Come ottenere il rimborso del canone d'affitto

Tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

La stipula di un contratto d’affitto, regolarmente sottoscritto e registrato, può dare origine a diverse agevolazioni. Una di queste viene concessa dall’Agenzia delle Entrate sotto forma di detrazioni d’imposta. Un'altra viene offerta dal proprio comune di residenza come contributo integrativo del canone di locazione. Infine, la terza agevolazione viene offerta come rimborso dell’importo versato indebitamente. Vediamo insieme come ottenere il rimborso del canone d'affitto.

29

Occorrente

  • Modello ISEE
  • Modello UNICO o 730
  • Contratto d'affitto
39

La compilazione del modello Unico

Per ottenere il rimborso del canone d'affitto è necessaria la compilazione del modello Unico, o del 730. Per averne diritto, il richiedente deve possedere determinate una serie di caratteristiche indispensabili per la corretta compilazione del modulo. Tra queste troviamo il possesso di un contratto d’affitto a canone convenzionato e un reddito totale non superiore 30.987,41€. Inoltre, altra importante caratteristica è risultare un lavoratore dipendente che, per motivi di lavoro, ha cambiato la propria residenza trasferendosi in un Comune vicino alla sede lavorativa (o nello stesso comune della sede).

49

Requisiti in qualità di inquilino a basso reddito

Se risulti un inquilino a basso reddito con un contratto d'affitto per abitazione principale e vuoi ottenere il rimborso del canone d'affitto, avrai diritto ad una detrazione di 300€ nel caso in cui il tuo reddito annuale complessivo non superi i 15.493,71€. L'importo si ridurrà a 150€ se risulti possessore di un reddito totale compreso tra 15.493,71€ e 30.987,41€. Nel caso tu abbia firmato un contratto d’affitto convenzionato, la tua detrazione sarà di 495,80€ se possiedi un reddito massimo di 15,493,71€. L'importo scenderà a 247,90€ nel caso in cui il tuo reddito oscillasse tra i 15.493,71€ e i 30.987,41€. Oltre a tale importo non avrai diritto a nessun beneficio fiscale.

Continua la lettura
59

Requisiti in qualità di lavoratore dipendente

Se sei un lavoratore dipendente e hai dovuto trasferire la tua residenza nel comune di lavoro, potrai ottenere come rimborso del canone d'affitto 991,60€, nel caso in cui possedessi un reddito di 15.493,71€. L'importo scende a 495,80€ se dichiari redditi tra i 15.493,71€ e i 30.987,41€. Ma attenzione: non dimenticare che questi vantaggi ti verranno concessi solo se la tua nuova residenza risulta in un’altra regione o comunque ad una distanza non inferiore a 100 km dalla precedente.

69

Requisiti in qualità di studente universitario

Se sei uno studente universitario fuori sede, potrai detrarre dalla tua dichiarazione dei redditi il 19% dell’importo dell’affitto. Tale importo, però, non deve superare la cifra di 2.633,00€. Attenzione: tale diritto varrà solo se il contratto d’affitto si riferisce ad una casa con ubicazione nello stesso comune (o in uno vicino) dell’università da te frequentata.

79

Le modalità di ottenimento del rimborso

Il rimborso dell’importo dell’affitto può avvenire come contributo ad integrazione del canone. In questo caso sarà il comune di residenza, tramite un bando di concorso, ad individuare gli aventi diritto valutando la loro situazione reddituale. A tale proposito, dovrai compilare un modulo di richiesta predisposto con i tuoi dati anagrafici, disponibile presso gli uffici comunali. Successivamente dovrai allegare il modello ISEE in cui attesti il valore complessivo del tuo patrimonio e specificare il tipo di contratto d’affitto redatto nonché l’importo complessivo del canone. Il comune provvederà a stabilire se avrai diritto o meno al contributo. Nel caso in cui ne avessi diritto, verrai avvisato per tempo a proposito dell'ammontare dell'importo. Abbiamo terminato la nostra guida su come ottenere il rimborso del canone d'affitto. Per ulteriori informazioni consultate il link: http://www.laleggepertutti.it/142908_come-ottenere-la-restituzione-dei-canoni-di-affitto.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Conserva la copia di tutta la documentazione attestante la tua richiesta di rimborso del canone d'affitto. Potrebbe tornare utile in casi di ulteriori chiarimenti da parte delle autorità competenti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Richieste e Moduli

Le caratteristiche del contratto di affitto a canone concordato

La legge italiana prevede una serie di tipologie contrattuali relative all'affitto di locali ad uso abitativo. Ciascuna di queste corrisponde ad un'esigenza specifica a tutela del locatore e dell'affittuario, con precise disposizioni e conseguenti agevolazioni....
Richieste e Moduli

Come fare la contestazione di adeguamento Istat del canone di locazione

Il canone d'affitto è quella somma di denaro che l'inquilino deve corrispondere al padrone di casa per usufruire di un immobile. A volte, deve anche pagare un deposito cauzionale, se scritto sul contratto, a titolo di garanzia. Ma l'inquilino, cioè...
Richieste e Moduli

Come detrarre le spese dell'affitto

Quando si avvicina il periodo della dichiarazione dei redditi, la grande preoccupazione è quella di racimolare tutte le ricevute delle spese sostenute durante l'anno precedente, per poi metterle in detrazione. Tra queste spese possono essere messe anche...
Richieste e Moduli

Come garantire il pagamento dell'affitto

Cominciamo col dire che l'attuale situazione economica del nostro Paese ha influito molto sul mercato immobiliare che sta attraversando un periodo non eccezionale. Infatti, la maggioranza delle persone sta vivendo una situazione lavorativa sempre più...
Richieste e Moduli

Come cambiare l'intestazione del canone Rai

Il canone RAI è una tassa che è stata introdotta negli anni '50 quando in Italia nacque la prima televisione. L'unica cosa buona è che è possibile chiedere l'esonero di questa inutile spesa, dichiarando di non essere in possesso di alcun apparecchio...
Richieste e Moduli

Come disdire il canone speciale Rai

Il canone speciale Rai è diretto a tutti coloro che detengono uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radio televisive fuori dall'ambito familiare, rivolgendosi quindi ai proprietari di esercizi pubblici o locali aperti...
Richieste e Moduli

Come richiedere l'esenzione del canone RAI

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, a capire come e cosa fare per poter richiedere l'esenzione del canone Rai, in maniera tale da non doverlo pagare e non incorrere, quindi, in delle multe, che potrebbero essere anche molto elevate...
Richieste e Moduli

Come richiedere il rimborso del ticket sanitario

Come tutti sappiamo ognuno di noi ha l'obbligo di partecipare in parte alle spese sanitarie per prestazioni erogate dal sistema sanitario nazionale. Quindi, in tutti i casi in cui ci sottoponiamo a visite specialistiche, esami di diagnostica o di analisi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.