato al giorno d'oggi. La legge italiana determina che per ingenti somme di denaro non si può effettuare un pagamento in contanti. Come ogni cosa, ovviamente, questo metodo di pagamento presenta...
Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario

L'assegno bancario è un utilissimo strumento di pagamento che può essere impiegato in sostituzione del denaro contante. Ma ai fini per contrastare il fenomeno del cosiddetto "denaro sporco, nel 2007, sono state introdotte norme più stringenti in funzione...
Finanza Personale

Assegno circolare invalido: 5 cose da sapere

In materia e nell'ambito dei titoli di credito, l’assegno circolare è pagabile a vista (ovvero, all'atto della presentazione del titolo) e contiene la promessa da parte di un istituto bancario (denominato emittente) di pagare un determinato importo...
Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario non trasferibile

Conseguentemente ad una norma contenuta nella Legge di Stabilità il limite per pagamenti in contanti è stato fissato a 3000 €. Questa manovra è stata fatta al fine di incentivare i consumi e porre fine ad un vero e proprio "terrore" fiscale. Resta,...
Finanza Personale

Come fare il bilancio familiare

Con la crisi che si riscontra da qualche anno bisogna prestare attenzione a quelle che sono le entrate e le uscite in merito alle spese. Bisogna fare attenzione a quanto si spende durante il mese perché si rischia di far fronte a debiti e di conseguenza...
Finanza Personale

Come incassare un assegno bancario

In questi ultimi anni l'utilizzo dei contanti è diminuito in modo notevole a favore di metodi di pagamento come il bancomat, la carta di credito e le carte prepagate (utilizzate soprattutto per gli acquisti in rete). Anche se introdotto da molto tempo,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.