Come iniziare al meglio l'anno lavorativo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

All'interno della presente guida, come avrete già compreso attraverso la lettura del titolo che contraddistingue l'argomento principale della guida stessa, andremo a parlare di lavoro. Nello specifico, ci concentreremo su Come iniziare al meglio l'anno lavorativo.
Sembrerà davvero banale, ma alcuni consigli per riuscire a prendere per il verso giusto un nuovo anno lavorativo che arriva è quello di cogliere i risvolti positivi che esso potrà mostrare nello sviluppo della nostra vita di tutti i giorni.

26

Un principio cardine è il volersi migliorare.
Questa volontà nasce come una necessità per qualsiasi lavoratore, non solo se come occupazione si ha un'attività personale avviata. Per migliorarsi serve porsi degli obiettivi nuovi, che però devono essere raggiungibili, ben calibrati. Il miglioramento dovrà toccare tutti quegli aspetti che non ci hanno soddisfatto nell'anno precedente, e che riteniamo possano essere migliorati attraverso un maggior impegno e una maggiore preparazione personale.
Senza nuovi obiettivi, ogni anno lavorativo che passa sarà esclusivamente il nastro di un film già visto, e ci porterà alla monotonia, facendoci seriamente rischiare di entrare inconsciamente in uno status personale di appagamento, che è l'anticamera del basso rendimento, con tutte le conseguenze lavorative e extra lavorative che potrebbero verificarsi in questo caso.

36

Abbassa il tuo livello di stress.
Lo stress accompagna qualsiasi lavoratore che abbia a cuore il proprio operato. Molto spesso, senza prestarci attenzione, andiamo a crearci noi i presupposti per alimentare questo stress, creandoci un ambiente lavorativo pieno di confusione. Per questo, un buon proposito per l'anno lavorativo che sta per cominciare, è quello di stare molto attenti a tenere ben ordinato il nostro ambiente lavorativo, specialmente per chi lavora in ambienti come gli uffici. Quella mole stratosferica di documenti, accumulati tra loro sopra le scrivanie, senza un dovuto ordine creano solamente panico e confusione, alimentando il nostro stress lavorativo. Questo succede perché il nostro cervello lavora per immagini mentali, e se noi riproduciamo il caos nel nostro ambiente lavorativo, alimenteremo sempre di più lo stress una volta giunti in sede lavorativa.

Continua la lettura
46

Trova del tempo per te.
Sì, questo è obbligatorio, perché noi non siamo nati per lavorare, ma siamo nati anche per lavorare. Il lavoro non è tutto, e se non riuscissimo a trovare degli svaghi esterni, anche una volta chiusa la giornata lavorativa, non faremmo altro che continuare ad analizzare nella nostra testa ciò che è accaduto a lavoro, senza ottenere un effettivo distacco tra una giornata lavorativa e l'altra.
Fate sport, vi aiuterà a ottenere questo distacco ed a sentirvi meglio da svariati punti di vista, il che non potrà che giovare con il vostro rendimento lavorativo.

56

Guarda il video

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lavoro e Carriera

Come affrontare il calo di rendimento di un dipendente

Ci sono diverse strategie a cui un’azienda può ricorrere per far ritrovare al dipendente l’entusiasmo e le motivazioni perdute, ottenendo dallo stesso prestazioni ottimali. Nella seguente guida, infatti, con pochi e semplici passaggi, vi illustrerò...
Aziende e Imprese

Come funziona la retribuzione nel contratto a chiamata

Nell'ambito dei contratti di lavoro di tipo occasionale, esiste il "contratto a chiamata". Denominato anche "contratto a intermittenza" oppure "job on call". Si tratta di un tipo di contratto di lavoro di introduzione piuttosto recente. Si disciplina...
Lavoro e Carriera

Come Utilizzare I Buoni Lavoro

I buoni lavoro sono un metodo di pagamento per il lavoro occasionale, cioè prestazioni lavorative svolte al di fuori di un normale contratto di lavoro, cioè in maniera saltuaria o non continuativa, quali possono essere le prestazioni lavorative svolte...
Aziende e Imprese

Lavoro: come pagare le piccole collaborazioni con i voucher

Con la legge 92/2012, il Governo ha voluto riformare il mercato del lavoro, modificando la regolamentazione delle prestazione del lavoro occasionale. Con questa riforma ha inoltre confermato all'INPS il ruolo di concessionario del servizio stesso. Oggi...
Lavoro e Carriera

5 cose da sapere sul pagamento con i voucher

Oggi non è sempre facile riuscire a trovare un'occupazione sicura, stabile e duratura nel tempo. Per tutti quei lavoratori che svolgono lavori discontinui, poco sicuri e che, nella maggior parte dei casi, non offrono tutti i vantaggi di cui un lavoratore...
Aziende e Imprese

Come aumentare la produttività aziendale

Fare di più con meno risorse è un must in ambiente di business competitivo di oggi, e questa dinamica non è destinata a cambiare in un futuro prossimo. A prescindere da quello di cui un'azienda si occupa, migliorando la sua produttività può portare...
Lavoro e Carriera

I principali diritti del lavoratore subordinato

La legislazione prevede la tutela dei lavoratori dipendenti per garantire loro un corretto rapporto con il datore di lavoro. Il lavoratore ha una posizione di inferiorità rispetto a lui ed è fondamentale quindi che le leggi regolamentano il rapporto...
Aziende e Imprese

Società: il ruolo del socio lavoratore di cooperativa

La società cooperativa, a differenza delle altre aziende, non ha come scopo ultimo il lucro ma il soddisfacimento dei suoi soci. Questo tipo di società assicura ai suoi proprietari condizioni più vantaggiose rispetto al mercato libero. La società...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.