Come migliorare la performance di un'azienda

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Come ognuno che possiede un'azienda sa, non è sempre una passeggiata avere dei discreti livelli di efficienza. Spesso infatti, per i più svariati problemi, sia noi che i nostri dipendenti possiamo influire negativamente sulle performance dell'azienda. Pochi però sanno che anche piccoli accorgimenti che costano pochi sforzi, possono avere risultati ottimi nel breve e nel lungo tempo nei profitti della nostra azienda. In questa guida vedremo di occuparci, nel modo più esauriente e completo possibile per migliorare l'efficienza, offrendo vari consigli validi per la maggior parte di esse.

24

Ottenere l'appoggio di persone fidate

Migliorare la performance aziendale vuol dire semplicemente, cercare di migliorarne la gestione, i risultati dal punto di vista economico e anche l'assetto patrimoniale. Appoggiarsi al lavoro di persone assolutamente fidate da questo punto di vista può certamente essere un buon punto di partenza per garantire una buona efficienza dell'azienda stessa; dovete cercare di ottenere il miglior personale possibile, e possibilmente condividere un ottimo rapporto di fiducia e rispetto reciproco.

34

La regola d'oro della gestione di un'azienda

Per quanto concerne la fase di miglioramento dal punto di vista gestionale, la regola d'oro è certamente quella di fare sempre le scelte giuste. Ricordiamoci che il cuore della nostra azienda è rappresentato da tutti i collaboratori che ne fanno parte. Stare attenti alla produttività e alla competenza, specialmente mantenute nel tempo, è fondamentale. Dobbiamo sempre circondarci di collaboratori di valore. Valutato, infatti, ciò in cui credono gli imprenditori che stanno in "vetta" all'azienda, è necessario accostargli collaboratori che ne siano completamente in sintonia. In questo modo non si creano "intoppi" di nessun genere e si può contare seriamente su un incremento dei valori aggiunti per l'azienda e per la sua crescita.

Continua la lettura
44

Considerazioni sul personale

Non tralasciamo assolutamente nessuna figura professionale poiché ogni ruolo, all'interno di una "catena" risulta di fondamentale importanza. Una volta preso in considerazione il cosiddetto BEP (ovvero il livello di produttività necessaria), è estremamente importante fare una distinzione tra coloro che possono essere considerati collaboratori validi e quelli che, fatte le somme, non risultano particolaremente validi. Consideriamo che il collaboratore valido porta soluzioni, è veloce, prima fa e poi chiede, motiva contrariamente ad un collaboratore demotivato, aspetto molto grave se consideriamo il fatto che per lavorare al meglio è necessario un ambiente in cui la motivazione sia l'obiettivo di tutti coloro che ne fanno parte. Fatte queste considerazioni e mettendole in atto, potrete trovare un cambiamento positivo nell'azienda.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Aziende e Imprese

Il trasferimento dell’azienda e del ramo d’azienda: la normativa

Per azienda si intende il complesso dei beni organizzati da un imprenditore per l'esercizio dell'attività di impresa. In determinati casi può accadere che l'azienda, o una parte di essa, venga ceduta ad altro imprenditore per la continuazione dell'esercizio...
Aziende e Imprese

Come creare liquidità in azienda

Ogni azienda ha la necessità di conservare una determinata quantità di denaro in contanti. Questo avviene in funzione del fatto che essa deve poter finanziare le operazioni in corso e pagare tutte le obbligazioni imminenti in un breve arco di tempo....
Aziende e Imprese

Come vendere una piccola azienda

A volte può succedere di dover vendere una piccola azienda; questa operazione può rivelarsi più semplice di quello che si crede. Infatti, basta adottare la massima accortezza nelle varie fasi di vendita per ottenere un ottimo risultato sia per chi...
Aziende e Imprese

Sprechi in azienda: consigli per evitarli

La gestione delle spese in un azienda è molto importante, soprattutto per i piccoli imprenditori i quali non sempre hanno abbastanza fondi per mantenere attiva l'azienda indipendentemente dai guadagni. La gestione degli sprechi è uno dei punti fondamentali...
Aziende e Imprese

Come gestire un'azienda

In tempi di crisi, le aziende stanno attraversando dei momenti davvero bui. Quello che può salvarle non sono soltanto i fondi o i guadagni, ma anche una buona probabilità di sopravvivenza e di ripresa, che derivano, senza dubbio, da una buona gestione....
Aziende e Imprese

Come salvare un'azienda sull'orlo del fallimento

Gli imprenditori compiono degli enormi sforzi per le aziende che formano, sia personali che finanziari. Ecco che è per questo motivo che può essere particolarmente preoccupante quando un'azienda deve presentare istanza di fallimento per cancellare i...
Aziende e Imprese

Come gestire un trasferimento d'azienda

Il trasferimento d’azienda si attua quando viene sostituito il titolare della stessa. Il procedimento prevede diverse operazioni quali cessione, donazione, conferimento, affitto, usufrutto, ed infine fusione e scissione. Ogni operazione citata prevede...
Aziende e Imprese

Come Gestire la vendita di merci in un'azienda

Alcune imprese svolgono come attività principale quella legata alla vendita di merci, che possono essere o acquistate da altre ditte per poi essere rivendute, o possono anche essere prodotte direttamente dall'azienda, nel caso in cui si tratti anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.