Come ottenere l’assegno di maternità

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La nascita di un bambino, o l'arrivo di un piccolo bimbo adottato, è un evento bellissimo che riempie sempre tutte le famiglie di grande gioia. Questo evento, però, diciamolo pure, comporta dei costo non indifferenti, perché come ben sappiamo i bambini, soprattutto nella prima infanzia, hanno bisogno di pappine, pannolini, omogeneizzati ecc., e se a questo, uniamo il problema, che uno dei due genitori, si trova il lavoro ridotto, in quanto deve prendersi cura del bebè, ci rendiamo conto di quanto sia difficile arrivare a fine mese. Per ovviare a questo problema, il Comune di residenza o lo Stato vengono incontro, specie per le famiglie più disagiate, in modo da rendere questo periodo della vita famigliare, un po' più sereno. Naturalmente toccherà alla famiglia interessata, preoccuparsi per tempo e informarsi su come fare a ottenere l'assegno di maternità.

25

Tuttavia, si fa sempre più confusione, tra bonus bebè e assegni di maternità. Vediamo di chiarire un po' la differenza; Il bonus bebè, è solitamente gestito dalle regioni e quindi varia da una regione all'altra, mentre gli assegni famigliari vengono erogati, dallo Stato o dal Comune e solo se un nucleo famigliare è in possesso di requisiti specifici, per farne richiesta. A questo punto, per evitare altra confusione, in questa sede, ci soffermeremo solo sugli assegni famigliari, Statali e Comunali e su come richiederli. Facciamo subito due distinzioni, in assegni famigliari da richiedere al Comune di appartenenza e assegni famigliari da richiedere allo stato (INPS).

35

Diciamo pure che l'Assegno familiare, generalmente devoluto dal Comune di appartenenza, è un contributo economico, per sostenere la maternità. Aggiungiamo che detto sussidio economico, è concesso per un periodo di cinque mesi, ad ogni bambino nato, dato in affidamento preadottivo o adottato, a famiglie con un reddito che non superi il limite stabilito dalle tabelle ISE. L'assegno comunale non è cumulabile, con l'assegno statale e, per poterlo richiedere, ci si deve rivolgere al Comune di appartenenza, entro sei mesi dalla nascita del bambino, o dall'arrivo in famiglia del bimbo adottato. Inoltre si dovranno compilare dei modelli a cui allegare i documenti in esso richiesti. Se la richiesta verrà accettata, il contributo, sarà erogato dall'INPS.

Continua la lettura
45

L'assegno statale, è una sovvenzione, che la madre lavoratrice, o disoccupata, può richiedere, all'INPS. La richiesta va inoltrata all'INPS, entro un termine massimo di sei mesi dalla nascita del bambino o dall'ingresso in famiglia, di un minore adottato. Come specificato in precedenza, i due contributi statale e comunale, non si possono cumulare. Sicuramente questi assegni potranno alleggerire il peso economico, che comporta l'arrivo di un bebè.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • -Ricordatevi di farne richiesta entro sei mesi-Rivolgetevi ad un C A F (centro assistenza fiscale) per farvi aiutare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Come compilare la domanda per assegni familiari

L'assegno per il nucleo familiare non è altro che un sussidio rivolto ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, il cui reddito complessivo ricade nelle fasce inferiori stabilite per legge. Altre categorie di lavoratori a cui spetta sono: i disoccupati...
Lavoro e Carriera

Assegno di maternità: come ottenerlo

È bene sapere che, quando nasce un bambino, la madre dopo il parto, può richiedere per un determinato tempo, presso il comune di residenza, entro sei mesi dalla nascita del piccolo, un assegno di maternità a carico dello Stato che sarà poi erogato,...
Finanza Personale

Come calcolare gli assegni famigliari

Il termine “assegni famigliari” è quello che comunemente si utilizza per indicare l'ANF, Assegno Nucleo Familiare. Esso è una prestazione previdenziale che viene erogata al lavoratore dipendente nel periodo della sua attività lavorativa oppure...
Richieste e Moduli

Assegni familiari: 5 cose da sapere

Gli assegni familiari sono un incentivo dell'INPS a favore di famiglie di particolari categorie di lavoratori. Se il reddito di tale lavoratore va sotto una certa soglia prevista per Legge, l'INPS è pronta a firmare tale assegno. Negli ultimi tempi si...
Richieste e Moduli

Consigli per la corretta richiesta degli assegni familiari

Gli assegni familiari vengono generalmente richiesti dal capofamiglia, costituiscono una sorta di incremento del proprio stipendio in relazione al numero di figli che si possiedono, e a determinati requisiti. Un supporto che può rivelarsi molto utile...
Richieste e Moduli

Come compilare il modulo di maternità obbligatoria INPS

Il momento più bello della vostra vita è arrivato, finalmente siete in dolce attesa e dovete conciliare il lavoro con la maternità. All’inizio è facile e non avete nessun problema, ma quando il pancione inizierà a crescere non potrete più svolgere...
Richieste e Moduli

Come richiedere gli arretrati degli assegni familiari

Gli assegni familiari vengono assegnati solo quando il reddito familiare non supera determinati limiti e spettano ad alcune categorie specifiche. L'assegno familiare può essere incluso direttamente nella busta paga dal datore di lavoro, altrimenti può...
Aziende e Imprese

Come annotare le retribuzioni in partita doppia

Se ti trovi in questa pagina significa che sei alle prese con un libro giornale ed una partita doppia, e sia che tu sia uno studente in cerca di aiuto e suggerimenti per capire il procedimento e prendere un bel voto a scuola, sia che tu sia alle prese...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.