Come incassare un assegno bancario

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

In questi ultimi anni l'utilizzo dei contanti è diminuito in modo notevole a favore di metodi di pagamento come il bancomat, la carta di credito e le carte prepagate (utilizzate soprattutto per gli acquisti in rete). Anche se introdotto da molto tempo, invece, l'assegno bancario è ancora oggi uno strumento molto utilizzato per effettuare pagamenti, vista la sua praticità. In questa guida, a tal proposito, verrà indicato come incassare un assegno bancario, attraverso delle istruzioni semplici da seguire.

25

Recarsi nella propria filiale bancaria

Per incassare un assegno bancario, sia che si tratti di un assegno trasferibile o di uno non trasferibile, è sufficiente recarsi in una filiale della Banca che ha emesso l'assegno (ossia la banca intestataria dello stesso) e chiedere direttamente allo sportello di cambiarlo in contanti. Sarà necessario mostrare un documento di identità ed eseguire una firma sul retro dell'assegno; in alcuni casi verrà fatta apporre anche la data di nascita. Se non sono mai state effettuate operazioni all'interno della banca (o di una sua filiale) sarà necessario compilare un modulo con i propri dati, che verrà conservato dalla banca stessa.

35

Verificare la scadenza dell'assegno bancario

Può accadere che nella zona in cui abita il beneficiario dell'assegno non siano presenti filiali della banca intestataria; in questo caso per incassare un assegno bancario il cliente si può recare in una banca nella quale possiede un conto corrente e chiedere di far trasferire su quest'ultimo l'importo dell'assegno stesso. Un aspetto importante da considerare è la scadenza dell'assegno bancario; dalla sua emissione, infatti, si ha un anno di tempo per incassarlo. Nel caso, però, si voglia avere la possibilità di agire qualora risulti scoperto, è opportuno incassarlo entro 8 giorni dalla data di emissione (per un assegno su piazza, ossia pagabile nello stesso Comune nel quale si è provveduto all'emissione) oppure entro 15 giorni (per un assegno fuori piazza, pagabile in un Comune diverso).

Continua la lettura
45

Revocare l'ordine di pagamento

Trascorso questo periodo di tempo chi ha rilasciato l'assegno ha la possibilità di contattare la propria banca e revocare l'ordine di pagamento; la banca stessa, a quel punto, impedirebbe al creditore di incassare la somma. È bene ricordare che si tratta solo di una possibilità, di un rischio che il creditore si assume non recandosi velocemente ad incassare quanto gli spetta. Diffuso è anche l'utilizzo dell'assegno postdatato, che viene impiegato quando si ha una momentanea carenza di fondi. In questo caso, se al momento dell'incasso non esistono somme depositate sufficienti a coprirlo sono previste sanzioni per chi lo ha emesso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Finanza Personale

Come emettere un assegno bancario

Gli assegni rappresentano uno strumento finanziario molto utile per emettere ed incassare dei pagamenti. La maggior parte delle persone lo utilizza insieme al bonifico proprio per questo scopo. Anche se essi possono variare in base all'istituto bancario...
Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario

L'assegno bancario è un utilissimo strumento di pagamento che può essere impiegato in sostituzione del denaro contante. Ma ai fini per contrastare il fenomeno del cosiddetto "denaro sporco, nel 2007, sono state introdotte norme più stringenti in funzione...
Finanza Personale

Come compilare un assegno bancario non trasferibile

Conseguentemente ad una norma contenuta nella Legge di Stabilità il limite per pagamenti in contanti è stato fissato a 3000 €. Questa manovra è stata fatta al fine di incentivare i consumi e porre fine ad un vero e proprio "terrore" fiscale. Resta,...
Finanza Personale

Come cancellare un protesto di un assegno postale o bancario

Nel momento in cui si va ad emettere un assegno di pagamento, sia bancario e sia postale, c'è la necessità di assicurarsi che la somma che dovrà essere prelevata sia subito a disposizione all'interno del proprio conto corrente personale. Nella guida...
Finanza Personale

Come compilare un assegno

Nel mondo digitale in cui viviamo oggi, molti dei trasferimenti di denaro avviene per via telematica attraverso bonifici online. Tuttavia, gli assegni cartacei rappresentano ancora uno strumento molto efficace e poco costoso per spostare somme di denaro....
Finanza Personale

Assegno circolare invalido: 5 cose da sapere

In materia e nell'ambito dei titoli di credito, l’assegno circolare è pagabile a vista (ovvero, all'atto della presentazione del titolo) e contiene la promessa da parte di un istituto bancario (denominato emittente) di pagare un determinato importo...
Finanza Personale

Come riscuotere un assegno postale

Le Poste Italiane oggi sono diventate un vero e proprio operatore finanziario, e permettono di svolgere molteplici operazioni finanziare, oltre a quelle classiche postali come invio di lettere, raccomandate e via dicendo. Alle Poste oggi è possibile...
Finanza Personale

Cosa fare in caso di assegno scoperto

L'assegno rappresenta un mezzo di pagamento largamente utilizzato al giorno d'oggi. La legge italiana determina che per ingenti somme di denaro non si può effettuare un pagamento in contanti. Come ogni cosa, ovviamente, questo metodo di pagamento presenta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.