Come iscriversi alla gestione separata dell'Inps

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Una volta che si inizia un'attività come lavoratori parasubordinati oppure autonomi, occorre iscriversi alla denominata "Gestione Separata" dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, cioè INPS. Esso costituisce il fondo della pensione dove vengono accantonati i contributi di quelli che hanno un contratto di collaborazione a progetto, di certe tipologie di professionisti con la partita IVA, ed inoltre anche di lavoratori autonomi occasionali con un reddito all'anno maggiore di euro 5.000. Nei seguenti passi, vedremo in modo particolare come iscriversi alla gestione separata dell'INPS.

25

Reperire l'apposito modulo

L'iscrizione dovrà essere fatto chiaramente presso la vostra sede dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale e, in base all'articolo 2 del comma 25, comma 26 e comma 27, della Legge n°335/1995, quando si comincia un'attività in qualità di collaboratore oppure anche in autonomia, avrete solo 30 giorni per poter mettere in regola la vostra posizione lavorativa registrandovi appunto alla Gestione Separata. Per fare la suddetta domanda, dovrete compilare un modulo apposito. Esso è identificato con un codice che è il n° "SC04", lo troverete disponibile in forma cartacea, oppure lo potrete trovare in tutti gli uffici INPS, ma anche sul vostro sito web direttamente. Chiaramente dovrete aver avuto il vostro codice personale PIN, inserendo anche il vostro codice fiscale, oppure dovrete avere una Carta Nazionale dei Servizi.

35

Compilare il modulo

A questo punto potrete andare nell'area dei servizi che vi offre l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, anche se non avete il codice PIN, quindi senza autenticazione. In tal caso, dovrete compilare e mandare la domanda all'INPS ed in seguito, dovrete aspettare il contatto telefonico degli operatori. Essi avranno assolutamente l'obbligo di verificare i dati che fornirete voi stessi. In seguito, sul modulo di carta che avrete a disposizione, dovrete andare ad inserire i vostri dati anagrafici, cioè cognome, nome, codice fiscale, la vostra data di nascita, il telefono, l'indirizzo, numero di cellulare, di casa ed anche l'email se ne siete in possesso. Inoltre, dovrete anche inserire il giorno che avete iniziato a fare il vostro lavoro, come esercizio. Dovrete inoltre dichiarare, se siete dei professionisti con la partita IVA, o se operate come collaboratori o di simili attività.

Continua la lettura
45

Presentare il modulo agli uffici dell'INPS

Una volta che avrete compilato tutto il modulo, lo dovrete andare a presentare agli uffici direttamente dell'INPS, e dovrete anche precisare, alla vostra sede di competenza, ovvero dove avete la residenza (se siete lavoratori autonomi), o quella dove si trova la società o l'azienda presso la quale iniziate a lavorare, (se siete collaboratori oppure se svolgete altre attività molto simili).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Previdenza e Pensioni

Come richiedere la rateizzazione all'Inps

In un periodo di crisi come questo, non è insolito trovarsi ad affrontare piccoli o grandi problemi di liquidità. Tutto questo è purtroppo valido per tanti cittadini, nonché per le imprese che, per rispettare tutte le scadenze, spesso si trovano a...
Previdenza e Pensioni

Come richiedere il cumulo dei contributi all'INPS

Se nel corso della nostra vita lavorativa abbiamo lavorato presso più gestioni previdenziali, come ad esempio la gestione pubblica e l’INPS, abbiamo la possibilità di richiedere il cumulo dei periodi assicurativi tra le diverse gestioni. Il cumulo,...
Previdenza e Pensioni

Come ottenere il Pin INPS dispositivo

L'INPS è un dispositivo atto alla gestione ed erogazione delle pensioni. L'iscrizione a questo ente è, pertanto, fondamentale, se si ha intenzione di versare i contributi che serviranno per la pensione. Ognuno ha un proprio account Pin INPS che, come...
Previdenza e Pensioni

5 cose da sapere sulla busta arancione dell'INPS

A partire dall’anno 2016, l’INPS sta inviando a casa dei lavoratori iscritti alle gestioni assicurative del fondo lavoratori dipendenti FPLD, dei lavoratori autonomi come commercianti e artigiani, e delle gestioni separate, la busta arancione. Questa...
Previdenza e Pensioni

Come fare il calcolo dei contributi INPS

Versare i contributi è un obbligo del datore di lavoro e, vanno versati ad Enti preposti, come per esempio l'INPS. Tali contributi vengono certificati nel Modello CUD, che sostituisce la denuncia individuale delle retribuzioni corrisposte. Le aliquote...
Previdenza e Pensioni

MyINPS: cos'è e come si usa

Il progetto di ammodernamento e semplificazione dei servizi al cittadino ha spinto le amministrazioni comunali, le anagrafi, gli istituti scolastici ecc ecc, a migliorare in maniera evidente la comunicazione via web. Questa "ristrutturazione" virtuale...
Previdenza e Pensioni

Come recuperare il PIN INPS smarrito

Il pin Inps consiste in un codice segreto alfanumerico di 8 cifre, e consente l'accesso all’area riservata del sito INPS. Qui è possibile, dopo essersi autenticati, accedere a determinati servizi personali, come ad esempio il controllo del proprio...
Previdenza e Pensioni

Contributi INPS non versati: sanzioni e prescrizione

I contributi INPS si dovrebbero versare sempre rispettando i termini stabiliti. Le scadenze si basano sugli importi e sul tipo di attività che si esercita. Un mancato pagamento dei contributi pota inevitabilmente ad alcune sanzioni amministrative. L'INPS...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.